Utente 101XXX
Mia madre, 71 anni a luglio vede macchie di sangue vivo, effettua
1)esame del sangue occuto nelle fece -risultato negativo;
2)coloscopia -risultato grossa formazione vegetante del cieco
3)emocromo e marcatori risultato emocromo tutto nella norma marcatori CEA 3,1
GICA (CA 19-9) 5,5;
4)TAC prima e dopo somministrazione di MDC IODATO E.V. con tecnica trifasica - risutato non sonoapprezzabili significative modificazioni localizzate della densitometria degli organi addominali ipocondriaci di significato eteroplasico. Vie biliari intra ed extra epatiche non dilatate. Colecisti distesa e pareti non ispessite. Surreni e reni apparentemente esenti da lesioni focali (microcisti polare superiore destra di circa 7mm) con buon effetto perenchimografico e nefrografico e regolare concentrazione di urina iodata nelle cavità calico-pieliche che non appaiono dilatate. Non evidenti tumefazioni linfonodali lungo le catene lombo-aortiche ed iliache. Non evidente versamento fluido endoaddominale e nello scavo pelvico ove non sono apprezzabili reperti abnormi.
annotazione per quel che riguarda la lesione segnalata all'esame endoscopico si segnala apparente imbottimento della regione valvolare ad opera di tessuto a densità parenchimatosa con riscontro di formazione ipodensa ovalare a densità simil idrica che si estende in sede extraviscerale iuxta ileale di ciraca 23mm di diametro di non univoca interpretazione (cisti mesenteriale? mucocele appendicolare? altro?)

Mentre la coloscopia non lasciava grandi dubbi circa la presenza di un tumore maligno,i marcatori e soprattutto la TAC mi hanno ridato forti speranze che non si tratti appunto di una neoplasia, vorrei un vostro parere, grazie.

[#1]  
Prof. Piero Narilli

20% attività
4% attualità
8% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
gentile signora,
da quanto da Lei esposto, tutte e due le indagini effettuate (TAC ecolonscopia) dimostrano la presenza di una neoformazione del ceco.I marcatori tumorali nella norma purtroppo non garantiscono l'assenza di neoplasie e in genere l'esame endoscopico,specie se eseguito da medici esperti,ha una attendibilità elevata . Non è stata eseguita una biopsia della lesione durante la colonscopia ?
Consiglierei in ogni caso di affidarsi allo specialista chirurgo di sua fiducia.Cari saluti
Prof. Piero Narilli
piero.narilli@uniroma1.it

[#2] dopo  
Utente 101XXX

La ringrqazio molto, vorrei aggiungere che i prelievi al momento della colonscopia sono stati eseguiti e proprio ieri è arrivato il risultato: adenoma con displasia di alto grado, che cosa ne pensa?

[#3]  
Dr. Alessandro D'Angelo

52% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Che comunque và rimosso ed analizzato in toto, anche se l'esame fà propendere per una neoformazione non maligna.
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)

[#4] dopo  
Utente 101XXX

Rinnovo i miei rigraziamenti per la disponibilità, la velocità e la competenza con la quale mi avete risposto e chiedo se secondo voi sarà possibile e soprattutto definitivo intervenire in laparoscopia e quale sarà il decorso post-operatorio?

[#5]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Le resezioni coliche laparoscopiche sono eseguite in centri selezionati e, in mani esperte, presentano risultati sostanzialmente sovrapponibili a quelli delle resezioni per via laparotomica in termini di prognosi oncologica.
Alcuni dati a favore della resezione per via laparoscopica relativi al decorso postoperatorio in termini di dolore, ripresa dell' attivita' fisica e complicanze attendono validazione definitiva.
Infine, relativamente al caso descritto, una polipectomia endoscopica potrebbe essere indicata in base alla valutazione dell' endoscopista. AUguri!
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#6] dopo  
Utente 101XXX

Desidererei avere ulteriori chiarimenti in merito a laparoscopia e laparatomia in quanto in via endoscopica non è possibile rimuovere l'adenoma perchè "duro", grazie.

[#7] dopo  
Utente 101XXX

Inoltre vorrei aggiungere che neel'esame istologico vi è scritto:
Diagnosi
adenoma con displasia di alto grado
Snomed TNM
T-671000
M-814000
M740080
DESCRIZIONE MICROSCOPICA
1->4: frammenti di proliferazione adenomatosa tubulo-villosa con displasia di alto grado, ed estesi fenomeni flogistici acuti e cronici.
La diagnosi riassuntiva non mi è chiara non sapendo cosa significa TNM ed anche la descrizione microscopica, vorrei un vostro parere anche in riferimento a lapascopia o laparatomia, di nuovo grazie.

[#8] dopo  
Utente 101XXX

Vorrei tanto le risposte agli ultimi due quesiti posti, vi prego datemi chiarimenti, sono molto preoccupata!

[#9] dopo  
Utente 101XXX

Vorrei tanto le risposte agli ultimi due quesiti posti, vi prego datemi chiarimenti, sono molto preoccupata!

[#10]  
Dr. Alessandro D'Angelo

52% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
La escissione laparoscopica viene effettuata con l'ausilio di un endoscopia che entra nell'addome tramite dei fori (molto semplicisticamente), mentre la laparotomia è quando si "apre" la pancia!

ha parlato con l'endoscopista della possibilità di "tagliuzzarlo" e rimuoverlo endoscopicamente, anche se duro?
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)