Utente
Salve a tutti,
Vi scrivo perché davvero non so più cosa fare. Le orecchie sono il mio tallone d'Achille giacché soffro di vari disturbi: ipoacusia neurosensoriale bilaterale, acufeni, vertigini (queste ultime però pare provocate da un problema alla cervicale) e soprattutto una dermatite che mi affligge da anni e che mi ha portato a consultare molti medici. Inizia sempre con prurito e sensazione di orecchio umido per poi mutarsi in un dolore molto forte e fastidioso che mi costringe a correre dal medico,
Di cure ne ho provate tante, quella che gli anni scorsi sembrava funzionare era a base di diprosalic, tobra dex e batrafen.
Però, col passare degli anni tendeva a funzionare sempre meno, per cui mi sono rivolto a un altro medico che mi ha consigliato di usare il boral al sorgere dei primi sintomi.
Sfortuna vuole che pochi giorni fa, nemmeno il tempo di accorgermi dei primi sintomi che immediatamente ho iniziato ad avvertire dolore. Non essendo a casa, e dato che mi sembrava di aver capito che il boral servisse solo per la prevenzione ho usato qualche goccia di localyn oto che non ha fatto altro che tapparmi l'orecchio.
Mi sono quindi recato dal medico che dopo avermi liberato (temporaneamente) l'orecchio con un lavaggio, ha riscontrato la presenza di una dermatite, aggiungendo che probabilmente non ero mai riuscito a curarla del tutto e mi ha prescritto augmentin (perhcé intanto il dolore era diventato quasi insopportabile) e il diprosalic da tenere con garza auricolare praticamente 24 ore su 24.
Dopo sei giorni di cura (di cui solo gli ultimi 2 anche con il diprosalic poiché il dolore era molto forte) l'infezione non era svanita, anzi, dopo un lieve miglioramento intorno al quarto giorno era addirittura peggiorata e l'orecchio si era nuovamente tappato. Il dottore, dopo aver effettuato un lavaggio che ha peggiorato la situazione (non liberandomi l'orecchio ma bensì provocandomi un dolore più intenso) mi ha quindi prescritto delle iniezioni di lincocin da 600 mg da fare ogni mattina per 8 giorni e di continuare con il diprosalic rassicurandomi che al termine della cura non avrei avvertito dolore.
Solo dopo 4/5 giorni di iniezioni ho iniziato ad avvertire dei miglioramenti (e ho potuto pertanto iniziare anche il diprosalic) e solo oggi (giorno 7) il mio orecchio è stato libero tutto il giorno. Domani però devo fare l'ultima iniezione ed il dolore, anche se molto diminuito, continua ad essere presente.
Non nascondo di essere un po' preoccupato perché dopo 6 gg di Augmentin e 8 di Lincocin speravo di guarire completamente.
Invece temo che domani continuerò a sentire dolore e non ho più idea di cosa fare e se fidarmi o meno del dottore che mi ha visitato.
Vi chiedo di aiutarmi perché sono avvilito e vorrei risolvere questo problema una volta per tutte.
Scusatemi per la lunghezza del testo e grazie mille per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Vorrei sapere se abbia mai fatto un tampone auricolare per la ricerca di germi patogeni e miceti
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
No dottore, mai. E nemmeno mi è stata mai richiesta da nessuno dei medici che mi hanno visitato.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Sarebbe stata la prima cosa da fare, prima di tentare cure inutili. Comunque, siamo sempre in tempo a farlo. Ovviamente, non deve mettere piu' gocce nell'orecchio e fare il tampone dopo almeno cinque giorni.
Mi faccia sapere. Cordialmente
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Mi sembra un'osservazione saggia. Intanto cosa faccio con l'antibiotico? Oggi, quando ho sentito il medico, mi ha detto di continuare la terapia con l'augmentin aumentando il dosaggio da 2 a 3 volte al dì finché non scompare del tutto il dolore.
Cosa ne pensa? Potrei eventualmente farlo con lei il tampone?
Grazie mille davvero.

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
A questo punto seguiamo le indicazioni del medico, ovvero facciamo l'antibiotico per sei giorni. Aspettiamo una settimana e puo' fare il tampone presso un qualsiasi laboratorio di analisi cliniche e poi vedremo il da farsi. Spero di esserle utile. buona serata
Dr. Raffaello Brunori