Utente 320XXX
Salve cerco di essere esaustivo nel piu’ breve tempo possibile. Mia figlia e’ nata il 7 settembre 2012 peso 3,7 per 51 di .Ieri 18 ottobre ci hanno chiamato dall ospedale dicendoci che la bimba deve ripetere l esame del tallone; a questo punto avvisato il nostro ginecologo abbiamo saputo che si trattava dell esame della fenilchetonuria, di stare tranquilli perche’ l esame solitamente con l'altro prelievo torna nella normalita’.Puo’ capire la nostra ansia, mi chiedo come mai dopo quasi un mese e mezzo ci fanno ripetere l esame, quando il primo prelievo si effettua nelle prime ore del nascituro e qualche risultato lo si dovrebbe sapere per evitare di perdere tempo nelle cure?Quale stadio e’ pericoloso affinche’ la bimba necessiti di cure adeguate,poi l ultima domanda. Abbiamo conservato l embrione della bimba ed e’ andato tutto ok, in caso speriamo mai di feniinchetonuria, si puo’ azzerare il pericolo. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Giro la domanda ai colleghi pediatri che potranno esserle piú d'aiuto sulle malattie metaboliche
Cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#2] dopo  
Dr. Lorenzo Giacchetti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
0% attualità
20% socialità
SVIZZERA (CH)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
gentile utente,
l'esame di cui parla rientra insieme ad altre malattie nello screening che in italia si esegue a tutti i bambini dopo le prime 48 ore di vita.
Talvolta ma non infrequentemente, il risultato del test può essere dubbio, altre volte ci possono essere stati dei rpoblemi nella metodica del prelievo o dell'esame e quindi i genitori vengono richiamati per ripetere il test.
questo NON SIGNIFICA CHE IL PRIMO ESAME SIA NECESSARIAMENTE POSITIVO!
anzi questo accade abbastanza frequentemente in tutti i centri nascita come il mio e nella maggior parte dei casi l'esame poi risulta non laterato.
i tempi tecnici di cui parla sono normali.
cordiaLI SALUTI
Dr. Lorenzo Giacchetti
Specialista in Pediatria - Neonatologia e Patologia Neonatale, Varese.
Capoclinica Pediatria Ospedale di Lugano (Svizzera)