Perno moncone e ricostruzione moncone protesico

Buonasera.
Ho una grossa ricostruzione ad un molare (17) che in seguito a radiografia risulta essere infiltrata (dente non devitalizzato ma dolore comunque completamente assente).
Il dottore a da cui mi sono recato è uno che fa parte del network di un'assicurazione che l'azienda per cui lavoro sottoscrive ai dipendenti.
Ho notato un certo fastidio da parte del medico nel servire i clienti che si recano tramite assicurazione dato che lo costringono a rispettare un nomenclatore con tariffe agevolate.
Oltre al fastidio ho notato atteggiamenti non corretti, ad esempio per effettuare un esame radiografico dell'intero palato mi sono stati prescritti (e pagati) 9 bitewing ed eseguiti 4.
A parte ciò il piano di cura prevede di devitalizzare il dente e sostituirlo con una capsula e nel piano di cura che mi è stato consegnato e da richiedere all'assicurazione oltre ad RX, devitalizzazione e capsula sono presenti le seguenti due voci:
- RICOSTRUZIONE MONCONE PROTESICO, PER ELEMENTO (140 euro)
- PERNO MONCONE CON PERNO IN L.
P O L.
N.P.
O CERAMICO O IN FIBRA DI CARBONIO, PER ELEMENTO (180 euro)

Le due voci non dovrebbero essere esclusive ovvero non dovrebbe essere presente o l'una o l'altra?


Sottolineo che il nomenclatore recita
"Il presente nomenclatore riporta tutte le prestazioni eseguibili in Odontoiatria e pertanto tutte le prestazioni vanno ricondotte (anche per similitudine) alle prestazioni elencate.
Non costituiscono prestazioni aggiuntive le metodiche con cui vengono eseguite le prestazioni (a titolo esemplificativo il posizionamento della diga, matrici, cunei, il rilievo di impronte, l'anestesia, ecc) poiché facenti parte delle prestazioni stesse.
Si ricorda inoltre che le prestazioni elencate sono comprensive di tutti i materiali utilizzati sia chirurgici sia protesici (in qualsiasi lega o composito) sia farmacologici"

ed inoltre ad esempio la voce del nomenclatore
"Corona in L.
P. e ceramica o metal free o AGC e porcellana, per elemento" (600 euro) dovrebbe prevedere anche il posizionamento della stessa.

Grazie
[#1]
Dr. Giuseppe Antonio Privitera Odontoiatra 814 41 1
Difficile esprimersi su discorsi del nomenclatore. Posso solo dirle che nella voce stessa si parla anche di perno in fibra, che è quello solitamente più usato, e quindi non solo di perno moncone; esso richiede comunque una ricostruzione, essendo anche un 17 il dente da ricostruire.
Sono comunque tutte informazioni che dovrebbe chiarire con il suo dentista.
A mio parere, però, c'è già un problema di fondo, e cioè il fatto che il rapporto medico-paziente non è iniziato nel migliore dei modi. Questa è già la più importante difficoltà in un' "alleanza terapeutica" che si deve instaurare.
Saluti

Dr. Giuseppe Antonio Privitera - Odontoiatra
Grazie per eventuali valutazioni dopo consulto
https://www.instagram.com/dr.giuseppep/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille! Dalla risposta mi pare di capire che quindi per perno moncone si intende tutta la struttura atta a sostenere la corona protesica, che può eventualmente contenere o no un perno in fibra o altro materiale (cioè questa voce "PERNO MONCONE CON PERNO IN L.P O L.N.P. O CERAMICO O IN FIBRA DI CARBONIO, PER ELEMENTO" nel caso sia presente il perno in qualsiasi materiale l'altra voce nel caso non sia presente). Chiederò chiarimenti alla struttura alla quale mi sono rivolto (che magari ha inserito entrambe le voci solo per poter decidere in un secondo momento cosa effettuare e fatturare solo la prestazione eseguita).

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa