Utente 158XXX
Buongiorno avrei bisogno che qualche medico, magari il dr.Pastore dal quale ho già avuto diverse risposte, mi spiegasse gentilmente l'esito della seguente TC eseguita da mio marito affetto da tumore gastrico avanzato e operato di gastrectomia totale.ENCEFALO: L'esame è stato eseguito in condizioni basali e dopo somministrazione di mdc organoiodato per via ev con sezioni di 5 mm di spessore. Quadro TC sostanzialmente invariato rispetto all'esame del 8/6/2010. Il quarto ventricolo è mediano e presenta morfologia normale. Non lesioni di alterata densità a focolaio in fossa posteriore. Il sistema ventricolare sovratentoriale è in asse, non dilatato, senza segni di compressione. Non alterazioni tomodensitometriche negli emisferi cerebrali. Lievemente ampliati i solchi corticali.Non impregnazioni patologiche di mdc.TORACE ADDOME: L'indagine è stata acquisita dopo iniezione endovenosa di 120 cc di mezzo di contrasto iodato non ionico. Rispetto all'esame del 8/6/2010 al torace non si evidenzia comparsa di addensamenti polmonari in atto. Non si osservano versamenti pleuro-pericardici nè linfoadenopatie mediastiniche. Sono invariati i linfonodi ascellari bilaterali con dimensioni intorno al centimetro già presenti soprattutto a destra. A livello addominale esito di gastrectomia. Si osserva sovvertimento del parenchima splenico di aspetto colliquato, probabilmente post ischemico, con parziale persistenza del polo inferiore. All'ilo si rileva immagine a densità metallica possibile clip chirurgica e si segnalano alcune immagini compatibili con vasi trombizzati. Appaiono aumentate per numero e dimensioni le localizzazioni secondarie epatiche. Invariati i restanti reperti.Riguardo a questa TC vorrei soprattutto sapere cosa significa la parte riguardante l'addome (sovvertimento del parenchima splenico ecc e all'ilo si rileva ecc.) e inoltre vorrei un vostro parere circa il trattamento chemioterapico da intraprendere, quali farmaci usereste? Per le lesioni patiche cosa sarebbe meglio fare? Vi ringrazio per tutto quello che saprete consigliarmi visto che purtroppo gli oncologi che hanno in cura mio marito non ci dicono molto al riguardo, anzi quasi nulla, ma penso che sia nostro diritto sapere. Grazie di cuore e buon lavoro

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

una porzione della TC riguardante l'addome descrive una sofferenza di alcuni organi causata da una alterata perfusione. La nota dolente è il coinvolgimento metastatico del fegato. Suggerire un trattamento farmacologico via web è arduo poichè sono molteplici i parametri da valutare. Se non eseguito in precedenza un protocollo classico per le neoplasie gastriche è l'ECF, alternativa valida può essere una combinazione capecitabina + docetaxel oppure capecitabina + oxaliplatino. L'ipertermia capacitiva trova indicazione in abbinamento alla terapia farmacologica. Una stadiazione completa non può poi prescindere da una scintigrafia ossea total body.

Cari saluti
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#2] dopo  
Utente 158XXX

Gentilissimo dr.Pastore, la ringrazio moltissimo per la sua cortese risposta e, sperando di non disturbarla ulteriormente, vorrei gentilmente farle altre domande riguardo la TC di cui sopra. Vorrei sapere se la milza risulta danneggiata, a me pare con necrosi ma io non sono medico, visto che il chirurgo che fece la gastrectomia totale a mio marito disse di averla trovata in buone condizioni e da questa TC inoltre si evidenzia una clip chirurgica all'ilo, la mia domanda è: dimenticanza da parte dei medici oppure fa parte dell'intervento e se la risposta fosse questa, a cosa serve? Per quanto riguarda il discorso della chemioterapia, mio marito prima dell'intervento, ha fatto 4 cicli con Cisplatino - Taxotere + 5 FU in pompa CAAD per 7 gg. è questo un protocollo classico per il tumore gastrico? Il trattamento da lei sopra suggerito è valido? Per quanto riguarda la scintigrafia ossea total body abbiamo già preso l'appuntamento per la settimana prossima. Un'ultima domanda, poi spero di non disturbarla più, ma come lei ben capirà il mio stato d'animo in una situazione così grave, per il fegato non si può far nulla a parte la chemio? Secondo la sua esperienza avere fatto la gastrectomia totale nelle sue condizioni di partenza già compromesse, ha peggiorato la prognosi? La prego mi dica pure la verità. Grazie di cuore ancora una volta per tutto ciò che mi dirà, per me molto importante. Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

la situazione a livello splenico (milza) può derivare da molteplici fattori, tra cui in particolare la diffusione di malattia a livello epatico e la trombizzazione vascolare spesso presente in condizioni neoplastiche. La prognosi in questo caso è comandata dal coinvolgimento epatico. Il protocollo chemioterapico effettuato è idoneo ma deve essere ora sostituito con l'impiego di altri farmaco. Oltre la chemioterapia a livello epatico si può aggiungere l'ipertermia capacitiva.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#4] dopo  
Utente 158XXX

Gentile dr.Pastore, la ringrazio nuovamente di cuore e colgo l'occasione per chiederle un'ultima cosa riguardo alla milza: non è funzionante vero? Quindi non sarebbe meglio asportarla per evitare ulteriori danni a mio marito oppure si può comunque lasciarla nel corpo senza alcun problema? Quali altri farmaci sarebbero efficaci nella situazione di mio marito già così compromesso? Grazie ancora se vorrà rispondermi. Cordiali saluti