Utente 180XXX
Buongiorno,
Da quasi un mese soffro di insonnia caratterizzata da risveglio precoce. Di fatto non ho alcun problema ad addormentarmi (solitamente vado a dormire regolarmente verso le 23, salvo il sabato e/o venerdì quando faccio più tardi fino alle 24, 01), ma puntualmente mi risveglio in piena notte.
Fino a circa 2 settimane fa il risveglio avveniva verso le 3 o 3.30, mentre ora inizia ad essere anche alle 2.30. Quando mi alzo, soprattutto la mattina, mi sento molto più stanco della sera prima d'andare a dormire, ho difficoltà di concentrazione e di resistenza anche fisica. Di fatto, soprattutto la mattina, mi sento uno "straccio", mentre il pomeriggio va un po' meglio.

Per attenuare questo problema ho provato a prendere 4 gocce di EN alle 20 e 8 gocce alle 22, ma senza ottenere risultati. Anche prendendo una compressa di melatonina (5 mg) la sera prima di coricarmi la situazione migliore un po' (riesco a posticipare il risveglio di 30/40'), ma non risolve la situazione.

Prima di questo periodo, invece riuscivo ad avere il risveglio verso le 5.30/6 sentendomi poi riposato la mattina.

Ho pensato di rivolgermi ad un centro del sonno, ma anche ad un psicologo/psichiatra per riuscire a risolvere o almeno ad attenuare questo disturbo. Nel frattempo però vorrei chiedere a voi qualsiasi consiglio che mi possa aiutare.

Grazie mille in anticipo.

Cordiali saluti,
Andrea

PS Ho letto che la melatonina può avere rischi, sapreste indicarmi come comportarmi?

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Poiché l'insonnia è il sintomo emergente di diversi disturbi d'ansia e un sintomo anticipatore di altri disturbi come ad esempio la depressione, non va trattata con sonniferi, specie se l'uso diviene abituale e se questo significa omettere una diagnosi complessiva della situazione.

Si faccia quindi visitare da uno psichiatra, in maniera che possa verificare se necessita di una cura mirata sul sonno ma forse non solo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 180XXX

Genile dottore,
La ringrazio per la risposta. Ho fissato un appuntamento per una visita da uno psichiatra, ma purtroppo è la prossima settimana perché prima non c'era disponibilità. Potrebbe consigliarmi, se è possibile, qualche altro rimedio temporaneo in attesa della prossima settimana?

Io pensavo anche ad una breve pausa pomeridiana (il classico pisolino), che mi aiuterebbe un po' in questi giorni.

Grazie in anticipo.

Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Non è possibile consigliare niente in questa sede.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 180XXX

Gentile dottore,
Ho fatto la visita dallo psichiatra che mi ha prescritto di continuare a prendere 4 gocce di EN alle 20 ed altre 8 alle 22, associate a mezza compressa di Remeron da 30 mg la sera alle 21. Mi ha assicurato che in questo modo dovrebbero non manifestarsi più i risvegli notturni.
Per ora la terapia la dovrò portare avanti fino a settembre, poi rivaluterò con il medico.

Sarebbe veramente un gran successo se riuscissi a dormire finalmente una notte intera, senza essere rimbambito poi di giorno! Potrei finalmente riprendere normalmente tutte le mie attività..

Saluti,

[#5] dopo  
Utente 180XXX

Gentile dottori,
sapreste dirmi eventuali effetti collaterali comuni (al di là della sonnolenza) a cui potrei andare incontro, giusto per essere più tranquillo nel caso si verificassero?

Saluti,

[#6] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Gli effetti collaterali comuni e non comuni sono elencati nel foglietto, così in generale non è chiaro cosa debba sapere prima, e perché, presumo che il medico in base alla conoscenza del suo caso abbia ritenuto o meno di anticiparle qualcosa.
Se chiarisce di cosa è preoccupato in particolare forse si capisce meglio cosa le interessa sapere.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it