Utente 184XXX
Gentili Dottori,

Sono seguita da una terapeuta 1 volta a settimana e occasionalmente da una psichiatra (in passato ho fatto uso di Entact).
A breve partirò per un viaggio di 3 settimane oltreoceano con il mio fidanzato. Questo evento, nonostante non sia la prima volta che affronto qualcosa del genere, ha creato in me una fortissima ansia anticipatoria, in un periodo già di per se ansioso per varie cause esterne, ma comunque gestibile. Negli ultimi giorni, settimana l'ansia ha davvero preso il sopravvento con punte insopportabili,spesso continua tutto il giorno e anche la notte (ma in qualche modo dormo), ma non ancora panico. La mia paura è diretta non solo al viaggio in aereo, ma anche alla permanenza stessa. Oltretutto, sono direi nel punto culmine della terapia, ovvero nel mezzo di quello che è il mio problema principale (questo mi causa alquanto dolore), indi mi rendo conto che per me questo viaggio rappresenta una grossissima sfida. A tratti penso che poi li starò bene (come altre volte è accaduto) altre che sarò in ansia costantemente.
La psichiatra mi ha ovviamente suggerito di assumere Xanax o Tavor a seconda del bisogno, inoltre abbiamo studiato una terapia farmacologica limite nel caso andasse molto male, ovvero lei mi suggeriva di assumere anche già da ora 0.25mg 2 o 3 volte al dì (prima di partire)fino ad un 0.50mg di xanax (una volta partita) somministrato anche 3 volte al dì se necessario. Le ho fatto presente la mia paura delle dipendenze, specialmente dallo xanax, ma lei mi ha rassicurato che una dipendenza "seria" occorre dopo ben più di 3 o 4 settimane. Mi ha spiegato che ovviamente poi la Xanax va scalato gradualmente, non tolto di botto.
Onestamente ho fatto l'errore di non fidarmi pienamente e cercare altre opinioni e mi pare di capire che ci sono molte idee contrastanti, alcuni asseriscono che lo xanax possa dare dipendenza addirittuta dopo solo qualche giorno di assunzione. Vorrei avere una vostra gentile opinione a riguardo, ovvero dopo quanto lo xanax crea davvero problemi di dipendenza?Dopo quando la medesima dose non ha più la stessa funzionalità? Posso stare tranquilla se si trattasse di assumerlo quindi per un massimo di 4 settimane con una dose massima (che cmq escludo un pò vista la mia riluttanza verso i farmaci)di 0,50 mg? Esattamente dopo quanti giorni di assunzione continua va scalato gradualmente e non tutto insieme?

Vi ringrazio per l'attenzione, scusate l'excursus, sono un pò confusa......

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Segua le indicazioni della sua psichiatra.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 184XXX

Va bene, la ringrazio.

[#3] dopo  
Utente 184XXX

Buongiorno, Chiedo scusa,

Alla fine tutta la settimana scorsa ho assunto xanax in gocce ad una dose massima di 10 gocce (dalle 5 alle 10 a seconda del giorno, dell'ansia), una volta al giorno. Da ieri ho deciso di seguire la terapia a breve termine (max 4 settimane)consigliatami dalla psichiatra come ho scritto sopra, quindi ho cominciato ad assumere le pastiglie, ieri sempre 0.25 e ho sentito un pò di effetto, ma niente di che e inoltre mi sono sembrate molto più lunghe a funzionare rispetto alle gocce. La sera non ne sentivo il bisogno e non ho preso nulla. Stamattina alle 9 avevo un pò d'ansia, ho deciso di assumere sempre 0.25, ma non ho sentito praticamente nulla! Una leggera sonnolenza, ma non riuscivo davvero nemmeno a capire se il farmaco avesse cominciato a fare effetto o no. Mi sono sentita strana tutta la mattina, mi sentivo le gambe un pò instabili, sentimenti non chiari, una leggera sensazione di pianto e strana, non calma e rilassata. A pranzo mi è proprio salita l'ansia al cervello per qualche secondo e il caldo e il freddo (non so se alimentata dal fatto che ero preoccupata del poco effetto dello xanax, visto il viaggio imminente) Mi chiedo se la dose di 0.25 non sia sufficiente per la mia ansia,se dopo una settimana di assunzione 1 volta al dì di circa 0.25 non sia già più sufficiente, o se le compresse non funzionino bene quanto le gocce....davvero non so cosa pensare....non riesco a contattare la mia psichiatra e avendo questo viaggio alle porte se dovessi assumere di più ora non saprei come comportarmi poi......

Spero di riuscire a contattare la mia dottoressa prima della partenza, intanto se potreste darmi un chiarimento, non mi è chiara la situazione e sono preoccupata.

Grazie