Utente 263XXX
Gentili Dottori,
il mio pediatra circa l'alimentazione del bambino non mi fornisce troppe indicazione o forse sono io che ho poca fantasia e audacia di sperimentre. Ad ogni modo ho l'impressione di variare poco il menù del mio piccolo e forse di non dargli neppure una quantità adeguata di cibo (ultimamente la crescita è rallentata).
Allora il piccolo a COLAZIONE mangia 250 ml latte crescita + 3 biscottini mellin

a PRANZO 200-250ml di passato di verdura (zucchine, finocchio, patata, carota, sedano) con 40 gr di omogeneizzato di carne + due cucchiai rasi di pastina + un cucchiaino di parmigiano e uno di olio e per finire un vasetto di frutta. Una volta alla settimana anziché l'omogeneizzato di carne aggiungo alla pappa 40 gr di merluzzo.
Ancora una volta a settimana anziché la pappa gli do 30 gr di pastina al pomodoro + 40 gr di stracchino / ricotta. Oggi per la prima volta ho provato a dargli pastina e ragù.

a MERENDA 250 latte crescita + 3 biscottini mellin

a CENA purtroppo della pappa non ne vuole sapere pertanto prende 250 ml di latte crescita + 3 biscottini mellin.

Secondo voi questo tipo di alimentazione è corretta?
Vi ringrazio in anticipo per tutti i consigli che vorrete darmi.
Cordiali saluti
Debora

[#1]  
Dr.ssa Olga Kisseleva

20% attività
0% attualità
0% socialità
()

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2008
Cara mamma! al 1 mo anno di età un bambino deve gia provare quasi tutti tipi di carne e pesce in quantita giornagliera di 30 - 40 grammi, formagio ipolipidico - 60 grammi, verdure - 150 gr al giorno, uovo 1 alla settimana, parmigiano o grana 15 gr al giorno, olio d'oliva 1 cucc. , olio di semi(arachidi) - 1 cucc. al pasto. Rallentamento della crescità nel secondo anno di età è naturale. In questo periodo - dal 1 al secondo anno è utile passare al tavolo comune, secondo abitudini alimentari della famiglia.
La frutta meglio dare lontano del pasto principale (merenda).
Un caro saluto.
Dr.ssa Olga  Kisseleva

[#2] dopo  
Utente 263XXX

La ringrazio per la cortese risposta e le porgo i più cordiali saluti.
Debora