Otite da trauma

Buon giorno,

due settimane fa dopo una serata molto rumorosa in un pub (qui in Irlanda dove vivo) ho sentito subito una sensazione all'orecchio destro, come se fosse tappato.
Pensando si trattasse di un tappo di cerume ho iniziato una serie di trattamenti (cotton fioc, acqua, olio tiepido, acqua ossigenata, coni di cera, soluzione isotonica).
Una settimana dopo sono partita per le vacanze in Italia (al mare, con conseguenti bagni e nuotate) prendendo ben 4 aerei in 10 giorni.
La situazione non è migliorata ovviamente, anzi, sento un dolore sordo all'orecchio destro, non insopportabile ma fastidioso. Allora ieri mattina sono andata da un otorino in Italia, che visitandomi mi ha detto che in nessuno dei due orecchi è presente cerume, nè infiammazioni. Per cui mi ha prescritto degli esami audiometrici.
Purtroppo sono tornata in Irlanda dove vivo e lavoro, e sono andata dal medico spiegandogli la situazione, secondo il quale non devo fare nulla per almeno due settimane, aspettando che si risolva da solo, prescrivendomi pastiglie decongestionanti per naso e gola (ma io non ho nessun raffreddore nè mal di gola, nè catarro).
Vorrei sentire un altro parere in merito a questo mio problema.
Visto che l'ho strapazzato dovrei lasciarlo libero di guarire da solo? quale può essere la diagnosi?
non è meglio che faccia altri esami (che qui in Irlanda sono molto costosi)?

Vi ringrazio per il vostro tempo e disponibilità

A presto

[#1]
Dr. Carlo Govoni Otorinolaringoiatra, Chirurgo plastico 272 6
Fare una diagnosi a distanza, senza vedere nulla, è praticamente impossibile. L'otorino è una specialità endoscopia, si guarda, si fanno alcuni esami e poi si fa la diagnosi. Il suo caso è suggestivo per una patologia tubarica (obiettività all'otoscopia negativa) sensazione di orecchio chiuso, dolore (? barotrauma? da viaggio in aereo o da immersione??). Potrebbe anche trattarsi di un trauma acustico acuto e in questo caso sarebbe stato il rumore del pub a determinare il danno. L'esame audiometrico è fondamentale per dirimere il dubbio.
Sulle pastiglie prescritte dal suo medico di famiglia ho qualche dubbio.
Se si tratta di un problema tubarico questo potrebbe migliorare anche senza una specifica terapia.
Se si tratta di un trauma acustico acuto sarebbe bene che Lei eseguisse al più presto un adiometrico, in quanto la terapia sarebbe difficile e, se ho ben capito sono passati circa 15 giorni dall'evento. In questi casi più il tempo passa e meno possibilità terapeutiche ci sono.
Non si spaventi, leggo che vive in Irlanda, ma penso che anche lì ci saranno otorinolaringoiatri in grado di fare un esame audiometrico.
L'Irlanda viene descritta come un'isola felice ... a parte i pub, come si sta?
cordialmente

Dr. Carlo Govoni
specialista in otorinolaringoiatria - Milano
cell. 3358040811
www.carlogovoni.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille per la sua risposta dott. Govoni.

Visto che l'orecchio non migliora, cerchero' di prenotare entro oggi un esame audiometrico in una clinica privata (qui funziona cosi').
L'unica cosa che mi preoccupa e' che ha coinciso esattamente con la serata rumorosa al pub (dopo la partita dell'Italia contro l'Inghilterra, per intenderci).
Da quel momento esatto l'orecchio si e' come tappato.
Comunque appena avro' un esame audiometrico le faro' sapere.

L'Irlanda non e' cosi' felice come molti pensano, si vive discretamente il tempo e' il peggiore d'europa, ma ti permette di avere un lavoro ben tutelato e remunerato, al contrario dell'Italia.

Grazie ancora del suo tempo
[#3]
Dr. Carlo Govoni Otorinolaringoiatra, Chirurgo plastico 272 6
Pensavo ad una esposizione rumorosa peggiore. Sono stato in alcuni pub, in italia, che vogliono imitare quelli irlandesi, c'è musica dal vivo e con gli amplificatori c'è una rumorosità ambientale, calcolata ad orecchio, di circa 120 - 130 dBA. In una partita di calcio, credo ci saranno state solo voci umane e pertanto l'intensità dovrebbe essere inferiore. A meno che gli irlandesi non abbiano polmoni eccezionali. Questo mi fa ben sperare, perchè forse il suo problema potrebbe essere meno grave di quello che pensavo.
Mi perdoni, forse non è questo il luogo per queste affermazioni, ma lei mi sembra incontentabile ... ha un lavoro ben tutelato e remunerato, parlerà perfettamente l'inglese ... e poi si lamenta perchè piove spesso e c'è vento...
cordialità
[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie ancora per la tempestiva risposta.

