Utente 370XXX
Mio figlio di anni 26 da due mesi ha terminato la terapia per un linfoma di Hodgkin IIb, consistente in 6 cicli di chemioterapia e un mese di radioterapia. Ora è nuovamente ricomparsa sulla testa sul viso e sulle orecchie una dermatite di cui già soffriva prima, ma che mentre faceva le terapie oncologiche non si manifestava. Al momento questa dermatite è rivenuta fuori in modo più forte di prima e il dermatologo gli ha dato una cura specifica per cercare di attenuare gli evidenti segni. Ora mio figlio vorrebbe fare uso delle lampade UVA perchè gli è stato riferito che per questo tipo di dermatiti sono efficaci. Visto che si parla molto del fatto che queste lampade possono sviluppare neoplasie e che comunque l'ematologo ci dice che lui per qualche anno rimane più esposto allo sviluppo di tumori secondari avendo eseguito le terapie oncologiche, vorrei sapere se l'uso delle lampade UVA può, nel suo caso, creare altri problemi.
Ringrazio e resto in attesa di risposta.

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

direi che può tranquillamente farne uso. Un ulteriore consiglio è comunque quello di seguire i consigli dello specialista in dermatologia che è stato interpellato. Egli potrà dirigere la terapia nel giusto verso.


Molto cordialmente, un grande in bocca al lupo

Dr. Carlo Pastore
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#2] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Stia tranquillo : non ci sono problemi con le cautele del caso che valgono per tutta la popolazione generale.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#3] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Concordo con i miei colleghi.
Relativamente al tipo di radiazioni ionizzanti è assolutamente vero che con la radioterapia può aumentare l'incidenza di secondi tumori ad esempio sulle mammelle(soprattutto nelle donne)dopo l'irradiazione del mediastino, con un picco di incidenza relativa entro i 15anni dalla fine della terapia. Ma il ruolo additivo delle radiazioni ultraviolette è assolutamente irrilevante, a mio parere.
Cordiali Saluti
Dr.Filippo Alongi
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),