Utente
buongiorno, sono un ragazzo di 31 anni e soffro da due mesi di problemi di vertigine soggettiva persistente ( senso di instabilità di disequilibrio camminando associato a senso di stordimento intontimento alla testa soprattutto in zona occhi e tempie). Sono in cura da fisioterapista per problemi cervicali di rettilineizzazione del rachide cervicale e sto seguendo da una settimana una cura datami dal neurologo che mi ha diagnosticato cefalea muscolo tensiva da curare con farmaci xanax , laroxyl, sirdelud. Ho ritirato oggi l'esito dell'esame vestibolare prescrittomi dall'otorino ( l'esame obiettivo oto neurologico ha dato esito negativo) e alla prova termica con tecnica hallpike viene riportata la diagnosi Iper reflessia destra. Tra un paio di settimane devo effettuare l'esame audiometrico impedenziometrico.( io non avverto problemi di udito particolari se non una leggerissima differenza tra sinistro e destro che mi sembra lievemente sensibile ). Siccome sono nell'impossibilità di contattare l'otorino con cui sono in cura poichè è in vacanza e il mio medico di base non ha dato peso alla iper reflessia destra volevo chiedere se non è da escludersi un problema di tipo vestibolare che causi i miei sintomi o se come mi è stato indicato dal neurologo e dal mio medico di base è piu un problema di tipo posturale cervicale e ansioso. grazie saluti. Marco

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
In effetti, sembra piu' che la sintomatologia lamentata possa essere dovuta alla postura ed alla cefalea muscolo-tensiva. Anche lo stato d'ansia contribuisce ad accentuare il sintomo. Il consiglio che posso darti è quello di continuare la terapia prescritta. Magari, sarebbe utile anche sentire il parere di un Ortopedico.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
grazie della risposta sto effettuando da qualche giorno un ciclo di fisioterapia su consiglio del mio medico che mi ha anche prescritto un esame posturometrico , nel frattempo continuero' la cura neurologica e vedro' quale sarà l'esito dell'esame audio impedenziometrico cosi da poter avere un quadro piu preciso del mio problema. Purtroppo mi sembra di aver capito che il problema vertigini sia molto dibattuto nella medicina e arrivare alla soluzione ci vuole molta pazienza. Spero di riuscire a venir fuori da questa brutta situazione che mi risulta essere invalidante nell'affrontare la vita quotidiana. Un cordiale saluto e ringraziamento.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Sicuramente ne verrai fuori, stai tranquillo! Purtroppo, per la guarigione, ci vuole un po' di tempo, poichè le terapie hanno bisogno di un determinato periodo per dare i loro effetti. Mi farà piacere essere aggiornato in merito. Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
buongiorno dottore, la ringrazio anticipatamente per la sua cortesia, vorrei aggiornarla in merito alla mia situazione. Ho ritirato l'esito dell'esame audiometrico ed impedenziometrico entrambi negativi, parlando con la dottoressa audiologa che mi ha fatto l'esame a proposito dell'iper reflessia destra non ha escluso che le mie vertigini di tipo soggettivo possano appunto dipendere dall'eccessiva risposta dell'apparato destro alle stimolazioni e di ricercarne le cause che potrebbero essere di tipo infiammatorio, mi ha consigliato comunque di ricontattare l'otorino con cui sono in cura, purtroppo non ho la possibilità di sentirlo perchè ancora in vacanza. Nel frattempo ho anche contattato un ortopedico come mi aveva suggerito al quale ho fatto vedere la radiografia alla cervicale (dalla quale risulta rettilineizzazione del rachide cervicale con conseguente riduzione degli spazi intersomatici) e la risonanza magnetica al tratto cervicale che invece non riporta alcun esito significativo. L'ortopedico mi ha detto che la contrattura alla cervicale puo provocarmi i dolori che avverto al collo e alla nuca ma che non mi puo provocare sbandamenti o vertigini soggettive che secondo lui sono di natura neurologica o da problemi alle orecchie, comunque mi consiglia di fare massaggi per cercare di decontrarre la muscolatura rigida che ho. Al momento sto sempre seguendo la cura neurologica da circa 20 gg ma con ben pochi esiti. Io voglio solo essere sicuro che sia da escludersi il problema vestibolare poiche' in merito ho risposte contrastanti. La ringrazio nuovamente per la sua cortesia un cordiale saluto. Marco

