Utente
Salve,
ho 32 anni e circa un mese fa ho avuto un primo episodio di forte raffreddamento mentro ero in viaggio per lavoro in Svezia. Da quel momento al raffreddore altalenante si è unita una tracheite che ho curato dapprima con Clenil aerosol e poi, negli ultimi giorni, con Levoxacin. Devo aggiungere che sono un soggetto asmatico e fortemente sovrappeso. A tutto ciò da 8 giorni si è aggiunta una totale anosmia che secondo il parere del medico dipende dal raffreddore visto che il muco talvolta mi tappa anche le orecchie. Io però, che soffro anche di ansia, non riesco a non pensare che si tratti, come ho letto accade, di un danno permanente e questo aumenta ancor di più la mia ansia... Ma è possibile che una anosmia temporane, ammesso lo sia, duri più di 8 giorni? Il mio olfatto al momento è proprio assente, non percepisco neppure odori forti come il caffè...
Cosa mi consigliate di fare? Secondo il mio medico prima di andare da un otorino è meglio aspettare che sia passato il raffreddore perchè al momento una diagnosi sarebbe troppo influenzata dalla sua presenza. Inoltre egli dice che non c'è urgenza mentre io temo che più passa il tempo più difficile sia recuperare e porre rimedio...
Chiedo gentilemnte il vostro parere e spero possiate tranquillizzarmi un po'...
Grazie, Simone.

[#1]  
Dr. Maurizio Ruosi

24% attività
4% attualità
4% socialità
MONDRAGONE (CE)
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SARNO (SA)
OTTAVIANO (NA)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Il suo medico probabilmente ha ragione nel pensare che possadipendere dal raffreddore e che possa essere temporanea: però appunto "probabilmente" . Perchè non fare una diagnosi precisa con una visita ed una fibroscopia nasale ed eventualmente scegliere una terapia più specifica? Si rivolga al suo otorino.
resto a sua disposizione per ulteriori chiarimenti dott.maurizio ruosi

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dottore della cortese risposta.
Le pongo altre due brevi domande:
-è plausibile che un'anosmia transitoria, se lo è, duri quasi 10 giorni e magari anche di più?
-c'è un'urgenza nel rivolgersi all'otorino? Ho letto da qualche parte che per agire sull'anosmia con successo bisogna farlo tempestivamente, sono ancora in tempo se aspetto la prossima settimana con la speranza che nel frattempo si dilegui del tutto il raffreddore?
Grazie ancora per il prezioso aiuto e arrivederci, Simone.

[#3]  
Dr. Maurizio Ruosi

24% attività
4% attualità
4% socialità
MONDRAGONE (CE)
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SARNO (SA)
OTTAVIANO (NA)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Potrebbe durare anche di più. Ma sarebbe meglio fare la visita subito.
resto a sua disposizione per ulteriori chiarimenti dott.maurizio ruosi

[#4] dopo  
Utente
Gentili dottori,
negli ultimi due giorni ho notato qualcosa di strano: la completa anosmia che ho al mattino al risveglio si trasforma in una iposmia nel passare delle ore e comunque intorno alle ore serali...
In quei momenti avverto qualcosa, seppur flebile e avvicinandomi molto alla fonte, se odoro elementi fortemente odorosi come il dentifricio, alcune creme detergenti, ecc.
Inoltre ho anche sperimentato che se durante la masticazione per caso mi capita di espirare dal naso sento, ancorchè leggermente, gli odori di ciò che sto mangiando.
Cosa indica tutto ciò a vostro parere?
Sto cercando di individuare un buon otorino in Firenze con cui prendere appuntamento nei prossimi giorni sebbene il mio medico curante sia fortemente contrario in quanto dice di aver già avuto pazienti che dopo un virus influenzale hanno sofferto di anosmia per periodi più o meno lunghi e l'unica cosa da fare è attendere il ricambio delle cellule olfattive... Cosa ne pensate voi?
Grazie per il vostro prezioso aiuto e arrivederci, Simone.

[#5]  
Dr. Maurizio Ruosi

24% attività
4% attualità
4% socialità
MONDRAGONE (CE)
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SARNO (SA)
OTTAVIANO (NA)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Non so perché mi fa ripetere sempre le stesse cose. Le Ho detto che ip suo medico probabilmente ha ragione, ma visto che lei nonostante questo non é tranquillo l'unico modo per verificare la situazione è sottoporsi a visita orl. Al suo medico potrebbe chiedere chiedere se non Fosse la causa da Lui individuata ma un altra situazione a determinare la sintomatologia sarebbe meglio scoprirlo prima o no? Poi una visita in ospedale i all'asta più vicina non mi sembra una cosa dell'altro mondo o così complessa. Veda lei.
resto a sua disposizione per ulteriori chiarimenti dott.maurizio ruosi