Utente 265XXX
buon pomeriggio gentillissimi dottori soffro di uno strano formicolio alla testa alla parte frontale;e mi sento un po di umore basso e ogni tanto mi accorgo di comportarmi come un bambino di 15 anni avendone 24; e non mi sento piu dentro di me piu quella fiducia di me stesso, alcune volte sento come delle paure interne seza aver nessun percolo davanti; vorrei dei consigli cosa fare....
tutto questo iniziò agosto 2012 con dei dolori fortissimi alla schiena smisi di lavorare; il medico mi disse di mettermi in malattia causa dei forti dolori perche non era una cosa da niente......mi feci delle cure di voltaren e muscoril e mi feci anche dei massaggi di schiatsu i medico mi disse di stare nel letto a riposo ........segui i consigli del medico e la mia vita si rovinò;i dolori dopo 1 mese si tolsero ma mi rimasero tutti i sintomi elencati prima.
per voi potrebbe sembrare una cosa stupida ma io mi sento come se non riesco piu a tirare fuori ( da dentro di me) la mia personalita:.. sorridende; forte; energico

[#1]  
Dr. Matteo Preve

40% attività
8% attualità
16% socialità
CONCESIO (BS)
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
Per caso ha visto uno specialista e le è stata posta una diagnosi?
Sta seguendo qualche terapia al momento?
Cordiali saluti.
Dr. Matteo Preve
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia Cognitiva

[#2] dopo  
Utente 265XXX

sto facendo delle terapie da un psicologo; ma sinceramente io non vedo miglioramenti e poi io sinceramente non so nemmeno se quella è la strada giusta perche ogni volta che vado non mi chiede altro come sto e li racconto un po della mia vita........poi un altro sintomo che mi da fastidio è che mi sento come una debolezza alle gambe alcune volte mi sembra di non riuscire a stare in piedi e poi ho dei problemi di incontinenza (non mi sento ansioso)...

[#3]  
Dr. Matteo Preve

40% attività
8% attualità
16% socialità
CONCESIO (BS)
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
il lavoro in psicologia è un lavoro che richiede tempo. All'inizio della terapia lo psicologo necessita del tempo necessario per poter comprendere quello che è il suo disagio, facendo un corretto assessment, per poter poi intervenire in maniera adeguata (lo psicologo deve avere il tempo necessario di lavorare con lei per poterla consigliare nel migliore modo possibile ed aiutarla).
Non sta raccontando una parte della sua vita, ma sta spiegando all psicologo la storia della sua sofferenza. Le domande dello psicologo sono rivolte e mirate a comprendere le origini della sua sofferenza, per intervenire successivamente nella maniera adeguata.
Comunque indipendentemente dal lavoro che sta svolgendo con lo specialista in psicologia, può sempre effettuare anche una visita psichiatrica per vedere se il suo stato si può giovare di un trattamento farmacologico.
Cordiali saluti.
Dr. Matteo Preve
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia Cognitiva

[#4] dopo  
Utente 265XXX

mi dispiace di medicinali non ne voglio prendere per nessun motivo al mondo...io non riesco a capire come ho fatto a cadere in questo abbisso; in questo tunnel se ricordo la persona che ero fino a l' anno scorso mi viene da pianger; perchè mi continuo a ripetere è impossibile che io sono arrivato a queste condizioni ;il ragazzo di prima dove è andato a finire?

[#5]  
Dr. Matteo Preve

40% attività
8% attualità
16% socialità
CONCESIO (BS)
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
per quale motivo non vuole prendere medicinali?
Le medicine sono utili e vengono utilizzate da noi medici quando vi è la necessità.
Molte volte le persone hanno dei pregiudizi riguardo alla terapia medica, ma questi pregiudizi si mostrano un freno al possibile miglioramento. Se esiste una possibilitá di miglioramento non vedo perché non poterla utilizzare (poter vedere se nel suo caso è possibile il giovamenteo dato da una terapia medica, che lo può dire solo uno specialista che la visita).
Cordiali saluti.
Dr. Matteo Preve
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia Cognitiva

[#6]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Come le ha detto il Dr. Preve può essere necessario un certo tempo prima che un intervento psicologico inizi a dare i suoi frutti.

Altrimenti, se ci dice che quella strada non le sembra quella giusta, e che di medicine non vuol prenderne, quale sarebbe secondo lei l'alternativa? Non credo pensi seriamente di poter risolvere attraverso un semplice consulto online.

Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#7] dopo  
Utente 265XXX

grazie per la gentilissima risposta; il problema è che nemmeno riesco a spiegarlo con sicurezza come mi sento...e non penso che sia depressione perche alcuni giorni mi sento meglio,alcune giorni mi sento strano; alcuni giorni sento come una paura interna senza avere nessun pericolo avanti;è come se non riesco piu a trovare la mia sicurezza ed andare avanti con la vita...
di colloqui psicologici ne ho fatti gia 8 ognuno a distanza di una settimana e non vedo miglioramenti....

