Linfonodi reattivi al collo

Buongiorno
vi scrivo per chiedervi un'opinione su alcuni esami effettuati negli ultimi mesi.

- A marzo di quest'anno ho effettuato alcuni esami del sangue per un problema ginecologico, poi risoltosi. I valori erano tutti perfetti (anche transaminasi, proteina C reattiva) tranne la fosfatasi alcalina (a cui il mio medico non ha dato molto peso, forse perchè non era molto difforme dal valore di riferimento) e la ferritina, che però era bassa per il problema ginecologico
- ad aprile una sera ho accusato una "cordata" di linfonodi sottomandibolari e del collo, e un forte dolore alla cervicale. Probabilmente ho avuto anche qualche linea di febbre nella notte. Dopodichè nei 5-6 giorni successivi ho avuto molto male ai linfonodi sotto al mento, sotto le orecchie, e comunque a tutto il collo, anche dietro.
Particolarmente visibile era un linfonodo destro, esattamente sotto il dente del giudizio (che, stante una panoramica fatta, è disodontisiaco e ritenuto, in posizione orizzontale. Specifico che ho anche una malocclusione, con un clic al lato sinistro della mandibola abbastanza pronunciato, mi è stato suggerito un bite).
Essendo all'estero, ho subito preso l'antibiotico Augmentin, oltre che del Moment (ovviamente tutto su suggerimento telefonico del medico).

- da maggio a luglio mi sono subito attivata per effettuare alcuni esami, su suggerimento del medico curante. In particolare:
1) Ecografia al collo --> che ha rivelato la presenza di linfonodi reattivi, soprattutto sottomandibolari. Anche il linfonodo gonfio sotto il dente è reattivo. Mi è stato detto che di solito essi si attivano in caso di problemi di masticazione, per esempio.
2) Visita dall'otorino e endoscopia --> non ha rivelato nulla di anomalo, l'otorino ha dato la "colpa" di tutto alla malocclusione e a un irrigidimento dei muscoli del collo;
3) non contenta, perchè il dolore continua, mi sono recata di nuovo dal medico che mi ha suggerito esami di CMV (risultato negativo), mononucleosi (Igg risultati a 712, e Igm bassi), toxoplasmosi (negativa).

A questo punto, dato che il dolore al collo dietro persiste, soprattutto la mattino quando mi alzo dal letto, così come il dolore ai linfonodi sotto la mandibola, cosa mi suggerisce? Pensa che sia meglio ripetere gli esami del sangue fatti a marzo, dato che li avveo fatti quando il linfonodo destro era gonfio, ma non avevo il male ai linfonodi del collo? Il mio medico curante dice che è passato poco tempo, per cui secondo lui non sarebbe necessario ripeterli.

La mia linfoadenopatia però persiste. cosa mi suggerisce?
Pensa che avere un po' di irritazione al colon possa influire? (sono stata visitata anche in tal senso, mi hanno detto che soffro un po' di colon irritabile, ma da anni).
Il medico curante suggerisce di togliere il dente del giudizio anche considerato che essendo orizzontale potrebbe toccare terminazioni nervose. Toglierò il dente a ottobre però, nel frattempo vorrei far qualcosa per far diminuire il dolore...
Grazie
[#1]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,8k 1,1k
la linfoadenopatia è l'esito della mononucleosi che ha contratto non di recente. Lo Specialista otorinolaringoiatra avrebbe dovuto sospettarlo e capirlo e darle una specifica terapia antinfiammatoria. Le Igg hanno un alto valore e, quindi, confermano il tutto.
Un cordiale saluto

Dr. Raffaello Brunori

[#2]
Attivo dal 2005 al 2015
Otorinolaringoiatra
Se la linfoadenopatia persiste immodificata (e qui occorre una nuova ecografia del collo per definirlo con relativa certezza) forse non sarebbe fatto male un eventuale controllo specialistico ORL con, se necessario, un agoaspirato o addirittura un esame istologico dopo escissione chirurgica di un linfonodo. Il disturbo è presente per lo meno da un paio di mesi e pertanto NON va sottovalutato affatto.
[#3]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno, ringrazio entrambi per la risposta.

Al primo rispondo: secondo lei è possibile che io abbia contratto la mononucleosi tra gennaio ed aprile di quest'anno?

Al secondo (scusate, non posso inserire i nomi) rispondo: Grazie per la precisazione, l'ecografia è stata fatta a maggio/giugno (non ricordo con precisione), secondo lei deve essere ripetuta? rispetto ad aprile, quando ho avuto la fase acuta, credo che la situazione sia migliorata perchè non ho più male ai linfonodi sotto il mento.
La visita dall'otorino era già stata fatta a maggio, con tanto di endoscopia che non aveva riscontrato nessuna anomalia, dovrei rifarla?

Inoltre tengo a precisare che, salvo il linfonodo sotto il dente del giudizio, che io sento più grande, nessun linfonodo è visibile, sono tutti "infiammati" (perdonate il termine poco tecnico), ma non visibili.

La risposta del secondo mi ha leggermente preoccupata, pensavo di poter stare tranquilla essendo pasati solo due mesi dall'ultima ecografie e visita dall'otorino. Mi chiedevo anche se questi esami possono essere rimandati a ottobre, dal momento che andrò in ferie per tutto settembre.

Grazie
[#4]
Attivo dal 2005 al 2015
Otorinolaringoiatra
Dalla sua risposta presumo allora che la situazione linfonodale non sia uguale a qualche settimana fa e ci sia stato un marcato miglioramento.
In questo caso, ovviamente, tutto quello che ho esposto precedentemente non ha senso. Le consiglio di fare comunque una valutazione specialistica ORL e, su decisione del collega, eventualmente l'ecografia del collo.
Cordiali saluti
[#5]
dopo
Utente
Utente
Grazie ancora per la disponibilità, anche se la Sua risposta mi sembra un po' contraddittoria. Vorrei quindi precisare che sia la valutazione ORL e sia l'ecografia sono state fatte due mesi fa...è per questo che chiedevo se fosse opportuno rifarle a distanza di due mesi, soprattutto dopo che gli anticorpi della mononucleosi sono risultati così alti.

Non mi dispiacerebbe sentire anche l'opinione del primo collega, che ha risposto al mio quesito.

Vi ringrazio e porgo cordiali saluti
[#6]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,8k 1,1k
Penso che possa tranquillamente ripetere gli esami (ecografia e prelievo per Igg) quando rientrerà dalle ferie. Una volta fatti gli accertamenti, rifarei anche una visita specialistica di controllo. Comunque, come dico sempre, parlarne con il proprio Medico di famiglia è sempre necessario, visto che ha modo di controllarla e, quindi, consigliarla per il meglio. Buone vacanze!

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test