Utente
Salve, sono un uomo di quasi 56 anni e da un po' di tempo a questa parte soffro di alcuni sintomi che mi stanno preoccupando.
Iniziano generalmente con un'appannamento della vista e incredibile debolezza( simile a quella di un calo glicemico) e a volte questi sintomi sono associati ad un insistente fischio all'interno dell' orecchio sinistro ( altre volte, invece, sento l'occhio sinistro tirare)
La sensazione è simile a quella di un imminente svenimento.
Sono andato al pronto soccorso ieri e sia dagli esami del sangue che dall'elettrocardiogramma non sono risultati particolari problemi( sono un soggetto cardiopatico e soffro di fibrillazioni atriali).
Oggi ho fatto anche la visita all'orecchio e vestibolare ma non sono risultati problemi neppure li.
Giorni fa ho fatto anche la risonanza magnetica al cervello e a parte un po' di liquido nel cervello che devo curare non è uscito altro, idem dalle analisi del sangue fatte nel mese di luglio.
Sono prossimo a sottopormi ad ulteriori indagini mediche per scongiurare il peggio nel frattempo il mio livello di ansia e preoccupazione è alle stelle e vorrei sentire più pareri per quanto riguarda la mia situazione.
Resto in attesa di risposte,
Cordialissimi saluti,
Elio

[#1]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
VICENZA (VI)
ROMA (RM)
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Gentil.e Paziente, la sua sintomatologia é abbastanza aspecifica, e infatti nessuno degli specialisti consultati ha trovato motivo o spiegazione nel proprio ambito professionale.
Mi verrebbe da pensare ad uno sbilanciamento smipato-vagale: i sistemi simpatico e parasimpatico sono le due componenti del sistema nervoso che fanno "funzionare " il nostro organismo, e devono essere in sostanziale equilibrio fra loro (nelle culture orientali si parla in modo sostanzialmente analogo di Yin e Yang). Un loro sbilanciamento può provocare vari disturbi , anche gravi, e fra gli altri anche disturbi cardiocircolatori: mi incuriosisce che lei riferisca fibrillazioni.
Fra le più frequenti cause di sbilancamento simpatovagale va menzionato il russare notturno e l'apnea nel sonno: sarebbe importante sapere se la cosa le riguarda.
Un primo orientamento diagnostico si ottiene con semplici domande al paziente e al partner: il paziente russa abitualmente? arresta il suo respiro anche per una decina di secondi almeno? riferisce bruschi risvegli notturni?, al mattino si alza stanco? di giorno é stanco e sonnolento? In caso di risposte positive il quadro va approfondito per la conferma diagnostica e per la scelta della più adeguata terapia.

Le suggerirei di dare un'occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema.
Cordiali saluti ed auguri.

http://www.studiober.com/pdf/Malocclusioni%20e%20patologie%20respiratorie%20ostruttive.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1348-acufeni-e-disfunzioni-dell-articolazione-temporo-mandibolare-atm.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/934-la-cefalea-che-viene-dalla-bocca.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1310-ipertensione-arteriosa-attenti-al-russare-e-all-apnea-nel-sonno.html

www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente
Salve dottore,
la ringrazio per l'imminente risposta.
Le riferisco che io ho sofferto di tutti i sintomi da lei elencati e proprio in virtù di questo da anni, ormai, dormo con una speciale macchinetta che mi aiuta a respirare( utilizzo la mascherina).
I primi sintomi da me elencati sono apparsi a partire dal 19 Settembre( in auto, mi capita quasi sempre mentre guido), poi sono scomparsi per poi ricomparire nuovamente a distanza più ravvicinata.
Sto continuando a fare le opportune indagini, alcuni medici mi hanno detto che potrebbe trattarsi di renina in eccesso, altri temono si tratti di miastenia.
Soffro anche di ernie cervicali.
Mi può consigliare alcuni esami specifici per eliminare i miei peggior timori?

[#3]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
VICENZA (VI)
ROMA (RM)
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, "dormo con una speciale macchinetta".
Credo intenda la CPAP: la usa SEMPRE? ne ha controllato l'efficacia con polisonnografia? Quali spono i valori (in particolare AHI e desaturazione) riscontrati prima e dopo CPAP?
Una curiosità: nei molti centri specialistici da lei frequentati, qualcuno le ha illustrato l'ipotesi terapeutica dell'Oral Device?
Dal punto di vista terapeutico, infatti, oltre all'approccio chirurgico, meno indicato nell'adulto, e alla ventilazione notturna con maschera respiratoria collegata ad apparecchi a pressione continua (CPAP), si può oggi in molti casi optare per l'applicazione , durante la notte, di un dispositivo intraorale simile ad un apparecchio ortodontico che, riposizionando correttamente la mandibola, è spesso in grado di migliorare o risolvere il problema.
Potrebbe infatti trattarsi, anche nel suo caso, di un problema legato ad una mal posizione della mandibola, che, a causa dello scorretto “ingranamento” dei denti, rende più stretto il passaggio attraverso il quale l’aria transita nel retrobocca (faringe). In questo caso, sarebbe opportuno sentire il parere anche di un dentista esperto in problemi respiratori e nel sonno.
Sottolineo che, come avrà letto nell'ultimo link del precedente messaggio ) una attenta considerazione di eventuali problemi occlusali potrebbe costituire un importante contributo diagnostico e terapeutico relativamente agli aspetti del problema ("ho sofferto di tutti i sintomi da lei elencati").
Pewrtanto le consiglierei di farsi visitare anche da un dentista-gnatologo che si occupi abitualmente di problemi nel sonno e dell’Articolazione Temporo Mandibolare e di rapporti fra questa e l’orecchio: non tutti i dentisti coltivano queste sottospecialità

Le suggerirei anche di dare un'occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema.
Cordiali saluti ed auguri.


http://www.studiober.com/pdf/Malocclusioni%20e%20patologie%20respiratorie%20ostruttive.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/983-problemi-di-naso-chiuso-a-volte-la-causa-sta-in-bocca.html
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com