Utente 737XXX
Gentili dottori,
mio nonno ha 80 anni ma ne dimostra minimo 20 anni in meno.

Non ha mai avuto problemi di salute, a parte la pressione alta.

Nell'ultimo periodo ha notata del sangue nel muco, ne ha parlato con il medico di famiglia il quale gli ha consigliato un rx al torace. Da lì è comparsa una macchia al polmone. E' stato ricoverato 4 giorni x ulteriori accertamenti, ha fatto una tac e una broncoscopia. In ultimo è stato sottoposto ad agoaspirazione, riporto il risultato qui

ESAME CITOLOGICO SU F.N.A.B. DI NODULO POLMONARE
Sede del prelievo: polmone, agoaspirazione di massa del polmone di destra

Esame microscopico: positiva la ricerca di cellule neoplastiche.
Quadro citologico caratterizzato da elementi cellulari squamosi atipici con criterio di malignità nucleare (nuclei ingranditi, ipercromatici, con membrana irregolare ed irregolare distribuzione della cromatina. Nucleoli prominenti. I citoplasmi appaiono allungati e densi. Il pattern dei aggregazione appare organizzato in clusters a bordi definiti ed elementi singoli. Presenza di
necrosi.

Conclusioni: citomorfologia coerente con neoplasia maligna primitiva del polmone tipo non small cell
- carcinoma spinocellulare


Lo specialista che lo tiene sotto cura ci ha consigliato di escludere l'intervento chirurgico e di procedere con una radioterapia.
Oggi è stato sottoposto ad una visita per iniziare la prassi per la radioterapia e il dottore ci ha detto che deve sottoporlo ad una nuova tac poichè non tutti i pazienti possono essere sottoposti a radioterapia.

Io le scrivo per avere un vostro parere, vorrei capire perchè i medici escludono la chemioterapia e preferiscono la radioterapia; inoltre se mio nonno non può sottoporsi a radioterapia, come si procederà?

Vi ringrazio in anticipo per la vostra disponibilità

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

probabilmente viene esclusa la chemioterapia per età. A mio avviso, se le condizioni generali lo permettono, una monochemioterapia (ad esempio con vinorelbina o paclitaxel od erlotinib) può essere prescritta. La radioterapia se la malattia non è troppo estesa è indicata e la abbinerei ad ipertermia.

Cari saluti
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#2] dopo  
Utente 737XXX

Ringraziandola per il suo consiglio, Le porgo un'ulteriore domanda.
Il medico che attualmente ha in cura mio nonno, sta valutando di sottoporlo ad una radiochirurgia stereotassica (Body Radiosurgery) presso un centro di Agropoli (http://www.malzoniradiosurgery.it/index_ita.html). Lei cosa ne pensa di questa terapia?