Utente
Buonasera,
Un paio di mesi fa mi sono recato dal mio medico di base in seguito ad un prurito e ad una sensazione di infiammazione all'orecchio destro e lo stesso mi ha prescritto l'uso di CEXIDAL in gocce per una settimana. Nonostante ciò, non avendo avuto benefici ma un aumento del dolore, sono tornato dal medico che questa volta mi ha prescritto un antibiotico per via orale ( Cefixima ) diagnosticandomi un otite. Dopo una settimana di antibiotico il dolore era scomparso ma avevo ancora una continua sensazione di prurito e iniziavo a sentirci sempre meno. Dopo una visita dall'ORL mi è stata diagnosticata un otite esterna da micosi con prescrizione di applicazione di NEOMERCUROCROMO ( 3 gocce 2 volte al dì), dicendomi di tornare da lui dopo 10 giorni di trattamento.
Dopo una settimana di trattamento il prurito è scomparso, tuttavia l'orecchio continua a buttare una secrezione trasparente, soprattutto, nel momento in cui facendo pressione mi soffio il naso, avverto dei fischi all'orecchio con conseguente uscita di tale liquido. Continuo ad avvertire ronzii nell'orecchio da circa 2 settimane e non ci sento ancora bene.
Potrebbe essere una microperforazione del timpano? se sì posso continuare ad usare il NEOMERCUROCROMO oppure devo smetterlo?

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Io consiglio di interrompere la cura e, fra una settimana, farei un tampone auricolare per la ricerca di germi patogeni e miceti. Solo cosi' riusciremo ad avere una diagnosi precisa e, di conseguenza, si potrà iniziare una specifica cura.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio Dottore per la risposta.
Posso chiederle se il Neomercurocromo usato con una perforazione del timpano fa male e puó recare danni?
Se si quali?
Grazie ancora

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Il farmaco in questione è per uso esterno e, quindi, non utilizzabile in caso di perforazione del timpano.
Dr. Raffaello Brunori