Utente 152XXX
Buongiorno,
scrivo per mia figlia. La bambina ha 5 anni. Da alcuni mesi le capita di vomitare di notte, sempre tra le 3 e le 5. I primi episodi sono accaduti a dicembre ed essendo associati anche a scariche intestinali la diagnosi è stata di virus intestinale.
Adesso però sono già tre volte che il vomito si presenta senza alcun altro sintomo. La bambina si sveglia nel sonno perché avverte il malessere e il sopraggiungere del vomito, vomita residui di pasti non digeriti (a volte addirittura della cena del giorno prima o della merenda del giorno stesso). Il vomito ha il classico odore di uovo marcio. In seguito al vomito (1-2 attacchi a distanza di un ora l'uno dall'altro), si riprende completamente, mangia a colazione, gioca e non lamenta nulla.
In generale è una bambina che non mangia molto, la sera in particolare ultimamente adducce molte scuse per non mangiare ma non perché non ha fame ma perché e diventata molto selettiva. Sto tenendo traccia di ciò che mangia per capire se si tratti di un' intolleranza alimentare ma attualemente non ho dati sufficienti e la pediatra esclude questa ipotesi.
La bimba non sta attraversando particolari momenti di stress o cambiamenti. Pesa 16 Kg ed è alta 108 cm. Abbiamo effettuato esami del sangue per escludere la celiachia che sono risultati negativi.
La nostra pediatra pensa alla sindrome da vomito ciclico. A me però non è chiaro il fatto della maldigestione che mi pare diversamente associabile ad altre patologie dell'apparato digerente.
La bambina soffre anche di acetone ricorrente e di cistiti dovute a sinechia delle piccole labbra, ma con gli stick eseguiti sulle urine non risultava avere concomitanza di questi problemi con gli episodi sopra descritti.
In ultimo per completezza alla bimba intorno all'anno di età è stato riscontrato un lieve danno neurologico che ha comportato un deficit motorio al lato sn del corpo completamente recuperato con un periodo di riabilitazione. La causa del danno neurologico non è stata accertata neanche con esame RMN in quanto molto piccolo e riassorbito. Pertanto si pensa ad un episodio ischemico transitorio intercorso nel periodo di gestazione o al momento del parto. Gli esami fatti per escludere eventuali malattie metaboliche o di natura vascolare hanno dato esito negativo. La bambina è vaccinata per le obbligatorie.
Quando fa la pipì nel vasino e sciaquo il vasino la pipì fa la schiuma. Ho notato anche che ha sempre gomiti e ginocchia ruvidi.

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
gentile signora
conviene effettuare una ecografia dell'addome completo ed eventuali altri esami specifici nel sospetto di un reflusso gastro esofageo con un'ernia iatale.Sarebbe comunque indicata una consulenza di un gastroenterologo pediatra.Sarebbe utile inoltre eseguire una visita oculistica con fondo oculare ed escludere una ipertensione endocranica
cordiali saluti
Dr. Gaetano Pinto