Tonsillite recidiva e bruciore catarro in gola persistente

Buonasera gentili dottori,vorrei un vs parere su quanto segue: verso la meta di dicembre,ho iniziato ad avere mal di gola,non molto fastidioso,da me trascurato fino a che sotto le festivita inizio a sentire tonsille gonfie,dolori alle ossa e ,infine,il giorno 26 febbre a 39. Il giorno successivo mk viene prescritto augmentin una scatola x 5 gg. Sembrava passata la tonsillite,tuttavia,continuavo a sentirmi come avessi muco in gola e naso tappato che non riesco a soffiare.in seguito continuk a sentire grande debolezza e il 22 gennaio ancora avverto distintamente le tonsille gonfie. Il giorno dopo mi viene prescritto dal curante unixime 400 mg 2 volte al giorno x 5 gg. Secondo il curante,pur non essendoci placche,avevo gola molto rossa,palato rosso e in particolare la tonsilla sx gonfia. Oltre a debolezza e decimi di febbre. Questo farmaco mi provoca gastrite,di cui soffro cronicamente da anni,nonostante io prenda esomeprazolo 40 mg,appunto,per la gastrite cronica e diarrea. Nei giorni successivi,siamo ormai al 1 febbraio,mi reco nuovamente dal curante perche sento muco in gola di sapore metallico e forte bruciore al palato posteriore e tra una tonsilla e l'altra.non ho febbre.mi viene prescritro macladin per una settimana due volte al gg,che ho terminato ieri. I sintomi alle tonsille sembrano scomparsi,tuttavia,resto preoccupata dal persistere del bruciore al palato,del muco in gola e dal bruciore in fondo alla gola...tant'è che quando arrivo col colluttorio in fondo alla gola facendo i gargarismi,queato mi procura un bruciore tuttora insopportabile. Possibile questo nonostante ben tre antibiotici? Vi sembra una forte tonsillite batterica recidivante oppure la fonte del problema e un'altra e la tonsillite solo una conseguenza? Consigliate come assoluta necessita la visita da un otorinolaringoiatra? Grazie per l'attenziome.
[#1]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32,3k 1,1k
Non comprendo la prescrizione di tutte queste cure antibiotiche quando non si ha una diagnosi precisa, ovvero la natura di queste faringotonsilliti recidivanti. Il consiglio che posso darle è di fare un tampone faringeo per la ricerca di germi patogeni con antibiogramma. Ovviamente, l'esame deve essere fatto non prima di una decina di giorni dall'ultimo antibiotico assunto. in base alla risposta avuta, vedremo il da farsi.
Un cordiale saluto

Dr. Raffaello Brunori

[#2]
dopo
Utente
Utente
Ma infatti dottore gia la tonsilla sx gia si sta ri gonfiando.
Grazie

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test