Utente 162XXX
Purtroppo sono ancora qui a disturbarVi,sono Senilia di 79 anni. Dopo 4 giorni dall'inizio dell'assunzione del tamoxifene , ho avvertito , in seguito ad un piccolo sforzo ( sono salita su una sedia ) , un forte dolore in sede lombare . Sono stata a riposo per alcuni giorni , applicando un antidolorifico in gel . Nel frattempo ho iniziato la radioterapia per la neoplasia alla mammella sn. Dopo 15 gg. per l'aumentare del dolore sono andata al pronto soccorso , dove ho eseguito RX lombare +RX anche ,con questo esito: modica riduzione del tono calcico in rapporto ad osteopenia, non alterazioni dei metameri lombari.Ernia di Schmorl della limitante somatica inferiore di D11.Sclerosi dei tetti acetabolari bilaterale con regolare ampiezza delle emirime articolari coxo-femorali.Dalla visita ortopedica è risultato :Lasegue e Wasserman negativi, rachide lombosacrale modestamente contratto,dolore alla pressione in regione paravertebrale tratto L-S , non deficit di forza periferici ,non deficit vascul-nervosi-periferici, iniziale quadro spondiloartrosico con osteopenia generalizzata.La terapia suggerita dall'ortopedico : 12 iniezioni i.m. di miorilassante + applicazioni con schiuma miorilassante e riposo è stata eseguita , sono passati altri 20 gg. il dolore lombare si è un poco attenuato,ma non riesco piu' a camminare ,perchè,appoggiando la gamba dx. sento un gran dolore alla coscia ,in regione inguinale ,come se un muscolo si spostasse , inoltre ho sempre una gran sete ed un poco di nausea . Puo', tutto cio' ,essere un effetto collaterale del tamoxifene? Se è cosi , con cosa posso sostituirlo? Sono veramente disperata perchè pochi giorni fa facevo tutto ed ora non riesco piu' nemmeno a stare in piedi . Grazie per la Vostra attenzione , gentilezza e cortesia . Cordiali saluti . Senilia

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Cara Senilia,

io direi che prima di attribuire la responsabilità del quadro al tamoxifene (cosa che dopo 4 compresse ritengo improbabile), eseguirei una scintigrafia ossea e degli esami generici del sangue (in particolare la calcemia).

Gradirei ci tenessi aggiornati. Un caro saluto

Molto cordialmente

Dr. Carlo Pastore
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#2] dopo  
Utente 162XXX

Oggi ho ancora piu' difficolta' a reggermi in piedi ed il dolore è un poco aumentato,alla coscia dx.. Preoccupata di cio' , ho telefonato all' oncologo che mi ha seguito dall'intervento ( era in ferie) , il sostituto , mi ha detto di sospendere il TAMOXIFENE per una settimana e di andare da lui il 31/10/06 per una visita . Ho sentito anche un ortopedico , mi ha consigliato di fare : VES , PCR , FOSFATASI ALCALINA , EMOCROMO ( gia' eseguiti , purtroppo non ho pensato di aggiungere la CALCEMIA . ) , e di andare da lui il 25 c.m. Grazie per la Sua sollecita e gentile risposta . La terro' aggiornata . Cordiali saluti, Senilia

[#3] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Di nulla cara Senilia, non devi ringraziarmi. Mi fa veramente piacere se mi tieni aggiornato.

Un caro saluto

Carlo Pastore
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#4] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Condivido lo scetticismo del dr. Pastore : effetti collaterali del Tamoxifene dopo la somministrazione
di 4 compresse (!!??)
Salvo Catania
www.senosalvo.com
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#5] dopo  
Utente 162XXX

Buonasera . Sono di nuovo Senilia . Disperata perchè , in seguito ad ecografia mi sono stati riscontrati al quarto e settimo segmento del fegato , 2 immagini nodulari ipoecogene di 16 e 21 mm. , compatibili con localizzazioni secondarie . Con la radiografia del torace : innumererevoli , millimetriche immagini nodulari diffuse ad entrambi i campi polmonari . Domani faro' una scintigrafia perchè , la lombo sciatalgia non passa e per via della fosfatasi alcalina sopra i valori normali . Come puo' un tumore cosi' piccolo della mammella ( G2-G1)e poi all'eta' di 79 anni aver causato tutto cio' . Il chirurgo mi aveva assicurato che il linfonodo sentinella era a posto ! Per favore , se potete , datemi un consiglio e una speranza . Grazie . Senilia

[#6] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Cara Senilia,

non allarmarti!! A tutto c'è rimedio...è possibile fare delle terapie. La metodica del linfonodo sentinella non è purtroppo affidabile al 100% (poichè può accadere che le cellule neoplastiche by-passino il primo linfonodo). Comunque il problema non è sul linfonodo sentinella ma sul fatto che purtroppo le neoplasie possono raggiungere altri organi anche per via ematogena e non necessariamente linfatica. Io procederei come segue:
- innanzitutto correttamente con la scintigrafia ossea, poichè se dovessero comparire lesioni ossee si può fare un trattamento molto efficace con acido zoledronico (Zometa). Si somministra con una fleboclisi ogni 28 giorni.
- valutare sul pezzo istologico iniziale o con una biopsia su una delle lesioni epatiche la positività del c-erb. Tale positività con intensità 3+ aprirebbe la strada alla terapia con trastuzumab (un anticorpo monoclonale specifico per le neoplasie mammarie).
- iniziare comunque una terapia per fleboclisi che sia compatibile con eventuali comorbilità e con la tua età.
- cambiare ormonoterapia (ad esempio usare il fulvestrant)
Per le neoplasie mammarie oggigiorno esistono innumerevoli possibilità terapeutiche e non devi scoraggiarti. Sii serena e se vuoi fai un saltino a Roma..

