Utente 546XXX
Salve dottori,
Vi scrivo per togliermi un dubbio. Circa due mesi fa, ho iniziato ad avere dei forti mal di testa accompagnati da vertigini e dolori nella zona cervicale. Dopo aver capito che non si trattava di qualche colpo di freddo dal momento che il fisioterapista non risolveva mai totalmente il problema, mi sono recata dal medico il quale, dopo avergli spiegato il tipo di mal testa che colpiva soprattutto la zona delle tempie e dell’orecchio, ha percepito che il problema partiva sostanzialmente dal lato sinistro della mandibola nel momento di apertura. Sono andata allora dal dentista il quale ha riscontrato dai denti dei sintomi iniziali di bruxismo. Ha effettuato poi delle radiografie endorali (se non ricordo male si chiamano così), ma non ha potuto fare la panoramica per mancanza di strumenti a causa di un furto.
Tutto questo è successo verso metà aprile e il prossimo appuntamento sarà il 5 giugno per effettuare la panoramica e le impronte per il byte. Un dubbio che mi assale ogni giorno però è circa il dente del giudizio, perché il mal di testa si è sostanzialmente calmato da solo anche se alcune volte si ripresenta ma il problema principale riguarda il nervo vicino alla mandibola che è gonfio e dolorante da due mesi ormai e ne risente tutta la zona cervicale e delle spalle. La domanda è: potrebbe trattarsi di dente del giudizio incluso vicino/attaccato al nervo? Oppure il nervo è così a causa del problema mandibolare riscontrato? Non capisco se possa trattarsi di dente del giudizio perché la zona della guancia vicino all’angolo della mandibola è gonfia da due mesi e anche il nervo lì vicino, a volte avverto anche un leggero formicolio ma raramente. Se fosse stata fatta la panoramica non mi sarei posta il dubbio, ma ho sentito che dalle radiografie endorali non si possono vedere i denti inclusi e il 5 giugno è ancora abbastanza lontano.
Vi ringrazio in anticipo, cordialmente

[#1]  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
"......mi sono recata dal medico il quale, dopo avergli spiegato il tipo di mal testa che colpiva soprattutto la zona delle tempie e dell’orecchio, ha percepito che il problema partiva sostanzialmente dal lato sinistro della mandibola nel momento di apertura. Sono andata allora dal dentista il quale ha riscontrato dai denti dei sintomi iniziali di bruxismo..."




Non ho idea di come le sia stata fatta diagnosi di bruxismo,a meno che abbia delle vistose abrasioni sui denti dovuti al grinding.Oppure se lei é una che serra le mascelle(clenching).


Per capire meglio le invio un articolo sul bruxismo e sul TMD,del quale proprio il bruxismo è una delle cause più frequenti
e la cefalea è uno dei sintomi ricorrenti.


https://www.medicitalia.it/minforma/odontoiatria-e-odontostomatologia/699-bruxismo-come-riconoscerlo-e-come-affrontarlo.html




https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1968-disordine-temporomandibolare-e-dolore-facciale.html



Sul problema del "gonfiore" è necessaria una diagnosi differenziale tra una ipertrofia masseterina da masticazione unilaterale legata ad una malocclusione,oppure epifenomeno di una patologia a partenza dall' inclusione osteomucosa del dente del giudizio(pericoronite).

Per tale aspetto legga


https://www.medicitalia.it/blog/odontoiatria-e-odontostomatologia/1915-la-pericoronite-del-dente-del-giudizio.html



Poiché mancano dati diagnostici importanti per poterla consigliare,legga attentamente,poi se ha domande chieda pure.
Purtroppo on line senza poterla visitare ed avere report clinici è impossibile aggiungere altro.


Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 546XXX

La diagnosi del bruxismo è stata fatta dai canini consumati e per i segni da morsicatura all'interno delle guance
Dall’articolo non credo si tratti di pericoronite perché non sento dolore in corrispondenza del dente né è presente un’arrossamento
Mi rivedo più nell’articolo che tratta il disordine temporomandibolare, quindi credo sia più legato a quello il disagio
Vorrei chiederle un’ultima cosa, come è possibile che di punto in bianco si sia presentato questo problema?

[#3]  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Le cause del disordine temporo-mandibolare sono le malocclusioni,le parafunzioni(bruxismo, e mi sembra il suo caso e, se ha letto l'articolo informativo sul bruxismo notturno,si renderà conto che non è "una parafunzione che insorge d'emble'e " e che però i sintomi disfunzionali possono manifestarsi anche a distanza nel tempo.....),
traumi,artriti,pregressi trattamenti ortodontici o protesici incongrui.Il bruxismo è una delle cause più importanti.
Il mio consiglio e di farsi ben valutare da un Collega Gnatologo prima di intraprendere un dato percorso,in quanto la terapia,come leggerà nel prossimo articolo è multifattoriale.


https://www.medicitalia.it/blog/gnatologia-clinica/2613-disordine-temporomandibolare-quale-terapia.html




Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#4] dopo  
Utente 546XXX

Il dentista da cui sono andata mi aveva detto che si poteva correggere con la terapia del byte e una serie di esercizi ovviamente per quello che può fare lui, poi mi ha consigliato di intraprendere un percorso parallelo con uno psicologo per capire cosa c’e che mi preoccupa e che di conseguenza mi porta a digrignare i denti di notte, ma era stato molto chiaro sul fatto di non voler toccare i denti perché considerato rischioso (discorso che però mi ha fatto in relazioni a casi più gravi)
La ringrazio comunque per i suoi chiarimenti, cordiali saluti