Spero anche io non sia troppo grave, mi snerva solo non riuscire ad avere una diagnosi al piu' presto.
Le assicuro che il lavoro e' ben pagato proprio perche' sanno che la gente qui non resiste. Non mi lamento, ma mi ha chiesto un parere su questo paese, e questa e' la verita', lo consiglio a tutti quelli che come me, da neolaureati vogliono veder premiati i loro sforzi di studio, ed essere gratificati, trovando un lavoro degno di essere chiamato cosi', cosa che in Italia e' difficile anche solo da immaginare.
Pero' ci sono i lati negativi a cui far fronte, come la qualita' della vita cara, il tempo ecc..

Come dice lei, non essendo la sede adatta per questi argomenti, la ricontattero' in merito al mio problema all'orecchio :)

A presto
[#5]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno ancora.
Volevo aggiornarla sul problema che ancora ho.
Ieri mi hanno fatto gli esami audiometrici, e altri esami di cui non ricordo il nome neanche in inglese.
Non ha trovato nessuna infezione, le mie orecchie sono perfette.
Insomma ci sento benissimo, o come ha detto il medico "posso sentire crescere l'erba".
Pero' con un altro esame endoscopico ha scoperto che le mie cellule ciliate, le ciglia, possono essere danneggiate.
Lui dice che passera' da solo questo fastidio, senza medicine ne' niente, e che comunque rifaremo questo esame fra tre mesi per vedere se e' scomparso.
Vorrei avere quindi piu' delucidazioni in merito a questo danneggiamento delle ciglia.
Puo' essere che una semplice serata in compagnia di amici a vedere una partita di calcio, mi abbia provocato questo danno?
E' reversibile oppure non si puo' recuperare? A quali rischi sono sottoposta?

Grazie per il vostro tempo

A presto

Giulia
[#6]
Dr. Carlo Govoni Otorinolaringoiatra, Chirurgo plastico 272 6
Salve Giulia, Lei mi mette sempre in difficoltà. Che esame ha fatto?? faccio fatica a capirlo. Un danneggiamento delle ciglia signfica una perdita uditiva a livello della coclea, cioè la parte + importante dell'orecchio interno. Non riesco a capire come si possa sentire bene e avere un danno alla coclea. Purtroppo non comprendendo il problema non riesco a rispondere. Potrebbe provare a scannerizzare gli esami e inviarmeli
cordiali saluti
[#7]
dopo
Utente
Utente
Salve,

Dopo una visita dal dentista la scorsa settimana, mi 'e stato detto che ho i due denti del giudizio nella parte superiore (sia destra che sinistra) stanno crescendo verso l'esterno. E secondo il dentista questo potrebbe causare il fastidio che tuttora sento da Giugno.
Intanto l'orecchio destro mi da sempre piu' fastidio, adesso e' come un prurito.
Dall'ultimo esame obiettivo che ho fatto non c'era nessuna infezione.
Non so piu' cosa pensare.
[#8]
Dr. Carlo Govoni Otorinolaringoiatra, Chirurgo plastico 272 6
Mi sembra strano che il fastidio alle orecchie derivi dai denti del giudizio. L'evenienza è possibile, ma quello che contrasta è il fatto che lei dichiara questo sintomo dopo essere stata in pub ed aver ascoltato musica ad alto volume. Il fatto che lei abbia pensato all'orecchio appare logico. Non vorrei che nei giorni successivi alla serata al pub lei abbia pensato con troppa insistenza alle sue orecchie, se le sia irritate, anche semplicemente col dito. L'otorino irlandese le ha detto che sente bene e l'otoscopia è negativa. Cerchi di non toccarsi le orecchie, attenta agli shampoo, e aspetti, ... secondo me dovrebbe ritornare nella norma. Per quanto riguarda i denti del giudizio, se ci sono problemi odontoiatrici penso che sia giusto toglierli, ma non per un fastidio all'orecchio ... cordialità

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test