Un caro saluto, a disposizione

Dr. Carlo Pastore
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#7] dopo  
Utente 162XXX

Grazie , sempre infinitamente gentile Dottore . Se abitassi piu' vicino verrei sicuramente a Roma . Purtroppo abito in provincia di Ravenna . L' esito della sintigrafia mi è stato anticipato a voce : tutto il rachide è preso da noduli diffusi . Da questo dipenderebbe il forte dolore che ho alla schiena ed alla coscia destra . L'oncologa di Lugo mi ha prescritto una TAC per vedere se tutto cio' è partito da un ' altra parte ;iniziare un altro ciclo di radioterapia al rachide ; introdurre dei bifosfonati ; valutazione sul pezzo istologico iniziale , iniziare terapia con fleboclisi , come da Lei suggerito . Non mi ha proposto di cambiare il Tamoxifene . Se potessi l' abbraccerei . E' veramente tanto gentile ! Nuovamente grazie per la Sua squisita cortesia . Buon Natale ! Senilia

[#8] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Cara Senilia,

è un piacere poter essere utile. Il lato umano della professione e dei rapporti con le altre persone a mio avviso non deve essere mai trascurato. Non si deve ridurre l'essere umano ad un organo o ad un numero, si parla di persone ognuna con la propria identità. Il piano terapeutico mi sembra impostato per il meglio. Vedrai che tutto andrà bene e ti auguro di trascorrere un sereno Natale.

un grande abbraccio, tienimi informato se ti fa piacere

Carlo
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#9] dopo  
Utente 162XXX

Grazie ! Oggi mi hanno fissato l'appuntamento per la TAC e per iniziare la terapia con Zometa : 13/12/2006 . Non vedo l' ora di incominciare . Prima non è possibile . Spero che che in 8 giorni non peggiori . E' talmente veloce questo tumore . Vi sono Persone in cui la Sensibilita' , l'Umanita' e la Gentilezza , sono innate . Lei è Una di Queste . Un forte abbraccio ed un sereno Natale anche a Lei ! Senilia

[#10] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Benissimo Senilia..non preoccuparti in 8 giorni non accade nulla. Vedrai che appena iniziato lo Zometa ti sentirai subito meglio (soprattutto man mano passa il dolore). L'acido zoledronico oltre a contrastare il dolore ha anche un azione diretta sulle cellule neoplastiche dell'ambiente osseo. Sei troppo gentile negli elogi...mi farebbe piacere che anche tu mi dessi del tu (se ti va)...

un caro saluto, a risentirci quando vuoi

Carlo
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#11] dopo  
Utente 162XXX

Buonasera . Eccomi ancora a disturbarLa ( Ti ) . Per me è difficile dare del Tu al Medico che piu' di ogni altro mi ha rincuorato e dato la forza di lottare . Purtroppo la T.A.C. ha confermato le lesioni al fegato , polmoni ed ossa . Continuano a dirmi che , tutto questo , non è partito dalla mammella operata , ma da un altro organo . Domani verro' ricoverata , per lenire il dolore che , a volte è forte , a volte lieve , soprattutto dopo aver fatto la prima flebo con lo Zometa . Cercheranno di mettere a punto la terapia antidolorifica e mi faranno una biopsia epatica , per vedere se è da li' che è partito tutto . Se posso , vorrei tanto continuare a comunicarTi il mio stato d ' animo , perche' vorrei continuare a combattere contro questa bestia . Un sentitissimo saluto . Senilia

[#12] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Carissima Senilia,

sono molto contento che le mie parole ti abbiano rincuorata..stai su con il morale (e dammi tranquillamente del tu) !! Vedrai che tutto andrà per il meglio...Veniamo agli aspetti tecnici: innanzitutto io non credo che la malattia provenga da altri organi ma è molto probabile che la responsabilità sia della mammella. E' stato fatto un dosaggio dei markers tumorali (ad esempio il Ca 15-3)? Certo che possiamo continuare a scriverci...ma ti dirò di più...se mi scrivi nella mia mail privata ti do il mio numero di cellulare...così ci sentiamo con la voce..

un carissimo saluto

Carlo
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#13] dopo  
23297

Cancellato nel 2008
Gentile utente

sicuramente una TC in multislice sara' in grado di chiarire se il tumore e' di origine mammaria o trattasi di secondarismi mestastatici.
Certamente un ricovero per breve periodo pottrebe aiutarci a chiarire stadiazione de diagnosi.

DOTT.VIRGINIA A.CIROLLA
Dott.Virginia A.Cirolla