Utente
Buonasera,
sono la mamma di un bambino di 3 anni e mezzo che a fine agosto ha avuto una frattura scomposta del femore sin.
Il giorno seguente è stato operato e gli sono stati inseriti due chiodi al titanio.
Dopo due mesi e mezzo, anche in seguito all'inizio di una infezione dovuta allo sfregamento di un ferretto con la parte esterna, gli sono stati rimossi.
Ora, a distanza di 15 giorni, il bambino cammina mettendo verso l'esterno il piede della gamba che si era fratturato, avendo così una instabilità nel camminare.
Volevo sapere se fosse stato meglio, per risolvere il problema, fargli fare una riabilitazione o se potevate suggerirmi un'altra soluzione.
Grazie.

[#1]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
la limitazione di non poter osservare le radiografie e non poter visitare il giovane paziente osservandolo camminare e' per noi fortemente limitativa.
Possiamo dirle comunque che ad una eta' cosi' precose e' difficile far seguire al piccolo paziente un evero e proprio percorso riabilitativo nel senso piu' tradizionale del termine ( nuoto esercizi in acqua esercizi con il fisioterapista ).
A suo conforto posso comunque dirle che le capacita' riparative dei giovani pazienti sono enormi e la velocita' di guarigione e' molto maggiore a quella di noi adulti a parita' di frattura.
Cordiali saluti.
Dr. Roberto LEO

[#2] dopo  
Utente
Gent.mo Dott. Leo,

Quindi Lei mi consiglia di attendere le capacità riparative naturali date dall'età del piccolo.
E, magari tra un pò, eventualmente (con le RX al seguito) far fare una visita presso una struttura di ortopedia?
La ringrazio cordialmente.
Morena

[#3]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Le consiglio di farsi seguire, periodicamente, da uno specialista se possibile di ortopedia pediatrica.
Sara' lo specialista a decidere la eventuale necessita' di eseguire altri controlli radiografici.
Cordiali saluti
Dr. Roberto LEO