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Condivido il parere dell'Ortopedico e le sue indicazioni.Giusto continuare con la cura prescritta dal Neurologo. Attendiamo il ritorno dell'Otorino per un suo parere in merito. Mi farà piacere essere aggiornato. Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
buongiorno dottore, sono riuscito finalmente a contattare l'otorino con cui sono in cura e alla visita di ieri sulla base dell'esito vestibolare mi ha prescritto microser gocce da prendere 3 volte al di per 3 mesi, di fare una ginnastica di tipo vestibolare 10 min al giorno (boite statico- e dinamico)e di ritornare ad un ulteriore controllo, di continuare comunque la terapia prescrittami dal neurologo. Mi è pero' sorto un dubbio sulla terapia quando ho letto il foglio illustrativo del microser dove si parla di cura per la sindrome di meniere ebbene siccome i sintomi che accuso sono piu di senso di instabilità di sbandamento e cefalea e non di vertigine di tipo rotatorio mi è venuto da pensare che il suo parerei iniziale era piu indicato. Ho iniziato cmq la cura con il microser spero nn abbia grosse controindicazioni, la ringrazio nuovamente. cordiali saluti. Marco

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
No, puoi stare tranquillo: il farmaco prescritto non ha controindicazioni. Piu' di tutto, è utile la ginnastica posturale, oltre la terapia del neurologo, ovviamente. Spero di ricevere presto tue buone nuove
Dr. Raffaello Brunori

[#8] dopo  
Utente
buongiorno dott, vista la sua enorme disponibilità la volevo aggiornare sulla mia situazione a distanza di tempo. La cura prescrittami dall'otorino non ha portato miglioramenti e ad un successivo controllo sempre dallo stesso otorino mi è stato sospeso il laroxyl e prescritto flunagen 50 1 compressa al giorno per due mesi, alla quinta settimana di cura permanendo i sintomi si è deciso di sospendere la cura. Mi ritrovo sempre ad accusare disequilibrio , senso di cadere e confusione alla testa ( non piu cefalea vera e propria ma senso di confusione ), dopo il fallimento della terapia con flunagen mi è stato prescritto deltacortene da assumere per 10 giorni ( 2 giorni 0,5 mg i successivi a scalare). Nessun miglioramento nemmeno con il deltacortene mi sono stati prescritti esami del sangue tra cui emocromo, ast alt , lipasi, amilasi , tsh, ft3 , ft4 tutti nella norma tranne tsh alto a 6,8. Sono stato oggi ancora dall'otorino per un controllo. mi segnala ancora tendeza ad instabilità a destra nella marcia ad occhi chiusi e braccia distese ,mi consiglia una visita dall'endocrinologo e mi prescrive nootropil fiale , 1 fiala al giorno per 20 giorni e di continuare con xanax 0,5 mg al giorno. Non so piu cosa pensare mi sento sfiduciato questa situazione protratta per lungo tempo e non ancora risolta mi fa sentire insicuro e nervoso. Sto cercando di convincere il medico per un ricovero ma è scettico poichè ho fatto tantissimi esami e a suo dire c'e' poco da indagare ancora, d'altra parte non so piu chi consultare ho davvero passato molti specialisti e cambiato farmaci. La ringrazio per la disponibilità . cordiali saluti. Marco

[#9]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Caro Marco, comprendo benissimo la tua ansia e lo sconforto che provi. Onestamente, mentre leggevo il tuo scritto, pensavo ad un ricovero: mi hai preceduto. A questo punto, è bene che tu venga valutato da Specialisti esperti del Reparto di otorinolaringoiatria dell'Ospedale della tua città. Mi sembra inutile proseguire con cure ed accertamenti senza un orientamento preciso di diagnosi.Comunque, cerca di tranquillizzarti: sicuramente non si tratta di una grave patologia, ma non puoi continuare a stare in questo modo. Un cordiale saluto a te
Dr. Raffaello Brunori

[#10] dopo  
Utente
buongiorno dott, ho fatto la visita dall'endocrinologo mi ha detto che i sintomi che accuso non c'entrano con la tiroide ma che è bene rifare gli esami tra qualche mese per vedere se ci sarà la necessità di una terapia. Il mio dubbio rimane che la diagnosi fatta dall'otorino sia sbagliata .sulla base dell'esame otv e sull'esame obiettivo nel referto ha scritto quadro compatibile con neuronite vestibolare ma le terapie prescritte prima flunagen poi deltacortene non hanno portato miglioramenti. Ora il mio medico vuole aspettare gli effetti della terapia con nootropil , sono alla sesta fiala, prima di decidere il ricovero. Devo dire che in questi ultimi due giorni mi sento meglio avverto meno disequilibrio e riesco a fare senza troppe paure di cadere delle passeggiate. Che sia la strada giusta speriamo. Grazie Cordiali saluti

[#11]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Spero vivamente per te che gli effetti positivi attuali della terapia siano veritieri e che, finalmente, possa tu uscire da questo tunnel. Certo, e spero di no, in caso di insuccesso della terapia, condivido la tua decisione di un ricovero presso una Struttura specializzata per capire la natura che determina la sintomatologia. Comunque, cerchiamo doi essere positivi, tenendo presente che una nevrite ha un decorso molto lungo. In bocca al lupo!
Dr. Raffaello Brunori

