Utente 120XXX
Salve, hiedo spiegazione sulla diagnosi di mio padre che ha 57 anni. Dal TC ADDOME e risultato plurime lesioni focali ipodense secondarie in entrambi i lobi epatici. a carico della tesa pancreatica lesione espansiva ipodensa di 4cm cn rapporti di contiguità a sede craniae con formazione ipodensa a contenuto fluido di circa 5cm. Alcuni piccoli linfonodi a sede intercavoaortica e para-aortica; alcuni linfonodi diffusi nell'adipe mesenteriale più evidenti a sede peripancratica/perilesionale, linfonodo interportocavale. Inoltre rapporti di stretta contiguità senza sicuro piano di clivaggio con ilduodeno e milza con diam long di circa 14,5cm. Mentre dal TC TORACE viene evidenziato almeno 6 micronoduli LSDx, ne LIDx almeno 8 noduli da 5mm; alla base dx inoltre è presente una lesione nodulare contigua alla pleira costale posterire di 9mm. Apprezzabili 6 micronoduli LSSx, circa 10 noduli nel LISn.
A questo punto so che la situazione è molto grave ma vorrei sapere esattamente quanto è diffuso questo tumore e quali parti colpisce inoltre è cosa olto strana che mio padre non ha nessun tipo di sintomo del tumore, l'unico sintomo è la perdita di peso (10 kg in due mesi) e il fatto che mangia poco. Vorrei anche sapere se è possibile che questo male sia scoppiato in soli due mesi, nel periodo in cui ha fatto due bombardamenti al calcolo al rene. Vi sarei molto grata se mi poteste anche consigliare un bravissimo dottore che può aiutarmi a salvare mio padre. Vi ringrazio tutti per il Vostro aiuto e Vi auguro un buon lavoro. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

si tratta di una neoplasia del pancreas con diffusione a fegato e polmone. Non è infrequente che in questa condizione l'unica obiettività sia il calo ponderale. Difatti i vari organi del corpo umano posseggono una riserva funzionale in genere ampia grazie alla quale se non sono molto compromessi riescono a soddisfare i bisogni dell'organismo. In questa condizione direi che vi è indicazione a trattamento chemioterapico sistemico ed a valutare l'opportunità di abbinare ipertermia capacitiva (vedi sito www.ipertermiaroma.it ). Volendo ci si può incontrare a Roma per programmare un iter terapeutico.

Cari saluti

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it