Utente
Buongiorno dottori
scusatemi se vi importuno,mi è stata riscontrata una lassità al legamento crociato anteriore del ginocchio SX,da premettere che ho lassità congenita anche alle spalle,polsi e gomiti (che non mi hanno mai dato problemi) ma NON al ginocchio DX. Questa lassità al ginocchio sinistro l ho riscontrata dopo un trauma distorsivo avuto durante una partita di pallone;ora riesco a correre tranquillamente,a calciare ,saltare, ma sento l'articolazione ancora instabile,vorrei sapere,dato che escludo apriori l'intervento che non ho alcuna intenzione di fare,quale potrebbe essere un'adeguata terapia per sopperire a questo problema e/o quale tipo di tutore mi consigliate magari per fare una partita di calcetto.Grazie anticipatamente

[#1]  
Dr. Emanuele Caldarella

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
PAVIA (PV)
PARMA (PR)
PIACENZA (PC)
COMO (CO)
MARCALLO CON CASONE (MI)
RHO (MI)
CIGLIANO (VC)
MATERA (MT)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Caro utente,

quanto tempo è passato dal trauma?
Ha eseguito una risonanza magnetica?
Quante volte gioca a pallone in un mese? Pratica altri sport?

Distinti saluti
Dr. Emanuele Caldarella

Chirurgia dell'anca e del ginocchio
emanuele.caldarella@medicitalia.it

[#2] dopo  
Utente
Di traumi ne ho avuti 3 identici,l'ultimo risalente a circa 3 mesi fa.
La risonanza magnetica ha riscontrato una lieve lesione all'LCA
Al mese gioco circa 4 volte (o alemeno giocavo prima dell infortunio)
Sempre prima dell infortunio praticavo taekwondo.
Le servono altri dati?cosa devo fare il alternativa all'operazione? buona serata

[#3]  
Dr. Emanuele Caldarella

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
PAVIA (PV)
PARMA (PR)
PIACENZA (PC)
COMO (CO)
MARCALLO CON CASONE (MI)
RHO (MI)
CIGLIANO (VC)
MATERA (MT)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Caro utente,

è importante mantenere un ottimo tono muscolare e soprattutto fare esercizi propriocettivi (che può imparare a fare con un qualunque fisioterapista.
Una lesione LCA non è "lieve". O è completa, o incompleta.
Se nel Suo caso è incompleta, bisogna verificare attentamente che il ginocchio sia stabile.
Ma mi pare di capire che il Suo ginocchio è instabile sia obiettivamente (alla visita) sia soggettivamente (Lei lo sente instabile): questo sembra significare che il Suo LCA non è più funzionale, indipendentemente da quanto "lieve" è la lesione.

In ogni caso, un intervento chirurgico non è assolutamente obbligatorio!
Però devo avvertirLa che la Sua attività sportiva attuale non è compatibile con un ginocchio instabile, in quanto la porterebbe ad una artrosi precoce del ginocchio in pochi anni.
L'alternativa all'intervento è la fisioterapia, e l'abbandono del calcio, della corsa e di tutti gli sport di contatto.
Le suggerisco in alternativa il nuoto e la bicicletta.

Distinti saluti
Dr. Emanuele Caldarella

Chirurgia dell'anca e del ginocchio
emanuele.caldarella@medicitalia.it

[#4] dopo  
Utente
dottore mi perdoni ancora,lei ha detto di abbandonare la corsa e il calcetto,io riesco a correre normalmente e riesco a calciare anche potentemente,lei pensa che con un buon tutore,una buona fascia muscolare,possa farmela una partita 2-3 al mese?

[#5]  
Dr. Emanuele Caldarella

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
PAVIA (PV)
PARMA (PR)
PIACENZA (PC)
COMO (CO)
MARCALLO CON CASONE (MI)
RHO (MI)
CIGLIANO (VC)
MATERA (MT)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Caro utente,

non l'ho potuta visitare, e non ho visto le lastre: quindi non so se il Suo ginocchio sia effettivamente instabile o meno.
Io mi baso su quello che mi dice Lei. Se è vero che il Suo ginocchio ha una instabilità anteriore, Lei ha tre possibilità:

1) Intervento chirurgico;
2) Abbandonare gli sport di contatto;
3) Continuare a praticare i Suoi sport con costanza, conscio del fatto che questo non fa bene al Suo ginocchio.

Quanto al tutore, può migliorare la sensazione soggettiva di contenimento, ma non arresta né rallenta i processi artrosico-degenerativi.
Quanto alla potenza e alla velocità di corsa, so bene che Lei non ha problemi. Il motore funziona (i muscoli), sono le sospensioni che non vanno (i legamenti).
Ma Lei può immaginare che continuare a percorrere molti chilometri con un mezzo con le sospensioni danneggiate può creare ulteriori e più gravi danni meccanici.

Mi dispiace, ma il quadro è questo. Lei ha tutto il diritto di scegliere, ma è mio dovere informarLa di quello a cui va incontro.

Distinti saluti
Dr. Emanuele Caldarella

Chirurgia dell'anca e del ginocchio
emanuele.caldarella@medicitalia.it