Utente
Buongiorno dottori,

scrivo per un consulto per un mal di gola che mi perseguita da quasi due mesi ormai.
Inizialmente era un dolore circoscritto al lato sx della gola non continuo (passavano anche giorni prima di risentire il dolore), poi è diventato sempre più persistente per cui mi sono recata dal medico da cui mi presento ormai da 3 settimane. Non ho dolore alla deglutizione, la gola è arrossata attorno alla cavità ma non gonfia e la lingua si presenta leggermente biancastra con puntini rossi sul fondo.
Alla prima visita mi ha somministrato il Froben Gola spray.
Una settimana dopo l'Amoxicillina
Settimana scorsa un antistaminico (Kestine Ebastina)
Ieri il Levoxacin 500 per 5 gg.
Ora, vista la cronistoria caotica delle istruzioni del medico, pensate che l'ultima cura, il Levoxacin, sia quella più adatta al mio caso?
Non ho ancora iniziato a prenderlo perché leggendo il foglietto illustrativo ho trovato molti effetti indesiderati alquanto preoccupanti, tra l'altro ho sofferto in passato di tendinite con calcificazioni a entrambe le spalle, per cui prima di fare qualsiasi altra cosa volevo capire se aveva senso correre questo rischio o ripresentarmi dal medico chiedendo altre cure/esami che potreste indicarmi.
Se il Levoxacin non è adeguato, quale sarebbe la cura più indicata? E' possibile sottoporsi a qualche esame di laboratorio o clinico per avere un quadro più certo da cui (ri)partire?

grazie

saluti

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Trovo inutile fare una cura senza una diagnosi precisa. Serve, innanzitutto, un tampone faringeo e linguale per la ricerca di germi patogeni e miceti con antibiogramma. Una volta in possesso della risposta dell'esame, vedremo il da farsi.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dott. Brunori,
Ieri sono andata in ospedale per il tampone faringeo dove mi hanno informata che avrei dovuto ritirare di persona l'esito a partire dalla metà della prossima settimana in quanto in caso di esame positivo avrei dovuto integrare il costo del relativo antibiogramma.
Per questo motivo sono rimasta molto sorpresa nel ricevere stamane l'informazione che sul sito del SSN regionale (non quello dell'ospedale) era già disponibile l'esito.
Vorrei quindi capire da queste poche parole se è negativo o se positivo (in questo caso immagino che il documento non sia disponibile perché è ancora in corso di analisi o perché non ancora pagato):
"La flora batterica isolata è costituita da microorganismi saprofiti e/o commensali del cavo orale".
Grazie

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Sono emersi solamente quei batteri che sono presenti normalmente nel cavo orale e, quindi, il risultato è negativo e non serve alcuna terapia antibiotica
Dr. Raffaello Brunori