Utente 170XXX
Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni, soffro di reflusso gastroesofageo da un anno con sintomi atipici come asma, tosse dopo i pasti, disfonia, assumo pantoprazolo (o lansoprazolo) ma nonostante ciò dopo alcuni pasti manifesto comunque i sintomi sopra citati. Premetto che sono un soggetto asmatico (asma allergico da graminacee), volevo sapere se la tosse produttiva che insorge dopo i pasti (che termina dopo l'espettorazione di minime quantità di catarro dai bronchi) è da considerarsi asma o semplicemente tosse, ovvero vorrei capire se c'è del broncospasmo anche se minimo, oppure è una semplice tosse con catarro. Vi ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
l'asma è una malattia cronica dei bronchi causata da una loro infiammazione (con accumulo locale di eosinofili) che provoca mancanza o difficoltà di respiro, tosse, respiro fischiante o sibilante, senso di oppressione al torace.

La tosse produttiva invece dipende dall’emissione di secrezioni (muco o catarro) a causa della irritazione (da reflusso, virale, batterica, etc.) delle vie respiratorie.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 170XXX

Grazie dottor Quatraro per la sua risposta chiara. Quindi anche la necessità "raschiare la gola/schiarirsi la voce" è dovuto al reflusso? La tosse produttiva che sperimento dopo i pasti (e che ovviamente con il ventolin non passa) è diversa dall'ostruzione bronchiale che ho nei periodi di allergia? Grazie molte.

[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Rispondo in ordine:
1 - è dovuta all'irritazione mucosa,
2 - si.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente 170XXX

La ringrazio ancora, rinnovo i saluti.

[#5] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Ci mancherebbe.

Auguroni
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente 170XXX

Buongiorno dottore a distanza di mesi purtroppo il mio problema non è ancora risolto. Inoltre, ho notato che bensì io assuma pantoprazolo 40mg al mattino, quotidianamente (quasi ad orario preciso intorno circa alle 11 di mattina) ho crisi di tosse produttiva, con muco che fatico ad espellere, tanto che mi sembra di soffocare. Con il ventolin purtroppo non passa, quindi non riesco a capire la natura di questo muco: è nei bronchi? o muco prodotto dall'esofago come mi ha detto l'otorinolaringoiatra? La ringrazio.

[#7] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Credo che l'unico modo per stabilirlo sia una visita diretta,
ad esempio ascultando i suoi polmoni,
e questo, on-line, è davvero impossibile da fare.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#8] dopo  
Utente 170XXX

La ringrazio molto per la risposta. Secondo lei avendo il cardias beante, 25 anni e almeno una crisi "asmatica" al giorno, a volte una ad ogni pasto (quindi più di una al giorno), sarei una buona candidata per l'operazione? Lei cosa ne pensa? Grazie mille per la disponibilità.

[#9] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
La beanza cardiale, di per sè, non costituisce indicazione all'intervento chirurgico.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it