x

x

Stato fortemente ansioso e umore depresso

Egregi Dottori

Sono uno studente universitario di 30 anni, e da molto tempo soffro di attacchi di panico (la maggior parte delle volte assolutamente controllabili). Da un po' di mesi (circa 4) il mio umore è decisamente depresso, anche se ho notato una varianza dello stato umorale che può passare da "normale" a depresso con anche pensieri spiacevoli (credo normali per un depresso, anche se comunque non c'è nessuna intenzione di attuazione di gesti estremi o cose del genere, anzi! Anzi mi agito perchè mi fa star male averli certi pensieri!) Credo che il mio problema derivi da uno stato fortemente ansioso causato dal non sentirsi ancora realizzato, avere in mano la proria vita, essere indipendente ecc (ho 30 anni e devo ancora laurearmi, ma manca poco, eppure mi sembra sempre un traguardo lontano), in più ciò mi scatena anche del senso di colpa nei confronti dei miei genitori ecc. Al momento su consiglio del medico curante sto assumendo Lexotan con posologia 10 gtt+10gtt
ma a parte lo stato ansioso non mi è utile per gli atri sintomi.Aggiungo che sono fidanzato e il rapporto ha i suoi normali alti e bassi anche se negli ultimi tempi a causa di problemi non dovuti a me la vita sessuale è praticamente azzerata e ciò lo vivo come un disagio. La mia domanda è: consigliate una visita psichiatrica con eventuale assunzione di regolatori dell'umore (peraltro sarebbero ben accetti se mi velocizzano la remissione dei sintomi) coadiuvato alla psicoterapia, oppure consigliate solo la psicoterapia? Grazie in anticipo!
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 37.6k 897 60
Gentile utente,

il consiglio principale è quello di rivolgersi ad uno psichiatra che valuterà il trattamento più adatto eventualmente associato ad un percorso psicoterapeutico in condizioni di elegibilità.

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Dr Ruggiero La ringrazio per la solerte risposta! E sicuramente accetterò il suo consiglio! Una domanda: cosa significa in condizioni di elegibilità?
Poi un'altra cosa: ho dimenticato di scrivere, che a partire dai 14-15 anni con le primi crisi d'asma (forse erano accentuate anche dal panico) ho iniziato a dormire poco, perchè letteralmente avevo paura di prendere sonno...Può essere che le sintomatologie che riferisco siano anche o (soprattutto) causate dalla cronica ormai privazione di sonno?In più dovevo aggiungere che mi era capitata una crisi simile a quella di cui ho scritto nel post precedente nel 2005 che però era poi passata da sola (avevo preso un po' di Xanax per un brevissimo periodo). Volevo anche chiedere se questi sono problemi risolvibili in tempi decenti, perchè appunto dovendo studiare non riesco a concentrarmi molto, e soprattutto vorrei stare semplicemente bene come prima! Ha anche qualche consiglio su come affrontare la giornata quando sento che mi prendono i sintomi?
Grazie mille per la disponibilità e per l'ottimo servizio che offrite!
[#3]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 37.6k 897 60
Significa che la valutazione al trattamento psicoterapeutico precede il trattamento e valuta le possibilità di applicazione.

Per velocizzare il miglioramento il trattamento farmacologico ha più indicazione.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Gentili Dottori

Ieri sono stato dal mio medico di base e mi ha prescritto come cura quanto segue:

1)Tricortin 1000 + liposom forte intramuscolo

2)Cipralex 5gtt 1 volta/die

Volevo sapere il vostro parere sulla bontà della terapia!
una curiosità: da studente di CTF, quando abbiamo trattato tutti i farmaci per il sistema nervoso e per i disturbi psichiatrici, non mi ricordo di essermi imbattuto nei fosfolipidi e nella cianocobalamina come regolatori dei neurotrasmettitori; la mia domanda è qual è il loro meccanismo d'azione? Cioè come intervengono nella regolazione del turnover della 5-HT e le altre ammine endogene? Non si finisce mai di imparare!
Grazie in anticipo!
[#5]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 37.6k 897 60
Sarebbe preferibile sentire il parere di uno psichiatra per una prescrizione più appropriata.
[#6]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottor Ruggiero

Dice che la cura che sto facendo non va bene?
[#7]
dopo
Utente
Utente
Egregio dottor Ruggiero:

premetto che è un po'di giorni che soffro di flatulenza e feci liquide; ho notato però da quando ho iniziato il Cipralex (l'ho preso 3 volte) la diarrea è peggiorata e ho scariche più frequenti e molto più acquose.
Può esserci correlazione oppure è un'evoluzione del mio problema intestinale già presente? Può essre un'avvisaglia di eccesso di serotonina?

Grazie!
[#8]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 37.6k 897 60
La diarrea è un effetto collaterale possibile, ma non molto comune.

Il dosaggio di antidepressivo risulta essere insufficiente per il trattamento di disturbi della sfera ansiosa se lasciato al dosaggio di 5mg.

L'utilizzo di vitamine raccoglie pareri piuttosto contrastanti e non sempre condivisibili.

Sarebbe preferibile sentire il parere di uno psichiatra.
[#9]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio dottor Ruggiero!

Prenderò quanto prima un appuntamento con uno/una psichiatra della mia zona! nel frattempo continuo con la terapia che comunque male non farà!