Utente
Buona sera innanzi tutto Vi ringrazio anticipatamente per l'opportunita' che mi date di poter porVi questa domanda. Ho eseguito una RM a tutti e due i piedi per controllare lo stato dei tendini d'achille visto che come sport corro parecchio e incominciavo ad avvertire un dolore insistente all'attaccatura del polpaccio. ma vado subito ai risultati della rm: A destra in corrispondenza dell'angolo superiore mediale del domo atragalico si apprezza lesione osteocondrale a carattere erosivo, del diametro di circa 6mm con aspetto stabile Si associa minima quota di versamento intraarticolare a livello della tibio-peroneo astragalica.Piccola introflessione sinoviale in corrispondenza dell'istmo del calcagno
Regolare per calibro, decorso e segnale i legamenti peroneo astragalici il peroneo calcaneare,il ligamento deltoideo ed il ligamento astragalo calcaneare interosseo
Come di norma il tendine d'achille e le strutture tendinee proprie delle caviglie (tibiale anteriore e posteriore; peroneo lungo e breve; estensori e flessori proprio dell'alluce e delle dita.
A sinistra si apprezzano alterazioni osteocondrosiche a carattere erosivo in corrispondenza del domo astragalico e formazioni pseudocistiche subcondrali sia sul versante mediale che quello laterale. Si associa discreta quota di versamento intraarticolare con distensione del recesso tibio-astragalico posteriore. Altre formazioni pseudocistiche si apprezzano in corrispondenza del versante superiore della tuberosita calcaneare e dell'istmo del calcagno stesso. Segni di tenosinovite del flessore lungo l'alluce. Come di norma le altre strutture tendinee. Regolari per calibro, decorso e segnale i legamenti peroneo-astragalico,
il ligamento peroneo-calcaneare, il ligamento deltoide ed il ligamento astragalo-calcaneare interosseo.
La mia domanda è: possono essere state distorsioni avute negli anni passati a ridurmi le caviglie cosi, e quella lesione puo essere vecchia cosa? Anche perchè da 10 giorni il dolore non c'è piu. Se volte Vi invio l'immagine incriminata :) della lesione.

Grazie grazie e ancora grazie.

[#1]  
Dr. Emanuele Caldarella

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
PAVIA (PV)
PARMA (PR)
PIACENZA (PC)
COMO (CO)
MARCALLO CON CASONE (MI)
RHO (MI)
CIGLIANO (VC)
MATERA (MT)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Caro utente,

Lei ha centrato il punto: è possibile che le alterazioni artrosiche a livello della caviglia siano dovute a passate distorsioni.
Il sintomo che Lei ha accusato, da come lo descrive, non mi sembra legato a queste alterazioni, e -dato anche che è sparito- spero quindi che si trattasse di una cosa passeggera.
Rimane però il fatto che alle caviglie è presente un'artrosi che per fortuna non Le dà ancora problemi, ma che non è normale alla Sua età...
L'artrosi non è una vera e propria patologia degenerativa, bensì espressione del normale invecchiamento articolare. Purtroppo in alcuni casi l'artrosi può essere più avanzata rispetto all'età biologica del soggetto. Gli esiti di vecchi traumi e distorsioni aumentano il rischio di artrosi precoce.

L'unico avvertimento che posso darLe è in relazione al Suo sport preferito, che -ahimé- non è proprio il massimo per chi ha un'artrosi delle caviglie: i continui microtraumi ripetuti dati dalla corsa sollecitano le caviglie e ne favoriscono l'usura.

Gli sport ideali per le Sue caviglie sono il nuoto, il ciclismo, il golf, lo sci. Quelli sconsigliati la corsa, il tennis, il calcio, l'ateltica.

Distinti saluti
Dr. Emanuele Caldarella

Chirurgia dell'anca e del ginocchio
emanuele.caldarella@medicitalia.it

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottor Caldarella
La ringrazio di cuore per la sua professionale ed esaustiva risposta.

Cordiali saluti