Reazione "spropositata" agli eventi

Salve, sono un utente che ha già parlato del suo problema nella sezione psicologia...Sono una donna di 30 anni ,che negli ultimi due anni ( già molto stancanti per questioni lavorative e problemi familiari) ha avuto molti problemi di salute.Sono asmatica e pluriallergica già dalla'infanzi...due anni fa sono stata ricoverata per una polmonite e ne sono uscita molto spossata e stanca...Nel frattempo ho sempre sofferto di problemi gastrointestinali imputabili all'ansia secondo i medici...e invece da agosto , momento in cui la situazione è peggiorata, ho scoperto di soffrire di endometriosi. Sono svenuta tre volte dal mese di ottobre...crolli ipotensivi e stato di disidratazione dovuto a diarre che ormai errano diventae giornaliere..fino a che dopo un calvario si è scoperto e sono stata operata un mese fa in laparoscopia e avevo l'endometriosi intestinale...L'operazione è andata perfettamente, adesso sono solo in cura con la pillola ma mi sento strana, o meglio direi distrutta...non solo fisicamente( sono sotto peso di 6 chili ed ero già di costituzione minuta) ma soprattutto psicologicamente...ho perso l'allegria,in certi momenti ho paura di svenire , di avere per strada quei mal di pancia terribili prima di scoprire l'endoemtriosi ,ogni minimo malessere lo vivo con terrore... insomma è come e se fossi rimasta traumatizzata...mi ossessiona il ricordo del dolore fisico, la paura di collassare per strada mi è rimasta parecchio anche se so che no naccadrà più ( anche se fisicamente mi sento ancora debole)..il rapporto con il cibo, a cui addebitavo tutte le colpe, è rimasto molto disturbato, ho paura di mangiare tanto, che mi venga la diarrea o una colica addominale..So che tutto questa reazione è irrazionale e direi spropositata...ma perchè non riesco ad allontanare questi ricordi ? Tutte le volte in cui son oandata in ospedale e mi hanno dimessa senza diagnosi nonostante io stessi molto male mi ha sconvolto ed il mio rapporto con il corpo è diventato strano...fino ad ora avevo accettato la mia salute fragile e ci convivevo..ora ho la sensazione di perdita di controllo...ho iniziato una psicoterapia la settimana scorsa perchè ho una grande voglia di ritornare a vivere, a sentire le cose come prima...ma perchè nonostante la volontà non ci riesco? perchè la vita e tutte le cose che prima mi piacevano sono diventate lontane? perchè continuo ad avere paura di svenire anche se so che ho risolto il problema?perchè sono così stanca?Vado a letto stanchissima ma poi la notte mi sveglio con l'ansia e il cuore a 1000 o l'angoscia ( non so di che!)e mi riaddormento solo dopo aver fatto degli esercizi di respirazione e ripetendomi che non sta succedendo nulla...La cura ormonale mi sembra abbia peggiorato la situazione..ma è necessaria. Intanto Il medico di famiglia dice che dovrei tornare a lavorare...ma insegno lontano , a 40 Km purtroppo e sento di non farcela...Lei cosa pensa possa essere successo? Avrei bisogno di una cura farmacologica? Grazie!!!
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 40.8k 992 63
Gentile utente,

Le e' gia' stata consigliata, nella sezione psicologia, una visita psichiatrica che pare non abbia ancora fatto.

Quando decide?

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

L'endometriosi consiste nella presenza di tessuto simile all'endometrio fuori dalla sua posizione anatomica, provocando forte dolore pelvico: sintomi e cure possibili.

Leggi tutto