Utente 523XXX
Gentili dottori, chiedo consulto dopo un anno di dolori e cambio di parere e cure odontoiatriche. Premesso che non ho mai soffrire di nevralgie dentali ma soffro di un leggero bruxsismo. Circa un anno fa, dopo aver curato una carie al secondo premolare destro, devitalizzato in seguito, cura di due canali effettuata più volte, in quanto A; dopo la prima devitalizzazione il dente è entrato in pulpite, ergo sono tornata dal dentista scoperto secondo canale, devitalizzato anche quello. B; tornata nuovamente perché continuavo a sentire dolore al dente, un dolore di origine meccanica, sensazione costante di indolenzimento più scariche occasionali. Nell’ulteriore controllo l’apice, riferiva, era più più lungo, quindi ancora prove di vitalità.Dopo tante sedute si è arreso in quanto stavamo entrando in accanimento, ho percepito anche che credesse esagerassi. Detto ciò cambio Dentista, riapre, nuovamente prove di vitalità e ti devitalizza il dente dopo aver fatto prima una cura con disinfezione pulpare. Quindi questo dente era devitalizzato o no? Fatto ciò, niente , questo dente continua ad essere costantemente fastidioso con episodi nevralgici, mi è stato anche suggerito potrebbe essere memoria del dolore del dente . Ora, dopo tantissima esposizione a continui stress, più indolenzimento del dente è diventato difficile toccarmi perché la soglia del dolore si è abbassata molto. Conclusione; tac, radiografie fatte ed a loro non risulta nulla, io continuo ad avere questo problema, davvero dovrei cercare un TERZO Dentista? C’è un parere differente da quelli che ho sentito, cioè di tenermi questo indolenzimento doloroso cronico che sta seriamente compromettendo la qualità della mia vita? Spero di essere stata corretta od almeno decente nella spiegazione. Un ringraziamento

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Difficile darle una risposta esaustiva senza poterla visitare ed avere report clinici e radiografici,dovrebbe anche spiegare se il dolore è continuo o si esacerba con la pressione per una migliore chiave di lettura.
Nel contempo le allego un link informativo


https://www.medicitalia.it/blog/odontoiatria-e-odontostomatologia/1828-perche-un-dente-devitalizzato-fa-male.html


Se ha domande chieda


Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 523XXX

Gentile dottore, mi rendo conto che senza una visita con relativi report clinici alla mano sia complicato, posso dirle in merito agli ultimi che, da parere di entrambi i colleghi, tutto è stato devitalizzato, nonostante anche il secondo dottore abbia dovuto farlo. Prescindendo da questo posso dirle che, il dolore è meccanico al solo passare un dito sul dente, indolenzimento, in più sento, con una frequenza non giornaliera ma molto frequente, queste scosse in totale stato di riposo, senza stress sulla zona, l’altro giorno ho effettuato cambio di una vecchia otturazione del primo molare vicino ed il dolore si è intensificato. Ora, ho notato che portato il bite non solo di notte, ma anche durante il giorno, l’indolenzimento pare attenuarsi lievemente. No, nella masticazione non rilevo problemi, altro dato, anche quando ho fatto un altro intervento nei pressi di quel dente, al ritorno a casa lavando i denti ho sentito un po’ di dolore. La questione è paragonabile ad una spina in un dito che costantemente ci infastidisce. Si, la costanza del fastidio più scariche dolorifiche è relativamente costante. Grazie per il link, lo avevo già consultato in quanto da un po’ di tempo cerco una soluzione alla cosa. Comprendo che la devitalizzazione possa non lasciare il dente completamente asintomatico, ma la mia domanda è se è possibile una cronicizzazione.

[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Non potendo verificare se la devitalizzazione sia stata correttamente eseguita potremmo in alternativa ipotizzare una microfrattura o un problema parodontale.Forse il caso di consultare uno specialista endodontista non sarebbe un'idea sbagliata.


Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#4] dopo  
Utente 523XXX

Controllando nell’ordine medico credo che entrambi i dottori non siano specializzati in ciò, ma odontoiatria e protesi dentali. Dopo la sua pazienza e consiglio vedrò di fare ricerche per trovarne uno in zona. La ringrazio molto per la pazienza e la cortesia. Un saluto.