[#12] dopo  
Utente
buongiorno, grazie della risposta il mio dubbio nasce dal fatto che indagando in internet ( lo so che è sbagliato e da perfetto ignorante in medicina non dovrei fare autodiagnosi) ho letto che la neuronite si manifesta sempre con un episodio violento di vertigine rotatoria che dura poco e regredisce col tempo cosa che io non ho mai accusato e alle prove caloriche si manifesta iporeflessia o areflessia monolaterale mentre io ho una iper reflessia destra che non ho trovato avere significatività. Certo non sono un medico e non posso di certo contrastare le diagnosi che mi fanno anche l'endocrinologo sospettava a problemi vestibolari o visivi ma il mio personale pensiero è che la mia instabilità ha più origine posturale cervicale e di stress emotivo che questa situazione mi crea, come aveva all'inizio supposto anche lei. Comunque seguiro il suo consiglio e se la terapia fallirà mi faro ricoverare. La ringrazio molto lei è un dott davvero molto disponibile. Cordiali saluti. Marco

[#13]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Cerca di tranquillizzarti e, ripeto, porta a termine la terapia. Dammi notizie
Dr. Raffaello Brunori

[#14]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
VICENZA (VI)
ROMA (RM)
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, poiché il suo disturbo permane nonostante le indagini e le cure del caso, le suggerirei di non trascurare una possibile causa di vertigine spesso trascurata: la disfunzione dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) . Si è infatti visto che quando alcuni sintomi di usuale pertinenza otorinolaringoiatria non sono sostenuti da problemi otologici , è al possibile conflitto fra condilo mandibolare e orecchio che bisogna rivolgere qualche attenzione.
La vertigine, di questi sintomi è forse il più tipico, e l’associazione con la problematica cervicale e posturale rinforzerebbe questa ipotesi diagnostica.
Pertanto le consiglierei di farsi visitare anche da un dentista che si occupi abitualmente di problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare.
Le suggerirei di dare un'occhiata all'articolo qui linkato, anche in considerazione del fatto che lei riferisce tensione cervicale e cefalea , sintomi che spesso si accompagnano alle disfunzioni cranio-mandibolari. Cordiali saluti ed auguri.

www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf ( attendere con pazienza quando si vuole aprire questo link: è molto pesante)
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#15] dopo  
Utente
buongiorno dott la ringrazio infinitamente per il suo interessamento, ho letto attentamente il suo consiglio avrei però delle cose da chiederle. Una eventuale disfunzione dell'atm si sarebbe potuta diagnosticare da un esame posturometrico o servono altri esami? Le chiedo questo perche mi sono sottoposto a tale esame e mi è stato riscontrato una mal occlusione che però a detta del posturologo e del mio medico di base che è anche odontoiatra un eventuale utilizzo di bite non avrebbe portato con certezza alla risoluzione del mio problema. È stato riscontrato un affollamento di denti sia a destra che a sinistra insomma il mio medico mi ha guardato in bocca e mi ha detto che non se la sentiva di optare per questo tipo di terapia. Ma per disfunzioni dell'atm si intende solo una mal occlusione o può esserci dell'altro e quale sarebbe l'esame più indicato per stabilire con certezza che vi sia un problema? La ringrazio cordiali saluti. Marco

[#16]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
VICENZA (VI)
ROMA (RM)
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, l'intero argomento posturologico- craniomandibolare, oggi quasi di moda, pur potendosi avvalere di dispositivi tecnologici che alcuni operatori ritengono utili, rimane prevalentemente clinico, affidato cioé all'esperienza e alla manualità dei singoli operatori. Per questo é evidente che "un eventuale utilizzo di bite non avrebbe portato con certezza alla risoluzione del problema", il che però non significa che, in mani esperte, non vi avrebbe potuto portare.
Forse , pur premettendo tutto il rispetto che va sempre riconosciuto alle persone, un "medico di base che è anche odontoiatra...che non se la sentiva di optare per questo tipo di terapia" non é la tipologia di professionista più adatto ad affrontare questo tipo di problemi.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#17] dopo  
Utente
buongiorno dott, grazie della risposta. Il suo consiglio lo apprezzo e di questo la ringrazio pero dato che sono 4 mesi che giro per specialisti di vario tipo, con un esborso economico notevole sia in visite,esami che in medicine, non essendo ancora giunto ad una diagnosi che mi permetta di impostare una terapia efficace pensavo che fosse piu giusto un ricovero ,come anche suggeritomi, visto e considerato che il sintomo di disequilibrio puo avere varia natura probabilmente un consulto in equipe tra i vari specialisti puo fare arrivare ad una conclusione piu mirata che non affidandosi ad uno specialista esclusivo di una determinata branca della medicina. Ora mi è stato consigliato di aspettare gli esiti di quest'ultima terapia con nootropil e ginnastica vestibolare per poi programmare un ricovero in caso di fallimento. Terro' comunque in considerazione il suo prezioso consiglio la ringrazio. cordiali saluti. Marco