Utente 235XXX
Salve, gradirei un consiglio.

Da due mesi soffro di un forte dolore cervicale sx, causato o accentuato probabilmente da un tamponamento in auto fatto 3 mesi fa. Ho fatto anche rx al collo, tutto ok.

Cosi visti i brutti sintomi associati come capogiro, fotofobia, dolore oculare dx e risvegli mattutini doloranti con agitazione annessa, sono andato prima a fare una visita oculistica, poi una neurologica, la quale ha dato colpa al tutto ad una "cervicalgia muscolo tensiva da stress", consigliandomi TRITTICO 25mg la sera per in mese eppoi eventualmente 50mg per altri 2 mesi. 10gg di Xanax all'occorrenza.

Premesso che ho sofferto per molti anni (1999-2005) di attacchi di panico ora ho la brutta sensazione che qualcosa stia tornando.

Da quasi 2 settimane prendo trittico ed ho "la sensazione di battito lento e tremori) tutto il giorno, per ben 2 volte in meno di 10 giorni ho avuto tutto il giorno una stanchezza tale da non riuscire ad uscire di casa ed anche i l resto della giornata è accompagnata da capogiri e stanchezza assurda.

Sempre in queste due settimane ho fatto punture di voltaren e muscoril ed al terzo giorno avevo le gambe che non me le sentivo piu... Poi visti i continui fastidi, pruriti e lacrimazione all occhio dx ho pensato bene di prendere anche Reactine, ed anche in quel caso dopo poche ore sono caduto in una stanchezza profonda, tanto da buttarmi a letto e rimanerci fino alla mattina dopo.

Só che una diagnosi via Web non e possibile, ma un consiglio gradirei averlo, credete che questo "tremore e sbandamento" siano i primi giorni (oggi e il 13 giorno che l assumo) di controindicazioni da Trittico? Pensate stia facendo effetto? Che io non lo sopporti o che addirittura sia sottodosato?

Anche prendendo Xanax al bisogno non trovo giovamenti, come non trovo miglioramenti con l antistaminico... Le sensazioni sono al momento; tremore, forte stanchezza, sensazione di battito le nto (in verita ho fissi 80bpm) capogiri...

Qualè il vostro consiglio? Grazie anticipatamente.

Ps. Cercando in internet trovo molti dei miei sintomi come "sintomo della Sclerosi Multipla" credete che con una visita Neurologica fatta sia stato possibile escluderla? faccio le corna)

[#1]  
Dr. Matteo Preve

40% attività
8% attualità
16% socialità
CONCESIO (BS)
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,
qualsiasi farmaco nelle prime 2-4 settimane può portare ad alcuni effetti collaterali e la sonnolenza può essere uno di questi, e sicuramente bisogna aspettare il tempo necessario per valutare l'effetto farmacologico della terapia.
Inoltre la terapia che ha effettuato a base di cetirizina può rendersi responsabile di effetti sedativi sistemici.
Infine solo il suo medico di fiducia può valutare correttamente la sua situazione consigliando accertamenti o terapia da assumere (quindi se lo ritenesse opportuno anche la visita neurologica).
Se va su internet cercando in giro i suoi sintomi sono "aspecifici",quindi solo attraverso una corretta valutazione clinica si può valutare a quale patologia siano ascrivibili (il suo medico valuterà avendo lei una storia clinica di disturbo di panico, se i sintomi siano ansiosi) o se siano legati alla terapia in atto.
cordiali saluti.
Dr. Matteo Preve
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia Cognitiva

[#2]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il trittico è un farmaco per la depressione, anche se spesso è utilizzato come farmaco per regolarizzare il sonno o per contenere l'ansia, in dosi basse.

Sarebbe meglio avere una diagnosi più precisa, poiché vi sono aspetti da chiarire. Intanto la dicitura "da stress" non ha un senso preciso. Se si intende che sia associato ad uno stato ansioso, non è che questo equivalga al concetto di stress, se mai è il caso di diagnosticare bene il tipo di sindrome ansiosa. Un aspetto interessante può essere la sua preoccupazione "attiva" nel cercare i suoi sintomi e nell'isolare, con spavento o ulteriore preoccupazione le associazioni che trova con alcune malattie. Nell'ipocondria, ad esempio, c'è un meccanismo per cui cercando un certo sintomo si cade inevitabilmente su alcune malattie dal nome più disturbante o di cui si ha più timore soltanto perché sono i quadri meno facili da diagnosticare in base a quel dato sintomo, o perché sono le ipotesi che si preferirebbe esser sicuri di poter scartare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il trittico è un farmaco per la depressione, anche se spesso è utilizzato come farmaco per regolarizzare il sonno o per contenere l'ansia, in dosi basse.

