Utente 220XXX
Buona sera
Sono la mamma di un bambino molto sano e che cresce estremamente bene pur essendo nato lievemente prematuro. Il mio piccolo infatti a 15 mesi è alto 83cm e pesa circa 12.5 kg. Unico nostro piccolo grande problema rimane il dormire e mangiare. Infatti il nostro piccolo si sveglia ancora spesso durante la notte e almeno una o due volte non si riaddormenta senza prima aver bevuto un bel biberon di 180-210ml con tanto di biscotto e di Ovomaltina. Questo accade solitamente alle 2.30 3 della mattina e poi verso le 5. La mattina poi si sveglia poi tra le 7 e le 7.30.
Devo anche puntualizzare il fatto che dorme circa un'ora ora e mezza a metà mattinata e altrettanto le prime ore del pomeriggio mentre la sera lo cerchiamo di mettere a nanna verso le 9.30.
Per quanto riguarda il mangiare ora è completamente svezzato e mangia più o meno tutto quello che mangiamo noi, spesso però essendo un bimbo molto attivo ho difficoltà a tenerlo nel suo seggiolone e quindi il più delle volte si finisce per rincorrerlo per la casa x fargli finire il pranzo. Ad ogni modo mio figlio mangia più o meno le quantità suggerite dal ns pediatra 4 volte al gg più un biberon alle 2 prima di dormire e uno la sera anche quello prima di andare a nanna.
Se devo essere sincera non mi preoccuperei tantissimo visto l'evidente ottimo stato di salute del piccolo se non fosse che dopo 15 mesi di questa vita (ed è migliorata visto che fino al 7 mese si svegliava massimo ogni 3 ore) inizio ad essere veramente tanto stanca. Ulteriormente io e mio marito desideriamo a breve avere un'altro bimbo ma ovviamente vorremo tanto poter riuscire a dormire una notte senza dover correre a preparare biberon (almeno prima dell'arrivo del secondo).
Ultima cosa che non ho detto è che fino al primo risveglio il bimbo è abituato a dormire nel suo lettino nella sua cameretta ma ovviamente dopo finisce per essere messo a letto con noi.
Spero di essere stata il più dettagliata possibile e ringrazio anticipatamente per i vs consigli.

M

[#1] dopo  
Dr. Gianmaria Benedetti

28% attività
4% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Come capita spesso la notizia più importate è l'ultima, che il bimbo dopo il risveglio vuole dormire nel lettone. Insieme all'informazione che è molto 'attivo' e dovete rincorrerlo per casa per dargli da mangiare, viene l'immagine di un bimbo che vi ha preso un po' la mano e tende a fare come vuole lui. Voi, per la stanchezza o altro, tendete a lasciarlo fare. Se è così i problemi aumenteranno e sarà sempre più difficile riporare fra le righe il bimbo. Cambiate quindi in fretta atteggiamento educativo, all'insegna che comandano i grandi, e i bimbi devono adattarsi, non viceversa. Probabilmente si tratterà di resistere per un po' al braccio di ferro che il bambino sicuramente farà, usando tutte le sue armi. Dovete riprendere voli le redini, di notte e di giorno. Con delicatezza e comprensione, ma con fermezza. Se volete leggere un po' di più sull'argomento potete vedere qui http://neuropsic.altervista.org/drupal/?q=node/10

cordialmente
Dr. Gianmaria Benedetti

http://neuropsic.altervista.org/drupal/

[#2] dopo  
Utente 220XXX

Per prima cosa la vorrei ringraziare per la sua gentile risposta, ho letto l'articolo da lei allegato al messaggio ed avrei alcune domande da porle. In primis le devo spiegare che abbiamo cambiato casa da circa un mese e che in precedenza il bimbo dormiva nella nostra stessa camera (di camere ne avevamo una e quindi non si poteva fare altrimenti). Gradatamente quindi stiamo cercando di abituarlo a stare nella sua e ad addormentarsi nel suo lettino anche se la cosa è estremamente difficile in quanto il bimbo ha la tendenza a lottare fortemente prima di addormentarsi. Per lottare intendo che si rotola abbondantemente nel letto cercando di alzarsi, sputando il ciccio per rabbia ed urlando quando non lo ritrova, calciando etc. Insomma non sembra voler proprio addormentarsi pur essendo chiaramente molto stanco. Per questo motivo abbiamo preso l'abitudine di addormentarlo quasi totalmente vicino a noi e poi di spostarlo nel suo letto. Sappiamo di dover piano piano eliminare questo vizio ma considerando anche il fatto che siamo in un posto "relativamente nuovo" non vorremmo in alcun modo fare le cose troppo velocemente e spaventarlo (magari facendo peggio). In secondo luogo, le volte che il bimbo ha dormito tutta la notte con noi, vuoi per un'influenza o per la dentizione si è comunque svegliato spesso durante la notte, e quindi ci pare che il problema non sia del tutto legato al voler venire a letto con noi. Tutto questo quindi per chiederle se secondo lei ci potrebbero essere altre ragioni. Personalmente tendo a pensare che non avendo ingerito abbastanza calorie durante il giorno venga svegliato per i morsi della fame ma chiaramente mio figlio è troppo piccolo per poterci dire cosa veramente lo fa svegliare.

[#3] dopo  
Dr. Gianmaria Benedetti

28% attività
4% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Per la nutrizione e la crescita vi direi di sentire il pediatra, che può valutare direttamente lo stato nutrizionale del bambino. Riguardo al sonno, ma in generale alle abitudini, certamente è difficile cambiarle, una volta fissate. Per questo è utile favorire abitudini utili per lo sviluppo e per la convivenza di tutti. Ci sono bimbi che per dormire si sono abituati ad aggrapparsi ai capelli o alle orecchie della mamma, ecc ecc, e sono ovviamente sempre più dolori sia a continuare che a cambiare. Ovviamente il bimbo lotta con tutte le sue forze per difendere le sue prerogative infantili, ma queste complicano lo sviluppo. Mi sembra inoltre che rischi di diventare anche di giorno un piccolo tiranno che vuole comandare lui e non sopporta regole e limiti , se ho capito bene. Per questo vi direi di resistere a fargli accettare i cambiamenti e le abitudini utili, e specialmente che deve fare come dicono i grandi. Non serve spiegarglielo, è necessaria tanta pazienza e resistenza, e magari darsi il cambio di notte fra i genitori. Se siete tranquilii e sicuri che è la scelta giusta, il bambino accetterà in poco tempo il cambiamento, ma appunto dipende molto dal vostro atteggiamento.
Non è facile da accettare, lo so...
cordialmente
drGBenedetti
Dr. Gianmaria Benedetti

http://neuropsic.altervista.org/drupal/