Utente
dopo un trauma acustico con danno sulle frequenze 4000hz riscontro degli acufeni se cosi si possono chiamara infatti si presentano solamente quando sono esposto a rumore prevalentemente sulle frequenze accennate e poi nel silenzio scompaiono diversamente dai normali acufeni che nel silenzio invece diventano fastidiosissimi.dopo una cura cortisonica nn ho avuto miglioramenti.E passato un mese circa cosa potrei fare per non perdere altro tempo,potrebbe essere utile qualche altro farmaco visto ke nn e passato poi cosi molto tempo?un altro fastidioè che esposto a rumori forti avverto ome un dolore e fastidio all'orecchio?saràun abbassamento della soglia del fastidio?potrebbe passare?..spero in una risposta

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gradirei sapere se le è stata prescritta una terapia farmacologica e quale. Grazie
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
SOlo una terapia cortisonica per 9 giorni di medrol e anche vessel ma senza miglioramenti

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
In questi casi, occorre che l'orecchio non venga sottoposto a stress acustici per un congruo periodo di tempo. Utile anche una terapia farmacologica a base di vit. B e di citicolina. Ne parli con il suo Specialista.
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
anche se penso ke ormai il danno uditivo nn si risolva,Il fatto che sento l'acufene solo n caso di rumori medio-forti potrebbe essere un buon segnale per l'eventuale guarigione?come mai l'otorino che mi ha visitato dopo i 10 giorni nn mi ha prescritto nulla?

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Spesso i traumi acustici sono reversibili ma, nel suo caso, non posso esprimermi in quanto, a distanza, non mi consente di avere un quadro preciso del caso. Ciascun Specialista, in base alla propria esperienza clinica, adotta quelle terapie già sperimentate in cui crede.
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
la ringrazio molto per le risposte veloci e concrete.Siccome sn un frequentatore di discoteca anche dopo del trauma ho frequentato locali con musica.Il problema come il fischio sono rimasti stabili senza peggioramenti.Lei crede che un mese sia ancora poco per definirlo irreversibile il danno?

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Credo proprio di si. Comunque, cerchi di non affaticare il suo udito: purtroppo gli esiti si vedono nell'età piu' avanzata, con un udito piu' basso rispetto alla norma. Cari saluti
Dr. Raffaello Brunori

[#8] dopo  
Utente
Mi scusi un'ultima domanda.Parlare di distruzione delle cellule ciliate solo vedndoil risultato del tet audimetrico nn è superfiiale cm diagnosi?come è possibile averne la certezza?

[#9]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Oltre l'esame audiometrico, ci sono altri esami, fra cui i potenziali evocati uditivi. Auguriamoci che non si siano instaurati danni permanenti, anche perchè non ci sono cure farmacologiche o chirurgiche che possano portare ad una guarigione. Importante, nel suo caso, è non affaticare spesso il suo udito frequentando locali molto rumorosi
Dr. Raffaello Brunori

[#10] dopo  
Utente
Visto che il trauma che ho subito è stato causato da uno sparo di pochi secondi invecedela distruzione delle cellule ciliate si otrebbe parlare di disfunzione meccanica?tramite quali esami è possibile diagnosticarla?HO pensato a questa ipotesi visto che l'otorino ke mi ha visitato mi ha fatto una disgnosi basandosi sulle solite risposte meccaniche non crcando di interessarsi sul mio caso nello specifico

[#11]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Si, è possibile che si sia verificata una sofferenza e non una distruzione delle cellule ciliate. Le consiglio, pertanto, di rivolgersi presso il Servizio di Audiologia del policlinico Univewrsitario di Roma Umberto I, Prof. Cianfrone. Sicuramente, con specifici esami, fra cui i potenziali evocati uditivi, le verrà fatta una diagnosi. Cordialità
Dr. Raffaello Brunori

[#12] dopo  
Utente
forse nn mi ha capito chiedevo se è possibile ci sia una disfunzione a livello idro-meccanico ,quindi problemi di liquidi cocleari non delle cellule..

[#13]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Ho compreso benissimo e, se c'è stato un danno, questo riguarda le cellule ciliate. Comunque, se crede, segua i miei consigli
Dr. Raffaello Brunori

[#14] dopo  
Utente
la ringrazio ancora delle risposte.Vorrei sottolineare che ho notato che facendo pressione un po nell'orecchio avverto come uno sbandamento poco normale.è legato al trauma,potrebbe essere un sintomo utile per la diagnosi?

[#15]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Devo capire ove avviene la pressione, ovvero a livello dell'apertura del condotto uditivo esterno o dietro il padiglione. Comunque, con la prossima visita cui si sottoporrà nella Struttura indicata, sicuramente le verrà chiarito ogni dubbio.
Dr. Raffaello Brunori

[#16] dopo  
Utente
nel condotto uditivo;ma alcune volte accuso giramenti di testa pur nn facendo pressione nell'orecchio

[#17]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Confermo la necessità di un accurata visita per fare il punto della situazione
Dr. Raffaello Brunori