Utente
Salve,
premetto che ho smesso di fumare da 3 anni e mezzo, non era una fumatrice incallita, fumavo si è no uno/uno e mezzo pacchetti a settimana. Quando fumavo oltre ad avere sempre la tosse avevo sempre accompagnato del catarro, sopratutto al mattino e spesso quando fumavo. Quando ho smesso di fumare il fastidio del catarro è andato via via calando ma mi è rimasto comunque al mattino.
Ogni mattina mi sveglio con la sensazione di naso chiuso e il catarro in gola, so di dormire con la bocca aperta e di svegliarmi spesso con secchezza in bocca. Mi si forma il catarro anche in occasioni in cui, scusate il termine, mi cola il naso, ad esempio se ho pianto o se ho un attacco di allergia, e ovviamente in occasione in cui qualcuno mi fumo vicino e aspiro il fumo passivo. Non troppo tempo fa sono stata a fare una normale visita da un otorino per un orecchio tappato dove però non è stato riscontrato nulla (mi è stato fatto fare anche un esame audiometrico), avevo accennato al fatto che mi si forma spesso il catarro pensando che l'orecchio potesse tapparti a causa del muco, ma la cosa è stata abbastanza ignorata. Ultimamente un paio di volte mi è capitato di trovare piccolissime tracce di sangue ma non so se questo è dovuto al sangue dal naso o a sangue dalle gengive (soffro di gengive infiammate che sanguinano con poco) o se può essere dovuto all'eccesivo sforzo a volte dell'espellere il catarro.
Aggiungo anche che sono allergica all'acaro della polvere, alle graminacee e al nikel, ho anche una lieve forma di asma.
Cosa può essere dovuto questa formazione di muco principalmente nel corso della notte? Grazie.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
In posizione supina per diverse ore, ovviamente il muco ristagna. Dobbiamo capire l'origine di questo muco: una rinosinusite? Dovrebbe sottoporsi ad una fibroscopia nasale per una convalida di tale ipotesi.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio chiederò al mio dottore di prescrivermi un'ulteriore visita dall'otorino per vedere di approffondire la cosa.
La fibroscopia nasale è un esame invasivo e/o doloroso?
Grazie.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
No, è un esame solo fastidioso, non doloroso. Buona giornata
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio, un'ultima cosa che le chiedo è se secondo lei mi devo preoccupare delle tracce di sangue o essendo abbastanza saltuarie sono da considerarsi una cosa normale?

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Non penso che ci sia da preoccuparsi per le tracce di sangue ma, comunque, con la prossima visita lo Specialista sarà in grado di dirle la causa.
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
La ringrazio per le risposte e le informazioni! Saluti!

[#7] dopo  
Utente
Riapro dopo 5 mesi questo mio consulto in quanto sono stata dallo specialista il quale mi ha fatto una normale visita otorinolaringoiatrica, ovvero controllo orecchie, naso e gola, e non avendo riscontrato niente di strano (setto nasale e turbinanti nella norma, nessuna presenza di polipi e riniti in atto), mi ha detto che probabilmente il muco al mattino può essere sintomo di un po' di reflusso gastrico, ma io credo cosa può centrare con il fatto che mi si chiude il naso e mi si forma il catarro in gola tutte le mattine? non avrebbe dovuto farmi la visita con il fibroscopio? Appena mi è possibile tornerò anche dal mio dottore di base il quale mi aveva per l'appunto consigliato lui la visita specialistica per controllare meglio il problema perchè anche secondo lui poteva trattarsi di rinite.
Dovrei far affidamento sulla teoria del reflusso o sarebbe meglio approfondire la cosa con un altro specialista? perchè sinceramente svegliarsi ogni mattina espellendo il muco non è proprio il massimo della gioia!

[#8]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
L'ipotesi del reflusso è plausibile, solo che la conferma puo' essere data attraverso una rinolaringoscopia a fibre ottiche. Consiglio, pertanto, l'esame.
Cordialità
Dr. Raffaello Brunori

[#9] dopo  
Utente
La ringrazio appena mi sarà possibile andrò dal mio medico di base a richiedere magari nello specifico l'esame per poter essere certi da cosa deriva il muco! Grazie ancora!