Utente 456XXX
In seguito ad esportazione di melanoma dorsale di mm 2.25 e successiva escissione radicale nella pregressa cicatrice di 8.2 mm di spessore e asportazione contemporanea di 2 linfonodi sentinella ascellari con esame istologico negativo, vengo indirizzato dall'oncologo che prima della eventuale terapia prescrive "scintigrafia PET Total Body" ( NEGATIVA per immagini di patologico accumulo del tracciante significative per presenza di lesioni neoproduttive ad elevato metabolismo glucidico) e a seguito di ecografia precedente (formazione nodulare ipoecogena di circa 3 cm riscontrato dell'Viii segmento meritevole di approfondimento con TC),successiva "TAC addominale superiore con e senza contrasto" (angiomi multipli epatici di tipo benigno:uno all'VIII segmento con diametro di circa 16 mm ed altro al secondo segmento con diametro di 28 mm ed un terzo molto piccolo di 7 mm a livello del VI segmento-non si documentano lesioni di significato produttivo in ambito epatico splenico pancreatico e renale.....).-
Ora l'oncologo propone una nuova visita oncologica di controllo fra 4 mesi corredata da RX torace-esami sangue e ulteriore TAC addominale (quest'ultima preferirei evitarla in quanto nella precedente durante la percezione del calore, ho accusato alcuni inconvenienti non affatto simpatici-principio di svenimento/giramento di testa/sensazione di vuoto cardiaco diminuzione e accellerazione).-
Chiedo un Vs. parere sulla necessità di sottopormi a detto ulteriore esame peraltro sconsigliato dal mio medico di famiglia in quanto ritenuto rischioso e superfluo a seguito della negatività della PET e visto l'esito favorevole della precedente TAC onde evitare ulteriori radiazioni.-
Non è possibile proporre all'oncologo senza compromettere in modo determinante la validità della eventuale terapia, al posto della TAC in considerazione delle difficoltà rilevate, una eventuale nuova ecografia addome che possa evidenziare variazioni rispetto alla precedente che almeno mi lascerebbe più tranquillo ??

[#1] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Carissimo utente,
perchè non ne parla chiaramente con il suo oncologo?
E' chiaro che per richiedere un esame ci sono delle motivazioni cliniche alla base.
LA PET è un esame metabolico-funzionale, cioè esalta la presenza di cellularità attiva dal punto di vista metabolico ed è di grande ausilio per la valutazione della risposta al trattamento oncologico o per una ristadiazione della malattia. La TC invece è utile per uno studio morfologico-anatomico più dettagliato. Sono esami diversi con diversi obiettivi. L'Ecografia invece è un altro esame morfologico, molto utile per lo studio di organi come il fegato, in assenza di emissione di radiazioni ionizzanti ma presenta il forte limite di essere condizionato dall'abilità manuale dell'operatore radiologo.
Ne riparli con calma con chi ha prescritto l'esame, facendo presente le sue giuste motivazioni. Lo specialista le darà le motivazioni o potrà anche decidere di cambiarle l'esame, ma non spetta certo a noi farlo, (nè tantomeno al suo medico curante!),
Cordiali Saluti
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),

[#2] dopo  
Dr. Carlo Carnaghi

16% attività
0% attualità
0% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 16
Iscritto dal 2007
Condivido l'opportunità di eseguire un nuovo controllo dei verosimili angiomi epatici a 4 mesi anche se la negatività della PET rappresenta un solidissimo elemento a favore della natura benigna di tali lesioni.
La sua proposta di eseguire un controllo con sola ecografia è molto ragionevole e pienamente condivisibile.
E'comunque importante che lei parli apertamente con il suo oncologo in modo da chiarire le ragioni che lo hanno spinto a proporle una nuova TC di controllo.
Cordiali Saluti

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
concordo con i colleghi che in molti casi, quando non è disponibile tutta la documentazione clinico-strumentale, è impossibile, tramite Internet, soddisfare una richiesta di consulto.
Questo purtroppo è il limite del Web.
Cordiali saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 456XXX

Nel ringraziare per le importanti informazioni fornite gradirei un parere circa le aspettative di vita a 5/10 anni nel mio caso (infauste o meno) ed in considerazione che anche a mia moglie è stato riscontrato melanoma 0,25 mm.e livello 2 se sia il caso di tenere monitorata la situazione e con quali procedimenti, anche nei riguardi di figli e nipoti-

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
pur in considerazione della Sua comprensibile ansia( ma forse eccessiva), è ancora più difficile risponderLe sulle aspettative di vita, tramite Internet, per la stessa ragione che avevo esposto nella replica precedente.

Riproponga il quesito con molta franchezza al Suo oncologo.

Sicuramente la familiarità per melanoma impone un monitoraggio
diagnostico per i figli associato alle note misure di prevenzione
( esempio esposizione ai raggi solari...).

Cordialmente
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com