Utente 176XXX
Buongiorno, sono una donna di 36 anni.
Faccio una breve premessa: ablata a maggio 2018 per tpsv. Portatrice di forame ovale pervio. In cura con cardioaspirina.
Intorno al 25 gennaio inizio a sentire male / fastidio alla lingua, nel fonndo della lingua ed esclusivamente sul lato sinistro. Con leggero dolore alla gola. Per i primi giorni uso tachipirina per il dolore. Un pochino passa ma il fastidio rimane. Dopo dieci giorni vado dal medico. Mi visita e mi dice che la zona e difficile da vedere. Vedendo la gola leggermente arrossata mi prescrive antibiotico. Primo giorno ogni 8 ore poi ogni 12 ore per altri 5 giorni. Io al quarto giorno stupidamente stando meglio smetto di assumerlo.( anche perché mi provocava extrasistoli forti).
Tutto bene per una settimana. Poi improvvisamente dinuovo dolore. Temporeggio con la tachipirina per qualche giorno.
Ieri mi decido, vado dal medico che però era sostituito da una dottoressa. Mi visita e dice che non vede nulla. Mi prescrive il cortisone.
Questa mattina inizio ad assumerlo ma dopo quattro cinque ore tachicardia ed extrasistoli forti.
Ritelefono alla sostituta la quale mi dice di sospendere e prendere per quattro giorni antinfiammatori.( sospendendo la cardioaspirina).
È un fastidio, sento pungere e tagliare. Sempre solo infondo a sinistra dietro la lingua. A volte basta muoverla bruscamente e sento il fastidio. Inizia a farmi male ogni tanto l'orecchio. Sento un leggero dolore anche al lato sinistro del collo. Non mi fa male deglutire cibo. Sento piu fastidio bevendo acqua.
Cosa potrebbe essere? È normale che duri così tanto tempo? Ho letto su internet di tumori e sono leggetmente spaventata. Ieri sera ho preso un oki mi ha fatto passare il male in cinqie minuti.
Cosa devo fare secondo voi la terapia è giusta?
Vi ringrazio e chiedo scusa.

[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentilissima utente, questa assunzione sporadica di vari farmaci senza una chiara diagnosi, non è corretta. Le consiglio visita odontoiatrica presso un odontoiatra che si occupa di patologia orale.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/