Sarebbe meglio avere una diagnosi più precisa, poiché vi sono aspetti da chiarire. Intanto la dicitura "da stress" non ha un senso preciso. Se si intende che sia associato ad uno stato ansioso, non è che questo equivalga al concetto di stress, se mai è il caso di diagnosticare bene il tipo di sindrome ansiosa. Un aspetto interessante può essere la sua preoccupazione "attiva" nel cercare i suoi sintomi e nell'isolare, con spavento o ulteriore preoccupazione le associazioni che trova con alcune malattie. Nell'ipocondria, ad esempio, c'è un meccanismo per cui cercando un certo sintomo si cade inevitabilmente su alcune malattie dal nome più disturbante o di cui si ha più timore soltanto perché sono i quadri meno facili da diagnosticare in base a quel dato sintomo, o perché sono le ipotesi che si preferirebbe esser sicuri di poter scartare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 235XXX

Intanto grazie di cuore della celere risposta.
Proprio dopo l assunzione di Reactine che ho avuto i miei due giorni peggiori. Ho letto tra le note che il trittico associato ad antistaminici puo "amplificare" alcune controindicazioni.

Per quanto riguarda la diagnosi e stata proprio fatta da una Neurologa dopo un attenta visita con domande e prove neurologiche durata piu di un ora. In effetti sono molto soddisfatto della neurologa (difficilmente rimango contento di come si pongono i medici anche nelle visite private a pagamento).

Ora vorrei capire se questo Tremore e Capogiro è un "effetto transitorio" di quel 1/3 di pasticca da 75mg di Trittico oppure all improvviso sto peggiorando...

Ho detto che molti anni fa ho sofferto di attacci di panico, in effetti il mio è proprio un "esaurimento fisico" con stanchezza, svogliatezza, dolori muscolari e capogiri.

Ho fatto mille esami visto che la mia parte "ipocondriaca" in questi momenti la fa da padrona.

Credete che sia troppo presto andare dinuovo a chiedere alla Neurologa una "rivalutazione della terapia"? Gli effetti del Trittico dopo quanto tempo su vedono? Anni fa ho preso efexor e zoloft ma non ricordo risultati apprezzabili derivati da essi...

[#5]  
Dr. Matteo Preve

40% attività
8% attualità
16% socialità
CONCESIO (BS)
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
abbiamo esaustivamente risposto alle sue domande. Cercare di avere ulteriore rassicurazione non cambia il fatto che la terapia necessita del suo tempo e non varia gli effetti collaterali. Veda la prima risposta data.
Cordiali saluti.
Dr. Matteo Preve
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia Cognitiva

[#6]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

"Ho detto che molti anni fa ho sofferto di attacci di panico". Infatti il modo di porre e descrivere la sua situazione ricorda esattamente questo tipo di diagnosi.

Sarebbe bene far rivalutare questo aspetto, nel caso da uno psichiatra, altrimenti si procede "per sintomi e per allarmi" che è il percorso dettato dai disturbi d'ansia.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#7] dopo  
Utente 235XXX

In effetti avete ragione, ma proprio perche mi sono "fatto vedere" dal medico di base, dall oculista e dal neurologo che alla fine ho chiesto a Voi... Forse solo per l ennesima rassicurazione.

Sono sicuro che in tutto questo ci sia uno stato "ansioso ed apprensivo" ma purtroppo i sintomi non credo sia derivati dall ansia, semmai amplificati...


Il torcicollo mi passa col brufen, i giramenti col microser e gli occhi che mi lacrimano con annessi starnuti si attenuano con reactine... Credo che proprio tutti questi sintomi, facciano in qualche modo "amplificare" l ansia e la sensazione di malessere che il trittico dovrebbe "alleviare"...


RingraziandoVi vi porgo l ultima domanda;
Per valutare bene l effetto (se c e) del trittico quanto dovro aspettare? La neurologa mi ha detto di aumentarlo se non mi avesse dato problemi, posso passare a 0,50mg? Grazie

[#8]  
Dr. Matteo Preve

40% attività
8% attualità
16% socialità
CONCESIO (BS)
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
qualsiasi farmaco nelle prime 2-4 settimane può portare ad alcuni effetti collaterali e bisogna aspettare il tempo necessario per valutare l'effetto farmacologico della terapia. L'effetto farmacologico può insorgere tra le 2-8 settimane con una differenza che varia da soggetto e soggetto. Per qualsiasi variazione terapeutica deve sentire la sua specialista.
Cordiali saluti.
Dr. Matteo Preve
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia Cognitiva

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Quando si soffre di un disturbo d'ansia, si ritiene tipicamente di essere in ansia per i sintomi, ma i sintomi stessi sono definiti anche dal livello di preoccupazione, al punto di poter essere sostanzialmente delle preoccupazioni su elementi anche irrilevanti o indefiniti.

Le confermo che sarebbe meglio far inquadrare la cosa da uno psichiatra.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it