Utente
Dovrei eseguire al più presto una meatotomia media, in quanto l’ostio del seno mascellare di destra si è completamente chiuso,con conseguente opacamento (risultante da Tac),del seno mascellare,e conseguente sinusite e dolore.
Soffro di sinusite mascellare dal 2003,a seguito di inalazioni di sostanze irritanti sul posto di lavoro e conseguente ipertrofia dei turbinati.Da allora la mia vita è stata un calvario… Ho avuto ogni anno sinusiti mascellari ricorrenti (la frequenza di una al mese, all’incirca)con scolo di grandi quantità mucopus dal naso, e assunzione di dosi massicce di antibiotici e cortisone ogni volta che la sinusite si presentava.
Sono stata in questa condizione fino al 2008, girando vari otorini della mia città.che non facevano altro che darmi antibiotici e cortisone.Nel 2008 la situazione si è aggravata,in quanto la sinusite mascellare aveva dato origine ad una forte etmoidite,e gli unici antibiotici che facevano ancora un po’ effetto (dopo essere diventata nel frattempo allergica ai macrolidi),erano le iniezioni di Rocefin.
La tac rivelava ipertofia dei turbinati,presenza di concha bullosa,e completo opacamento del seno mascellare e delle celle etmoidali.
Sono quindi finalmente stata operata nel marzo del 2009 :resezione dei turbinati e etmoidectomia bilaterali,eseguiti in anestesia generale con tecnica endoscopica. Ma qualcosa non deve essere andato bene in quanto già nella convalescenza post operatoria (a una settimana dall’intervento),ho avuto una nuova sinusite con etmoidite nel lato destro,curata nuovamente con antibiotici e cortisone. A novembre del 2009 ho avuto un’altra sinusite con emoidite e scolo di mucopus sempre nel lato destro,e sempre curata con antibiotico e cortisone, e a dicembre di quest’anno da capo come prima, altra sinusite con etmoidite. Il primario dell’ospedale che mi ha operato mi ha detto che è normale avere delle recidive… Ma, sorpresa,l’otorino che mi segue abitualmente, nell’ultima visita a seguito dell’ultima sinusite,ha scoperto,facendo un’indagine all’interno del naso con una sonda collegata ad uno schermo,che il meato medio nel lato destro è completamente chiuso… Non si sà se si sia richiuso dopo l’intervento, oppure non è mai stato aperto.
L’ultima tac fatta in gennaio, ha appunto rivelato nuovamente sinusite nel seno mascellare destro, ed io ,oltre al pus puzzolente che ogni tanto mi trovo in gola o quando soffio il naso, ho sempre un gran male nel lato destro, a partire dall’orecchio , per tutta la mascella e intorno all’occhio. Dei giorni faccio anche molta fatica a muovere l’occhio e a mettere a fuoco la vista. Il mio otorino dice che dovrei operarmi al più presto con il laser ed in anestesia locale. Ma lui ha già troppe operazioni programmate e ha tempi di attesa troppo lunghi per eseguire l'intervento... Vorrei sapere un Vostro parere, e se potete indicarmi come e dove poter effettuare con urgenza questo intevento, possibilmente nel Veneto o in zone limitrofe. Grazie

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Purtroppo, i tempi di attesa per l'intervento sono quelli che sono. Non conosco personalmente il suo caso clinico e, quindi, mi è difficile dare un parere specifico ma, di certo, penso sia urgente reintervenire. Personalmente, interverrei con un'apertura e svuotamento dei seni paranasali per via endonasale, in endoscopia (FESS) ma, ripeto, da lontano non posso esserne certo. Sicuramente dovrà fare anche una terapia farmacologica per prevenire tali infiammazioni. Importante è che si rivolga ad un Chirurgo che abia una buona casistica operatoria per questo tipo di intervento. Si consigli con il suo Medico di famiglia. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Gent.mo Dr. Brunori, La ringrazio per la sua pronta risposta... Purtoppo il mio medico di famiglia, che conosce tutte le mie vicessitudini con la sinusite, non conose nessun Chirugo da potermi consigliare... Per questo mi sono rivolta a Lei...
Il mio ottorino (non faccio nomi per correttezza), nell'ultima visita che ho fatto, cioè dieci giorni fà, dopo aver preso la decisione di operarmi, mi ha detto che mi avrebbe chiamato lui il giorno seguente per dirmi pressapoco la data dell'operazione.
Invece non ho più saputo nulla, e lui da allora non mi ha più chiamato.
Allora ieri gli ha telefonato mia madre per chiedere se potevamo sapere qualcosa, dato che io continuo a stare male: lui ha risposto che non sapeva dirci nulla, e che non lo dovevamo infastidire, altrimenti si sarebbe indispettito e avrebbe rinunciato all'incarico..
Io continuo a non stare bene, da dicembre ho già fatto due cicli di antibiotici, e non vorrei prenderne altri.
Sono già stata a casa dal lavoro vari giorni, e non posso rischiare di stare a casa ancora tanti giorni.
Sinceramente non so dove sbattere la testa, e non so a chi chiedere per poter affidarmi a un bravo chirurgo e poter essere operata al più presto.
Sarei disposta a farmi operare anche lontano, fuori dalla mia città, basta che la cosa possa risolversi... Cosa posso fare dottore?

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Sono perfettamente d'accordo con lei: dopo una risposta cosi' da parte del Chirurgo, sicuramente mi rivolgerei ad un altro Specialista! Onestamente, non conosco personalmente i Colleghi nella sua Regione. Il consiglio che posso darle è quello di rivolgersi all'Ambulatorio della Clinica otorinolaringoiatrica dell'Ospedale Universitario di Verona.
Dr. Raffaello Brunori