Utente 516XXX
Buongiorno dottore,

Ho 23 anni, e da più di uno soffro di acufeni ad entrambe le orecchie, da quella destra sento solo un suono come un tintinnio, mentre dal sinistro un fischio e un fruscio, anche se nel tempo i suoni sono cambiati e noto che cambiano frequentemente. Questi acufeni sono insorti nel novembre del 2017 mentre ero in viaggio-studio in inghilterra già da 3 mesi. A fine dicembre, tornata in Italia, ho consultato il mio medico di base, il quale ha riscontrato una sinusite. Ho provato a curarla con uno spray nasale prescritto dal medico, ma a parte liberarmi il naso per un breve periodo non ho riscontrato miglioramenti. A gennaio sono dovuta tornare in inghilterra fino a giugno, ed il clima rigido (gelo e vento) mi ha peggiorato la condizione di naso e orecchie. A giugno ho fatto una visita dall’otorino, il quale non ha riscontrato cali di udito o presenza di tappi o cerume nell’orecchio interno, dicendomi che con gli acufeni avrei dovuto imparare a conviverci.
Durante l’estate l’orecchio sinistro mi sembrava leggermente migliorato, ma tornato il freddo naso e orecchie sono tornate come prima. I sintomi che sento sono appunto acufeni (in alcuni giorni più intensi, in altri meno), quando mi sveglio al mattino ho le orecchie ovattate come se fossi all’interno di un aereo, a volte mi fanno male e prudono molto spesso, anche quando il naso lo sento libero, e presenza di catarro. Quando deglutisco sento degli scoppi all’interno delle orecchie, come se tentassero di liberarsi. A volte si tappano per qualche secondo e sento un fischio molto forte, che passa non appena torno a sentirci normalmente.
Durante la giornata gli acufeni non li sento per fortuna, perché non sono così alti (tranne se vado in ambienti molto silenziosi), ma la sera quando vado a letto mi causano parecchio fastidio e di giorno spesso ci penso e mi preoccupo del momento in cui dovrò andare a dormire.
Vorrei sapere se lei potesse aiutarmi a capire il problema, cosa mi consiglia di fare e se posso effettivamente guarire dopo un anno oppure è troppo tardi per sperare in almeno un miglioramento.
La ringrazio in anticipo e mi scuso per il lungo messaggio

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Comprenda che, senza un esame clinico e l'ausilio di esami strumentali, non sono in grado di fare una diagnosi nel suo caso. Mi auguro che la causa sia di origine catarrale. Comunque sia, deve ricominciare da capo, sottoponendosi ad una nuova visita specialistica otorinolaringoiatrica con esame audio-impedenzometrico, fibroscopia nasale e probabile tac dei seni paranasali e dell'orecchio medio.
Di piu' non posso dirle.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente 516XXX

Grazie per la sua risposta, farò come mi ha detto. Secondo lei, arrivando all’origine del problema e curandolo, è possibile guarire dagli acufeni nonostante sia passato più di un anno?

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Senza una diagnosi precisa, non posso espormi piu' di tanto. Auguriamoci che il tutto sia curabile farmacologicamente
Dr. Raffaello Brunori