[#8]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Quella che lei ha dato è una buona definizione dell'ansia: sentire paura senza avere nessun pericolo davanti. Può darsi però che non sia riuscito a trovare subito la persona o la cura adatta.

Da un punto di vista psicoterapeutico le cure per l'ansia più efficaci sono quelle focalizzate e attive, come la comportamentale e la breve strategica. In altre parole l'ansia si risolve meglio ricevendo compiti specifici da mettere in atto fra una seduta e l'altra. Questo se la diagonsi è di disturbo d'ansia.

Legga qui per informarsi:

https://www.medicitalia.it/minforma/psicoterapia/533-mini-guida-per-la-scelta-dell-orientamento-psicoterapeutico.html
-----
https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/233-la-psicoterapia-che-cos-e-e-come-funziona.html

Dica esplicitamente al suo psicologo che le sedute non stanno avendo effetto, se ancora non l'ha fatto.

Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#9] dopo  
Utente 265XXX

buona domenica il mio psicologo gia è a conoscenza che le sedute non hanno nessun effetto,lei mi dice di aspettare e di fare altre sedute perchè è troppo presto ancora per decidere.....
vi vorrei chiedere un altra cosa gentillissimo dottore ci sono alcuni giorni che sto meglio e in questo periodo vado anche a lavorare;ma mi sento fiacco è come se non riesco atirare fuori l energia che avevo prima.......e a me questa cosa mi abbatte molto perchè io fino a 6 o 7 mesi fa ero un ragazzo attivo,lavoratore, energico e non sentivo mai stanchezza e ad mi ritovo con questi problemi è come se si fosse scaricata la batteria..chè brutta cosa

[#10]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)
SIGNA (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Da un punto di vista di una terapia come la breve strategica, se dopo 8 sedute ancora non si vede alcun cenno di risultato, diventa sempre meno probabile che continuando con la stessa terapia e lo stesso terapeuta se ne possano vedere. Quando una psicoterapia funziona i risultati si devono vedere entro breve tempo. Altrimenti più tempo passa e più diventa difficile sbloccare il problema.

Sì, i sintomi li ha già descritti, ma da qui sarbbe davvero difficile fare direttamente qualcosa per lei. A meno di non darle amichevoli pacche sulle spalle, ma non credo sia questo che lei desidera.

Prenda in considerazione l'idea di rivolgersi a un terapeuta differente, se i curanti che l'hanno visitata finora hanno raccomandato cure di tipo psicologico. Non escluda però anche il ricorso ai farmaci, potrebbero essere quel qualcosa in più che le ci vuole per risollevarsi, potrebbe fare prima.

Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#11]  
Dr. Matteo Preve

40% attività
8% attualità
16% socialità
CONCESIO (BS)
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,
Le alterazioni affettive patologiche (umore e ansia) non sono sempre costanti, ma anche modificarsi comportando variazioni che possono essere da plurigiornaliere a giornaliere a settimanali. Inoltre se l'umore cambia c'è sempre una certa reattività e tensione nello stato d'animo.
Sentire le " pile scariche" come dice lei, può essere legato alle variazioni affettive (umore e ansia) che continuano ad essere presenti da 6 mesi.
Rivolgersi ad un terapeuta o ad uno psichiatra è comunque fondamentale, ma deve trovare anche una persona di cui si fida ed a cui può affidarsi nel proseguo della cura farmacologica o psicoterapeutica che sia.
Cordiali saluti.
Dr. Matteo Preve
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia Cognitiva

[#12] dopo  
Utente 265XXX

in questi giorni ho sentito parlare nel mio paese di prodotti omeopatici personae che sono riusciti a guarire con questi medicinali e grazie anche ad una dotoressa bravissima voi che ne dite... il fatto che da quando mi sono successe queste cose sono diventato una persona insicura di me stessa e non saprei nemmeno dire se tutte le cose4 che vi ho raccontato prima sono vere o sono solo mie fissasioni...ecco quello che mi turba di più ed ho di sbagliare tutto non riesco a trovare piu la mia sicurezza e non riesco a vivere un giorno in santa pace ho sempre pensieri che mi turbano la testa

[#13]  
Dr. Matteo Preve

40% attività
8% attualità
16% socialità
CONCESIO (BS)
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
cerchi di fare riferimento al suo psichiatra di fiducia e segua il suo consiglio, in quanto in questo modo puó essere sicura di effettuare le giuste considerazioni in merito alla sua malattia ed puó essere consigliata nella maniera piú adeguata riguardo alla terapia faramcologica o no da intraprendere.
Cordiali saluti.
Dr. Matteo Preve
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia Cognitiva