Utente 391XXX
Buongiorno, le scrivo per sapere un' opinione ulteriore. Mia mamma è stata operata di carcinoma lobulare infiltrante stadio 1, due linfonodi ascellari positivi, ormonale, assenza vascolare,tutto questo nel 2006, quadrante,scavo ascellare,radioterapia, aridimex per 5 anni. Nel 2014 recidiva stesso seno operato, t2 perché 2,5 cm,stessa caratteristica biologica ma g3. Terapia con esantone.
Luglio 2016 recidiva linfonodi catena mammaria interna, altri organi indenni,ha appena finito le radioterapie 25 sedute e assume faslidex.
Domanda: oncologa dice nn è in pericolo di vita ma leggo dati non favorevoli sulla prognosi.
Cosa devo aspettarmi? Metastasi a distanza? È controllabile questa recidiva ai linfonodi? Riduce drasticamente la sopravvivenza?
Grazie da una figlia disperata

[#1]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>>Luglio 2016 recidiva linfonodi catena mammaria interna>> ????

Luglio 2016 (^___^) ???


Da quanto scrive seguirei consigli e valutazioni della sua oncologa e lasci perdere le informazioni che raccoglie sulla rete perchè

1) I fattori prognostici in una situazione come quella che descrive sono in parte legati alle caratteristiche del tumore primitivo ed in particolare alle caratteristiche della recidiva, in questo caso loco-regionale della catena mammaria interna.
I fattori riconosciuti come prognostici sono rappresentati inoltre dalla durata dell'intervallo libero, dallo stadio del tumore primitivo, dall'interessamento (e numero) dei linfonodi ascellari al momento del primo intervento, dall'estensione della recidiva e dal tipo di trattamento effettuato .

2) Tutto questo in linea teorica. Vado controcorrente perchè in realtà poi la sopravvivenza dipende ANCHE da altro

Legga

https://www.medicitalia.it/blog/oncologia-medica/4700-dare-sempre-speranza-i-fattori-predittivi-sono-una-mera-informazione-non-una-condanna.html

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 391XXX

La ringrazio tanto per la risposta, e dell' articolo che mi ha consigliato molto profondo ed interessante.
Riguardo i fattori prognostici, aveva tre linfonodi ascellari positivi e adesso due della catena mammaria interna SUV max 6.70.
Ha finito di irradiare tutti i linfonodi del torace. È passato solo un anno dalla recidiva, siamo messi malino?
Inoltre ora ha le transaminasi alte potrebbe essere il fulvestrant?
Grazie dottore

[#3] dopo  
Utente 391XXX

Caro dottore,
Le scrivo x chiederle, se la pet due mesi fa era negativa, sarebbe possibile un secondarismi al fegato se ora transaminasi il doppio? O più possibile il fulvestrant come effetti collaterali? Scusi l' insistenza.

[#4]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Mi chiede di predire il futuro ?? (^____^).

a) non conosco neanche il mio .
b) Quanto scrive (trattata con RT + antiestrogeni) suggerisce un cauto ottimismo.
c) Sull'aumento delle transaminasi dovrebbe discuterne attraverso un FRANCO colloquio (=guardandosi negli occhi) con il suo oncologo che ha tutto il quadro clinico-strumentale sottomano, farmaco compreso.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com