Utente
Buongiorno. Da poco più di un anno ho spesso episodi di rinite (naso che cola e starnuti), ho eseguito RAST inalanti e anche alimenti ma ogni voce è stata negativa, risultato confermato anche dal test cutaneo che ho fatto dall'allergologo il quale mi ha detto che evidentemente la mia rinite non è allergica. L'otorino pensa sia una rinite vasomotoria e mi ha prescritto una cura con uno spray nasale e venti giorni di Telfast 180 una compressa ogni sera.
Per una serie di ragioni ho dovuto rimandare l'inizio dell'assunzione della terapia, dovrei iniziare adesso dopo una settimana e mezza ma ho alcune domande... Ho visto che Telfast è un antistaminico, ma a quanto ho capito la mia non è una forma allergica quindi non capisco perché mi è stato prescritto, non si dà agli allergici? Poi ultimamente ho avuto pochi episodi e abbastanza leggeri, dovrei forse attendere un periodo di maggiori fastidi per poter valutare l'efficacia della cura? Ho letto sul foglietto illustrativo di Telfast che può causare aumento della frequenza cardiaca e io, essendo un soggetto molto ansioso con extrasistole frequenti, mi domando se possa farmi male.
Infine, mi è venuto un altro dubbio. E' vero che i test di RAST vanno fatti nel periodo in cui non si hanno i sintomi? Perché non ho visto un lasso temporale specifico del mio disturbo, l'anno scorso si è ripresentato ogni tanto durante tutto l'anno (con pause più o meno lunghe), e forse ho fatto le analisi del sangue nel momento sbagliato creando dei falsi negativi? Potete chiarirmi le idee su questi punti? Mille grazie.

[#1]  
Dr. Gaetano Moccia

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
AFRAGOLA (NA)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Il test chiamato RAST (RadioAllergoSorbent Test, cioè test radioallergoassorbente) cerca la quantità di IgE nel sangue in circolo (ovvero la presenza di immunoglobuline E che è la conferma di una reazione allergica in atto). Altri test effettuati sul sangue cercano la quantità di immunoglobuline (elettroforesi sierica) e la quantità di eosinofili (un aumento di eosinofili è un altro indizio a favore di un'allergia in atto). A differenza dei test cutanei, i risultati dell'esame del sangue richiedono alcuni giorni di lavorazione nel laboratorio specialistico.
I meccanismi fisiopatologici che portano ai sintomi della rinite sono sovrapponibili in quella allergica e vasomotoria, ecco perche' Le e ' stato prescritto l'antistaminico , che come tutti i farmaci porta effetti collaterali.
Continui con lo spray ( lei scrive che la sintomatologia si è attenuata ) e faccia frequenti lavaggi nasali.
Saluti
Dr. Gaetano Moccia
Specialista in Audiologia e Foniatria