Il farmacista ha detto che una cosa normale vero

Gentili dottori, mi è stato diagnosticato un disturbo ossessivo compulsivo (nel mio caso prende la sfera sentimentale). Sono attualmente in cura da una psicologa associato a 10 mg di citalopram al giorno per poi aumentare fino a 20mg! Volevo chiedere se il Doc può essere "risolto" con questo farmaco? Lo assumo da 5 giorni e inizialmente sembrano che pensieri ossessivi e ansia siano aumentati ma il farmacista ha detto che è una cosa normale è vero? Quanto dovrei proseguire con la cura? Faccio iniezioni di Liposom Forte. Che mi sapete dire riguardo all'estratto di zafferano?? Ringrazio per la pazienza!
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.1k 979 248
Gentile utente,

"per poi aumentare fino a 20mg!" a cosa è dovuto l'esclamativo ?

Non ho capito chi ha prescritto il farmaco. La psicologa no (psichiatra forse ?), e perché si consulta con il farmacista sull'andamento dei sintomi e non direttamente con il medico che lo ha prescritto ?

Sì, è normale che aumentino le ossessioni durante le prime 2-3 settimane di cura. La domanda sul funzionamento del farmaco non è chiara: per cosa glielo avrebbero prescritto se non per curare il DOC ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

[#2]
dopo
Attivo dal 2012 al 2013
Ex utente
Gentile dottore, l'esclamativo è solo un mio modo di scrivere al pc. Comunque la psicologa ma lo ha consigliato per curare il DOC ma prescritto dal mio medico di base. Io mi consulto con la mia psicologa ma siccome il farmacista è un amico di famiglia ne parlo anche con lui.
[#3]
Dr. Vito Fabio Paternò Psichiatra, Psicoterapeuta 586 22 3
Salve, le consiglio di fare gestire la terapia ad uno Psichiatra (con tutto il rispetto verso il suo medico di base).

Cordialmente
Dott. Vito Fabio Paternò

www.cesidea.it
info@cesidea.it

[#4]
dopo
Attivo dal 2012 al 2013
Ex utente
Gentile dottor Vito secondo lei è meglio che questo disturbo sia seguito da uno psichiatra anzichè da una psicologa?
[#5]
Dr. Vito Fabio Paternò Psichiatra, Psicoterapeuta 586 22 3
Da entrambi va benissimo, ma la terapia farmacologica io la farei gestire ad uno Psichiatra.
[#6]
dopo
Attivo dal 2012 al 2013
Ex utente
Capisco, e mi saprebbe dire il motivo dell'aumento delle mie ossessioni e ansie durante i primi giorni di assunzione del farmaco?
[#7]
Dr. Vito Fabio Paternò Psichiatra, Psicoterapeuta 586 22 3
Le ha già spiegato il Dott. Pacini che all'inizio della cura può essere normale.
Comunque quando sarà preso in carico da uno Psichiatra, lui le potrà chiarire qualunque perplessità.
[#8]
dopo
Attivo dal 2012 al 2013
Ex utente
Ok dottore la ringrazio. Ultima domanda. Per sua esperienza in che periodo della giornata è meglio assumere il farmaco? la ringrazio
[#9]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.1k 979 248
Gentile utente,

La psicologa non è medico e quindi non ha idea di come si usino determinati strumenti. Mi sembra anche strano che il medico di base recepisca delle indicazioni su medicine che non vengono da un medico.

Mi sembra che stia facendo un po' di confusione: lo psicologo indica una medicina, il medico di base la prescrive, lei chiede chiarimenti al farmacista, poi chiede su un sito internet a che ora prenderlo....
[#10]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.1k 979 248
Gentile utente,

La psicologa non è medico e quindi non ha idea di come si usino determinati strumenti. Mi sembra anche strano che il medico di base recepisca delle indicazioni su medicine che non vengono da un medico.

Mi sembra che stia facendo un po' di confusione: lo psicologo indica una medicina, il medico di base la prescrive, lei chiede chiarimenti al farmacista, poi chiede su un sito internet a che ora prenderlo....
[#11]
dopo
Attivo dal 2012 al 2013
Ex utente
Scusi io non ho esperienza quindi non so se quello che mi dicono è giusto o meno.
[#12]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.1k 979 248
Gentile utente,

Sì ma non si capisce da chi si fa seguire. La psicologa in quanto non medico non può indicare medicinali da assumere. Il medico le fa una ricetta di un farmaco su sua (di Lei paziente) indicazione che l'ha raccolta dalla psicologa, poi per seguire questa presunta cura fa riferimento un po' al farmacista, un po' a internet con altri medici che non la conoscono. Capisce come questo non abbia senso.

Diagnosi e cura date da un medico, o il suo o uno specialista psichiatra, che poi segue lo svolgimento della cura insieme al suo medico.