Utente 107XXX
Gent.mi Dottori,da poco tempo faccio parte degli utenti di Medicitalia per un problema di prurito e linfonodi ingrossati che riguarda mio marito, per il quale ho ricevuto esaurienti e cortesi risposte da parte del dott. Arduino Baraldi.Ora che il prurito è scomparso, sic et simpliciter, e mio marito si sente un po meglio anche psicologicamente, dato che i medici ematologi consultati hanno,sulla scorta delle analisi effettuate( emocromo sostanzialmente normale, esame delle sottopopolazioni leucocitarie che ha evidenziato un invertito rapporto C4/c/8, ascrivibile probabalimente ad una pregressa infezione da citomegalovirus, rx torace normale, ecografia fegato e vie biliari normale, solamente la sindrome di Gilbert che comporta valiìori un po alti di bilirubina, etc)vorrei sottoporre alla vostra competente attenzione un altro problema annoso. Ogni mattina, al risveglio, il cuscino di mio marito è sporco di sangue un po scuretto che evidentemente fuoriesce nelle ore notturne dalla bocca. Il dentista allarga le braccia e non sa come risolvere il problema. Mio marito ha un impianto fisso nell'arcata superiore sinistra e varie volte ha eseguito la pulizia dei denti. Soffre anche di alitosi. E' Stato consultato anche un otorino che ha riscontrato un palato allungato e una distrofia sulla parte sinistra del naso. Inoltre sostiene che le perdite che si strovano sul cuscino non sono di sangue, ma ascrivibili a batteri che durante la notte proliferano e fuoriescono dal cavo orale. Consiglia anche una dieta dimagrante che, a suo dire, contribuirebbe ad alleviare il disturbo.Cosa ne pensate? Debbo cambiare dentista, quali altre indagini è opportuno fare?Ringrazio per la cortese attenzione e rimango in attesa di risposta.

[#1] dopo  
Dr. Alberto Ricciardi

24% attività
0% attualità
12% socialità
TREBISACCE (CS)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Che si debba cercare di dimagrire e di smettere di fumare (e/o di assumere stupefacenti) è un principio generale al quale tutte le persone intelligenti dovrebbero aderire.
Detto questo, una buona radiografia panoramica (magari DIGITALE) ed una coltura del liquido che trova al mattino sul cuscino, oltre ad un tampone oro-faringeo, possono dirci molto sulla provenienza di quell'essudato. Le ipotesi, tenedo anche conto del fattore ALITOSI, sono più di una: 1) una sinusite mascellare; 2) una perimplantite; 3) una parodontite mal o per niente controllata.
Infine, se ha fondati dubbi sulla competenza del suo Dentista, può sempre chiedere un altro parere.
Saluti.
Dr. Alberto Ricciardi
Odontoiatra - Ipnotista
via Fratelli Rosselli 16, 87075 Trebisacce (CS)
tel 3495338167

[#2] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gent Sig.ra
le macchie di sangue sul cuscio sono caratteristiche di una sofferenza gengivale-paradontale.periimplantare ( laddve presenti gli impianti ) sicuramente un adeguato controllo radiologico e clinico da un collega che si occupa di paradontolgia le saprà dare tutte le risposte cui abbisogna.
ovviamente quanto già detto dal Dr Ricciardi come abitudini a mantenere o da acquisire è di buon auspico per chiunque
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#3] dopo  
Utente 107XXX

Dist.mi Dottori, anzitutto Vi ringrazio per la sollecitudine con la quale avete riscontrato i miei quesiti. Volevo però sapere quali medici interpellare per effettuare le indagini da Voi proposte( analisi dell'essudato orale e quant'altro). Inoltre, secondo Voi, potrebbero avere qualche attinenza i linfonodi di pochi millimetri, peraltro di tipo reattivo, che mio marito si ritrova da qualche anno ai lati del collo ed in regione sottomandibolare e che controlla periodicamente con indagini ecografiche dai risultati, sino a questi momento, confortanti?
Infine, Vi risulta che in Sicilia vi siano dei validi professionisti in questo campo, che sappiano risolvere il problema?
Vi ringrazio ancora ed auguro a tutto lo staff medico una buona settimana.
Aggiungo che mio marito non beve, non ha mai fumato e che, purtroppo, avendo compiuto 60 anni, ha un metabolismo così lento da non permettergli il sospirato dimagrimento. Grazie ancora per l'aiuto che vorrete darmi.

[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Lo specialista è l'odontoiatra che si occupa di parodontologia, come i colleghi hanno già scritto
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum