Utente
Salve
Da qualche anno (precisamente dall'estate 2003) ho potuto osservare un progressivo ingrossamento della punta del naso. Inoltre la cartilagine li' presente ha iniziato ad indurirsi (prima la punta del mio naso era morbida, ora e' diventata dura).

Ho consultato vari specialisti, che non mi hanno saputo dire nulla, usato diversi medicinali (antibiotici locali, quali bactroban nasale, abiostil, clindamicina), ma niente.
Ad onor del vero devo dire che con il trattamento locale con clindamicina nei primi giorni ho avuto la netta sensazione che la punta del mio naso si stesse riammorbidendo, salvo poi iniziare ad infiammarsi ed arrossarsi dopo 5-6 giorni di trattamento.

In questi anni ho provato anche ad usare acqua di mare per tenere pulito e disinfettato il naso, ma non sono riuscito ad arrestare questo processo.

Le mie domande sono se questa cosa che mi sta succedendo e' una patologia conosciuta e se a questo punto sia ragionevole pensare ad un intervento di rinoplastica (eventualmente rinosettoplastica, a causa del setto un po' deviato che causa spesso naso chiuso)

Grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile Utente, dobbiamo distinguere i due problemi: Se ha un problema respiratorio nasale e se dipende da una deviazione del setto nasale, potrebbe essere utile l'intervento di settoplastica. Ma questo lo decide lo Specialista dopo averla sottoposta a visita e, magari, attraverso l'ausilio di una fibroscopia nasale. Per quanto riguarda la punta del naso, piu' di una causa potrebbe aver procurato il suo indurimento (trauma, cisti, foruncolosi, etc.). Occorre, quindi, un esame clinico. A distanza non posso darle dei pareri in merito. Cordiali saluti
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
capisco.. in ogni caso il problema immagino non sia reversibile senza chirurgia, o sbaglio? (se dovessi scegliere tra le opzioni che mi ha elencato, direi che la causa e' stata un leggero trauma, poiche' posso associare l'inizio con quessto, eccetto il fatto che la cosa non si e' mai arrestata in seguito, progredendo lentamente)

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Prendendo in considerazione un evento traumatico sulla punta del naso, si potrebbe essere verificata una frattura delle cartilagini con seguente impropria cicatrizzazione. Ma ripeto, dico cio' senza aver studiato il caso!
Dr. Raffaello Brunori

[#4]  
Dr. Claudio Bernardi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
RIMINI (RN)
MIRABELLA ECLANO (AV)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile giovane,
un aumento progressivo di spessore della punta del naso in realtà non è così comune nel giovane. Sarebbe il caso di studiare se esso è a carico della componente cartilagineo o di quella cutanea e pensare ad eventuali terapie (direi anch'io essenzialmente chirurgiche..).
Saluti
Dr. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica
www.claudiobernardi.it
Dr. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica
www.claudiobernardi.it - www.lachirurgiaplastica.net