Utente 465XXX
Salve dottore,
Una settimana fa l’8 aprile ho fatto l’intervento ai turbinati con la radiofrequenza. Ancora oggi respiro male, soprattutto con la narice destra, a volte è completamente chiusa, con la sinistra respiro quasi perfettamente.
La dottoressa mi aveva detto che è normale, ma sono un po’ preoccupata..tra l’altro sento di meno gli odori e i sapori, è un conseguenza normale post intervento?
Forse è ancora presto, ma la mia più grande paura è di sviluppare la sindrome del naso vuoto, già conoscevo questa sindrome prima dell’intervento ma ho voluto rischiare comunque perché sono due anni che respiro male e uso lo spray tutti i giorni..
Intanto sto usando le pomate che mi ha prescritto la dottoressa ma ho un po’ di paura, soprattutto per quella sindrome..
Secondo voi tra quanto potrò respirare meglio ed è normale che da una narice respiro meglio rispetto che l’altra?

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Cio' che riferisce rientra nel normale decorso post-operatorio. I tempi di guarigione sono individuali ma, comunque, consideri una ventina di giorni.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente 465XXX

Grazie dottore per la sua risposta, ma è normale che da quando ho fatto l’intervento sento tutti i giorni sempre il bisogno di soffiarmi il naso e mi esce tantissimo muco?

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Questo muco ha poco a che fare con la decongestione dei turbinati effettuata, ma è bene che fuoriesca col soffiarsi il naso.
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente 465XXX

Dottore ma a cosa è dovuto il fatto che una narice me la sento tappata e una no?

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Probabilmente, la sensazione è dovuta alla presenza di croste ematiche
Dr. Raffaello Brunori