Utente
Buongiorno

faccio immersioni da 4 anni. 2 mesifa durante la discesa sono stata presa dal panico e ho iniziato a tossire quando eravamo quasi a 30 metri. L'istruttore seppur rispettando le indicazioni del computer subaqueo mi ha fatto fare una risalta abbastanza rapida. Una volta calmata mi sono immersa di nuovo arrivata fino a 45 metri, nessun problema. Immersione successiva a max 30 metri tutto ok ma uscita dall'acqua sangue dal naso lato sinistro e avvertivo anche dolore. Nella settimana successiva ho avvertito dolore a lato sinistro del naso e tutta la guancia e arcata dentaria. L'otorino mi ha prescritto una tac. Passa un mese otorino mi da ok per fare immersioni con terapia di antistamici da fare 5 giorni prima, torno a fare immersioni, prima immersioni tutto ok poi successive immersioni con dolore crescente. Settimane successive ancora dolore nello stesso punto che si sente quando mi sdraio sul letto o quando mi spingo sulla guancia. Dalla tac è uscito questo: Quesito clinico: sinusite
Quota tissutale a densità sovrafluida, ipodensa, occupa massivamente il seno mascellare di sinistra, con disposizione prevalentemente a cornice, con obliterazione della canale infundibolare omolaterale e dell'ostio semilunare, lieve quota di tessuto con caratteristiche densiometriche analoghe coinvolge le cellule etmoidali anteriori, con reparto maggiormente evidente a sinistra e minimamente il seno frontale omolaterale. Normoareati il seno frontale di destra, i seni sfenoidali e il seno mascellare destro. Bilaterale bulla etmoidale. Evidente scolioso destro convessa del setto nasale con sperone osseo al terzo medio in rapporto di contingiutà con il turbinato medio omolaterale. Ipertrofia mucosa dei turbinati inferiori e dei turbinati medio di sinistra. Obliterato cranialmente il canale fronto-nasale e il canale naso-lacrimale di sinistra. Keros tipo I.

Terapia del dottore:
Unidrox 8 giorni una compressa
Cortisone 6 giorni una compressa + 6 giorni mezza compressa
2 spruzzi prima di andare a letto Kesol per 2 mese
poi rivalutazione ed eventualmente ricorrere ad intervento di drenaggio

La terapia con le pastiglie l'ho terminata già qualche giorno fa ma non avverto ancora dolore se sto sdraiata o se mi spingo la guancia e anche un gonfiore sotto la guancia.
E' possibile che sia andato del sangue nel seno paranasale e che non sia muco?
La terapia è corretta?

grazie mille

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
La terapia prescritta mi sembra idonea, solo che ora proseguirei con un mucolitico per via orale base, per esempio, di acetilcisteina, di uno antistaminico ed i uno spray nasale cortisonico: il tutto per una ventina di giorni. Eviterei le immersioni e prenderei in considerazione un intervento per la correzione della deviazione del setto nasale che, per una grande percentuale, dovrebbe essere responsabile della minore ventilazione dei seni paranasali.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per la risposta... un po' l'antibiotico ha fatto effetto almeno sento meno dolore rispetto a prima, proverò a continuare con quello che mi ha suggerito visto che poi è roba che ho già in casa. Grazie mille

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
le auguro una pronta guarigione. buona serata
Dr. Raffaello Brunori