Utente 528XXX
Buongiorno,
da 5-6 mesi soffro di congestione nasale che spesso mi causa un po' di fatica a respirare (problema che negli anni passati non avevo mai avuto). Lo specialista mi ha prescritto lo spray AirCort100, che utilizzo con una nebulizzazione due volte al giorno, e mi sembra che vada un po' meglio. Desideravo chiedervi a riguardo:
1) Un utilizzo prolungato nel tempo di questo spray con questo dosaggio, può causare effetti collaterali anche gravi?
2) Nonostante l'effetto dello spray sembri positivo, dovrei tornare da uno specialista per sottopormi ad esami in modo da avere comunque una diagnosi? Non ho idea se si tratti di rinite, allergie o altro
Grazie e saluti

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
La cura decongestionante con lo spray nasale deve essere eseguita per circa un mese. Si potrebbe, certo, proseguire oltre ma, trattandosi di un cortisonico, è bene non farne un abuso. Aggiungerei, semmai, un antistaminico per via orale, per una ventina di giorni. se il sintomo dovesse persistere, allora sarà bene tornare dallo Specialista per una revisione della terapia.
Buona Pasqua
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente 528XXX

Buongiorno,
ho provato a utilizzare anche lo Zhekort sotto prescrizione ma il problema permane. Lo specialista mi ha detto che potrebbe essere un problema di deviazione del setto nasale e mi ha consigliato TC massiccio facciale per completare diagnosi. Desideravo chiedervi gentilmente
1) Questo esame, specie in soggetti giovani, è consigliabile o pericoloso per le radiazioni?
2) Si tratta di un esame in grado di dare una diagnosi completa per casi di rinite/congestioni nasali?
3) È verosimile che il problema possa essere una deviazione del setto nasale, nonostante fino all'anno scorso respirassi bene?
Grazie e cordiali saluti

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gli apparecchi radiologici piu' moderni assicurano una minima esposizione a radiazioni. Attraverso la tac si possono esaminare i seni paranasali, per un possibile processo infiammatorio. Non si apprezza, invero, una rinite.
Già con l'esame clinico si comprende se il sintomo dipenda dalla deviazione del setto nasale o da una ipertrofia delle mucose nasali. Se sono presenti ostruzioni nasali respiratori, si consiglia sempre una rinomanometria con test di decongestione dei turbinati.
Buona giornata
Dr. Raffaello Brunori