Utente 525XXX
Buonasera,

il presente per porvi la mia problematica.
Circa due anni fa, mi accorsi di avere un incisivo necrotico e di conseguenza più scuro rispetto agli altri. Il mio dentista lo devitalizzo' e ripristino' l'estetica del dente sbiancandolo dall'interno. Il risultato fu eccellente e abbastanza duraturo. Durante le prima settimane post sbiancamento, il dente devitalizzato appari' persino più bianco rispetto a quelli vitali. Oggi, a distanza di qualche anno, mi sono recato in studio per ripetere lo sbiancamento ma il risultato è stato deludente e pressoché nullo, nonostante la discromia fosse decisamente meno evidente rispetto alla volta precedente. Premetto che durante la seduta non ho avvertito il prodotto sbiancante agire sul dente ed erroneamente sulle gengive, cosa che invece si verifico' due anni prima. Non ci sono stati, questa volta, gli effetti collaterali tipici che durano qualche giorno: leggero bruciore gengivale, ipersensibilità... Voi cosa ne pensate? In che modo posso interfacciarmi con il mio dentista? È il caso di farlo notare? A giugno dovrei sottopormi ad uno sbiancamento per tutti gli altri denti e temo di peggiorare solo ulteriormente la situazione, rendendo più bianchi gli altri e lasciando il dente necrotico più scuro. Potrei riprovare a sbiancare di nuovo l' incisivo non vitale? Ho come la sensazione che il mio dentista non abbia correttamente sbiancato il mio dente come invece fece anni prima, ma temo possa risentirsi se provassi a farglielo notare.
Ringrazio in anticipo per la vostra cortese attenzione e porgo distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentilissimo utente, in modo educato lei può chiedere tutto quello che vuole al suo Odontoiatra e colmerà le sue perplessità con estrema facilità; per noi un paziente dubbioso è un paziente critico a cui dobbiamo chiarire ogni dubbio per riconquistare la sua fiducia.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Utente 525XXX

Egr. Dr. Ruffoni,

La ringrazio per la Sua risposta e mi attivero' per chiedere al mio odontoiatra maggiori delucidazioni in merito.
Cordialità.

[#3] dopo  
Dr.ssa Gisella Brandani

20% attività
20% attualità
0% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2017
"Voi cosa ne pensate? In che modo posso interfacciarmi con il mio dentista? È il caso di farlo notare?"

Torni tranquillamente dal Suo dentista e gli esponga il problema: potrebbe aver utilizzato un nuovo agente sbiancante, meno efficace rispetto al precedente.
Siamo continuamente bombardati dal marketing di nuovi materiali odontoiatrici, presentati sempre come più performanti ed innovativi rispetto ai precedenti ma, purtroppo, non sempre nella pratica i risultati si rivelano all'altezza delle aspettative.
Se di quanto sopra si trattasse il Suo dentista, non solo saprà come porvi rimedio, ma Le sarà sicuramente anche molto grato di averglielo fatto la problematica, così da poter evitare di riutilizzare la stesso prodotto insoddisfacente anche in futuro su altri pazienti.

ATTENZIONE:
la visita medica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.
I suggerimenti forniti dalla Dr.ssa Brandani online vanno intesi come meri consigli di comportamento, non sostitutivi della visita medica.
Dr.ssa Gisella Brandani
Medico Chirurgo
Specialista in Odontognatostomatologia
Consulente del Tribunale di Firenze

[#4] dopo  
Utente 525XXX

Ringrazio per la Sua cortese risposta.
Dunque, a parer Suo, il motivo per cui il mio dente non sia sbiancato "potrebbe" essere dovuto all'utilizzo di un prodotto non sufficientemente efficace. Se così fosse ne sarei sollevato, l'idea di non poter più intervenire sul colore del mio dente necrotico mi turberebbe creandomi disagio e insicurezza.
Cordialità.

[#5] dopo  
Dr.ssa Gisella Brandani

20% attività
20% attualità
0% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2017
"l'idea di non poter più intervenire sul colore del mio dente necrotico mi turberebbe creandomi disagio e insicurezza."

Non è assolutamente il caso: esistebbero comunque anche altre soluzioni, quali un weenering in composito (applicazione di materiale composito su tutta la superficie vestibolare del dente) o finanche l'applicazione di una faccetta dentale in ceramica (soluzione adottata su larga scala da tante persone dello spettacolo, anche solo per ringiovanire il colore di denti perfettamente sani).
Cordialità

ATTENZIONE:
la visita medica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.
I suggerimenti forniti dalla Dr.ssa Brandani online vanno intesi come meri consigli di comportamento, non sostitutivi della visita medica.
Dr.ssa Gisella Brandani
Medico Chirurgo
Specialista in Odontognatostomatologia
Consulente del Tribunale di Firenze