Utente 401XXX
Buongiorno ho bisogno di un consiglio, a mia mamma è 76 anni è stato diagnosticato un carcinoma mammario invasivo g2 positivo ai recettori ormonali, il chirurgo ha optato per mastectomia trattandosi di seno sinistro e non può fare radio perché è dalla parte del cuore, dopo aver fatto gli esami per l'operazione settimana scorsa mi chiamano per intervento dopo poche ore chiama medico chirurgo che sospende tutto e dice di sentire oncologo per cura farmacologica, questo perché non può sospendere la cardioaspirina a detta del cardiologo .mia mamma ha fatto 18 anni fa 3 by pass coronarico poi 6 anni fa controllo con coronarografia per operazione di microdecompressione al nervo trigemino e poi dopo 4 mesi un ictus con acacia ed emiplegia destra praticamente è in carrozzina. Gli esami che ha fatto sono buoni, secondo lei non c'è nessun modo per intervenire anche in modo meno invasivo? E che percentuale di successo può avere una cura farmacologica? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ho letto più volte la sua richiesta, ma francamente non sono riuscito a comprendere la decisione da una mastectomia a...non far nulla. Suppongo per le condizioni generali della mamma.

In questi casi oltre i 70 anni di età ci si regola....Legga

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/aggressivo_carcinoma_eta_senile.htm

Tanti saluti

Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 401XXX

Probabilmente è perché non può sospendere la cardioaspirina perché è rischioso oggi sento l'oncologo per terapia farmacologica antiormonale mi chiedevo quanto può essere utile rispetto all'operazione essendo positiva ai recettori ormonali. Chiedevo se non ci sono altri modi per intervenire chirurgicamente meno invasivi se non può sospendere la cardioaspirina e senza anestesia totale grazie

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
In questi casi si propende per una anestesia locale+ sedazione
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 401XXX

essendoci anche questa possibilità avrei intenzione di seguire anche questa strada.Mille grazie per il suo interessamento provvederò a contattarla al più presto

[#5] dopo  
Utente 401XXX

Dimenticavo di dirle che l'oncologo mi ha dato il letrozolo da prendere, poi fra 3 mesi ripetere esami sangue ed ecografia. Se il tumore si riduce allora si può prospettare eventualmente di fare una nodulectomia. Mi chiedo perché non la fanno ora ho paura che mi vogliano solo illudere. Secondo lei è corretta una procedura di questo genere, mi scusi se la disturbo ancora

[#6] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
No non è una proposta avventata perchè paradossalmente a questa età la maggioranza dei tumori del seno sono ormonoresponsivi. Si fidi.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#7] dopo  
Utente 401XXX

Quindi secondo lei vale la pena di aspettare questi 3 mesi per vedere come va . Ho solo tanta paura che lui avanzi e poi non si possa intervenire con una nodulectomia se questa è possibile, la cosa più brutta è sapere di non aver fatto il possibile per il suo bene , grazie per essere un angelo per tutti noi che non ci arrendiamo

[#8] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Di nulla, figuriamoci
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com