Utente
Egregi Dottori,
Mi rivolgo a voi sperando di trovare dei consigli che possano aiutarmi a risolvere un problema: da mesi ormai soffro di una cattiva respirazione a livello del naso. Nel corso delle stagioni ne ho ricercato le cause in allergie a me sconosciute, nell'eccessivo uso del condizionatore, o in un ( costante) raffreddore. Ma a somme tratte devo dire che da quasi un anno non respiro liberamente da entrambe le narici, che alternativamente si chiudono. Non ho un'ingente presenza di muco, e quel poco è difficile da espellere, gelatinoso e trasparente. Ho provato suffumigi, risciacqui di fisiologica, balsami e spray nasali, ma niente sembra funzionare. Nonostante l'occlusione non sia ingente, accuso una respirazione molto superficiale, che mi fa avere il fiato corto,e mi crea difficoltà durante i pasti, o quando devo, ad esempio, leggere ad alta voce. Ieri mi sono decisa ad andare finalmente da uno specialista, il quale , tramite esame endoscopico, mi ha trovata solo un po' raffreddata, con la mucosa arrossata, conseguenza di una lieve rinofaringite di cui non mi ha spiegato le cause, per il resto il naso in tutte le sue strutture è perfetto. Ha inoltre aggiunto che se queste anomalie derivanti da un'allergia, sono talmente lievi che non c'è bisogno di indagare oltre, e che è assolutamente normale respirare " a narici alterne" quando si è raffreddati. È normale anche quando dura da mesi? Scusatemi se sono stata prolissa, confido che qualcuno possa indirizzarmi verso ulteriori controlli,
Vi ringrazio per la cortese attenzione.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Da cio' che descrive, sembrerebbe che la sindrome da ostruzione nasale sarebbe provocata da un aumento di volume dei turbinati, ovvero da quelle mucose nasali che hanno il compito di filtrare, umidificare e riscaldare che respiriamo. Se cosi' fosse, sarebbe sufficiente una semplice decongestione con le radiofrequenze. Magari, per escludere una rinosinusite, prima farei una tac dei seni paranasali senza mezzo di contrasto.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Egregio Dottor Brunori,
Grazie per aver risposto alla mia richiesta di consulto. Volevo chiederle se l'ipotetico aumento di volume dei turbinati era visibile dall'esame endoscopico, e se lei consiglia di effettuare anche delle prove allergiche. La ringrazio nuovamente.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Certo, un aumento di volume dei turbinati si apprezza con l la visita. Non mi sembrano, per questo motivo, necessario sottoporsi alle prove allergiche.
Buona giornata
Dr. Raffaello Brunori