Utente 189XXX
Buongiorno, il mio bimbo ha 20 mesi ed è stato allattato al seno fino ai sette mesi. Ha sempre sofferto di rigurgito, ma non ha mai avuto nessun problema di crescita (anzi!). A sette mesi sono passata al latte artificiale e quando ha compiuto 1 anno, su consiglio del pediatra, siamo passati al latte di crescita. Mi sono accorta che rigurgitava la colazione, anche dopo qualche ora dall'assunzione. Ho provato a ridurre la quantità abituale da 250 aml a 100 ml ma senza successo. Sospettando un'intolleranza al lattosio (io stessa ne ho sofferto alla nascita, tant'è vero che mi hanno somministrato per molto tempo succo di carota in alternativa) ho provato a dargli latte di soia e latte di mandorla, eliminando con sollievo il problema del rigurgito. Ho letto che il latte di mandorla, pur essendo più calorico del latte vaccino, è ricco di sali minerali, tra cui anche il calcio, quindi non ritengo la mia scelta completamente insensata. Vorrei avere un Vostro parere. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Signora
il latte di mandorla è altamente zuccherino... con tutto ciò che ne deriva.

Dopo lo svezzamento il latte non è più indispensabile e solo gli esseri umani, tra i tanti animali del pianeta, continuano ad ostinarsi con il latte..
Variando l'alimentazione sarà fornita la quota di calcio necessaria.
Il lattosio dovrebbe dare gli stessi problemi anche in forma di yogurt e latticini vari per parlare di intolleranza; ad ogni modo è sempre possibile fare il test.
In caso di intolleranza al lattosio è possibile curarla fornendo l'enzima che digerisce il lattosio (lattasi) quindi nulla di grave.
Occorre però tener presente che non solo il latte e i latticini contengo lattosio ma tantissimi altri cibi in commercio.

Cordiali saluti
Dott.Agnesina Pozzi

[#2] dopo  
Utente 189XXX

Gentile Dottoressa,
Grazie per la veloce risposta. Concordo pienamente con Lei circa l'ostinazione a bere latte. Le dirò di più: sono sostenitrice del pensiero "ad ogni specie il suo latte", il latte di mucca va benissimo per i vitelli, ma non per i bambini, perché i livelli nutrizionali sono diversi. Per quanto riguarda il lattosio nei cibi, tendenzialmente compro insaccati senza lattosio per tutta la famiglia e preferisco gli yougurt di soia a quelli di latte. Non ho rinunciato al parmigiano/grana padano perché ho letto che si caratterizzano come alimenti privi di lattosio. La ringrazio per la dispinibilità e spero di non sembrarle fanatica. cerco solo di documentarmi per stare meglio e fare stare meglio.

[#3] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
..Fanatica?
Assolutamente no; ho incrociato una delle fortunatamente tante, fortunatamente sagge mammine!

Dott.Agnesina Pozzi